Home / Cronaca  / Confische alla mafia, la legge dell’Antimafia
   

Confische alla mafia, la legge dell’Antimafia

 

Gravi lacune nel riutilizzo sociale dei beni confiscati alla criminalità organizzata: la Commissione regionale antimafia propone una legge. L’intervento di Claudio Fava.

La Commissione regionale antimafia, presieduta da Claudio Fava, è pronta a sfornare una nuova legge. E auspica che entro il 2021 sia approvata dall’Assemblea. Lo stesso Fava spiega e premette: “La più grande agenzia immobiliare del mondo è italiana, ma è molto carente di risorse umane”. E il presidente dell’Antimafia si riferisce all’Agenzia nazionale per i beni confiscati, che ha la responsabilità di oltre 19mila tra immobili, aziende e terreni sequestrati alle mafie. Più di un terzo è in Sicilia, dove sono 7.200 i beni non ancora riassegnati per usi sociali. E Fava aggiunge: “L’Agenzia nazionale è nata per gestire l’immenso patrimonio di immobili, terreni e soprattutto aziende sottratte alla criminalità organizzata grazie alla legge Rognoni- La Torre del 1982. E non riesce con il suo operato ad andare oltre al momento repressivo, ovvero la restituzione del bene alla collettività. Oggi l’Agenzia è sotto organico del 60 per cento, ed è trattata non come una risorsa ma come un centro di sottogoverno qualunque. Ecco perché occorrono investimenti e competenze, non solo nell’Agenzia ma anche negli Enti locali. E serve che la Regione si ponga come asse di collegamento tra l’Agenzia nazionale e gli Enti locali, i Comuni, perché questo è il suo compito. Per tentare di garantire ciò è pronta per essere votata la nostra legge, condivisa da tutti i gruppi politici. Abbiamo già sollecitato il presidente dell’Assemblea, Gianfranco Miccichè, e il voto dovrebbe arrivare in autunno”. E poi Claudio Fava, più nel dettaglio, si sofferma sui contenuti della proposta di legge, e afferma: “L’idea di fondo è quella di vedere i beni confiscati come una risorsa. Tra i punti fondamentali, la legge istituisce, presso la Presidenza della Regione, l’Ufficio speciale regionale per la valorizzazione dei beni confiscati, come struttura centrale di supporto alle Amministrazioni locali e all’Agenzia nazionale. Accanto all’Ufficio speciale vi sarà un Osservatorio regionale sull’utilizzo dei beni costituito come raccordo tra l’azione amministrativa e quella della società civile. Inoltre si procederà ad una mappatura dei beni, che è uno dei compiti finora non assolti per mancanza di risorse da parte dell’Agenzia nazionale. E al fine di rafforzare le scarse risorse dei Comuni, dove nell’ambito delle confische lavorano uno o massimo due tra impiegati e funzionari, la nostra proposta di legge introduce, oltre a nuovi percorsi formativi specifici, anche un Fondo di 10 milioni di euro, che sosterranno le Amministrazioni locali a individuare beni e modalità per l’accesso, la gestione e l’utilizzo, da sottoporre poi ad un apposito decreto del presidente della Regione, da emanarsi su proposta dell’Assessore regionale per l’Economia, previo parere della Commissione regionale antimafia”.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO