Home / Secondo Piano  / Naufragio “Nuova Iside”, giudizio immediato
   

Naufragio “Nuova Iside”, giudizio immediato

 

Il Tribunale di Palermo ha disposto il giudizio immediato, quindi subito il processo scavalcando il filtro dell’udienza preliminare allorchè ricorre l’evidenza della prova, a carico dei tre imputati del naufragio della “Nuova Iside” a Terrasini. Si tratta del sottoufficiale di coperta Giuseppe Caratozzolo, il comandante Gioacchino Costigliola, e il timoniere Mihai Jorascu. I tre, che sono stati parte dell’equipaggio della petroliera “Vulcanello”, sarebbero responsabili dell’affondamento del peschereccio di Terrasini, “Nuova Iside”, che provocò la morte di Matteo, Giuseppe e Vito Lo Iacono. La causa dell’affondamento è stata una collisione, accertata grazie alla scatola nera e a varie indagini info-tecniche. Il peschereccio affondò il 12 maggio del 2020 a largo di San Vito Lo Capo. La Guardia Costiera recuperò due dei tre membri dell’equipaggio, Matteo e Giuseppe. Oltre un mese dopo è stato invece rinvenuto sulla spiaggia di Gioia Tauro in Calabria il corpo del terzo pescatore, Vito. La prima udienza è in calendario il 2 novembre.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO