Home / 2021 / Giugno (Pagina 23)

Diventa definitiva l’assoluzione dell’ex presidente di RFI e dell’AST, Dario Lo Bosco, accusato di concussione.

In primo grado, al termine del rito abbreviato, Lo Bosco era stato condannato a 4 anni e 2 mesi, insieme a Salvatore Marranca funzionario regionale della Forestale; 4 anni e mezzo per Giuseppe Quattrocchi, anche lui funzionario. In Appello, invece, tutti e tre erano stati assolti poiché le dichiarazioni di un imprenditore agrigentino erano state giudicate prive di riscontro o incongruenti.

Lo Bosco e i due funzionari regionali sono stati assolti pure in Cassazione.

Le indagini erano partite da un imprenditore ritenuto che pagava tangenti. Lo Bosco, secondo l’accusa, avrebbe accettato 58.650 euro per spingere Rfi ad acquistare un sensore per il monitoraggio dell’usura delle carrozze ferroviarie affittate a terzi. Quattrocchi e Marranca invece, avrebbero ricevuto complessivamente circa 250mila euro: in cambio avrebbero evitato intoppi nei lavori di ammodernamento della rete di radiocomunicazioni della Forestale.

Adesso il verdetto della Cassazione dove decisive sono state anche le dichiarazioni dell’imprenditore per il suo atteggiamento altalenante e tante ritrattazioni che hanno reso prive di riscontri le sue dichiarazioni.

 

 

A Naro è stato collocato un defibrillatore a fianco dell’ingresso del Municipio. Lo strumento salvavita è stato donato dalla famiglia del defunto Giuseppe Brandara, fratello della sindaca Mariagrazia. La stessa famiglia si occuperà anche della manutenzione dell’apparecchio. Elena, figlia di Giuseppe Brandara, commenta: “Abbiamo deciso di donare questo defibrillatore alla città ponendolo proprio all’ingresso del luogo in cui mio padre ha lavorato. Voglio ringraziare Eugenio Scanio che, gratuitamente, ha ripristinato la cassetta che era già presente, e la ferramenta Curto per aver omaggiato il materiale necessario.

Incidente stradale mortale a Palermo, nottetempo, intorno all’una, lungo viale Margherita di Savoia, dove Nicolò Acquisto, 32 anni, alla guida di un motociclo Piaggio Beverly, si è scontrato, per cause in corso di accertamento, con un’automobile, una Seat Leon, ferma in attesa che scattasse il verde ad un semaforo. Nicolò Acquisto è sbalzato dalla sella ed è morto sul colpo. Sul posto hanno lavorato Polizia, Vigili urbani, e i sanitari del 118.

È dovuta intervenire la polizia per calmare la furia dell’uomo che era seduto in un ristorante a Villaggio Mosè ad Agrigento, insieme a sua moglie.
I due poi hanno iniziato a litigare, la situazione e degenerata e l’uomo sotto gli occhi di camerieri e clienti ha scaraventato addosso alla moglie piatti, bicchieri e cibo.
In quel momento il personale ha chiamato le forze dell’ordine che sono giunte tempestivamente

16 arresti effettuati dai carabinieri di Caltanissetta, nel corso di una operazione coordinata dalla Dda locale, mirata a smantellare un’organizzazione criminale nigeriana, che gestiva un traffico di stupefacenti.
il clan denominato “Ika Rima”, con base nel centro storico del capoluogo, sarebbe un’articolazione della storica organizzazione criminale nigeriana cultista denominata “Eiye”, presente in Italia ed in Europa, dedita principalmente al traffico degli stupefacenti ed al controllo della prostituzione

Si è svolto presso il Palazzo della Provincia l’incontro con il Commissario Straordinario dell’Ente, Generale Vincenzo Raffo e il Panathlon Club di Agrigento rappresentato per l’occasione, dal Presidente Gerlando Amato e dai componenti il Consiglio Direttivo Angela Giglia, Luigi Tropia e Pasquale Mauro. Nel corso dell’incontro, dopo il rituale saluto da parte del Presidente del Club, è stato evidenziato l’importante ruolo sociale che la pratica sportiva riveste nella società e in particolare nel mondo dei giovani. Durante l’incontro il Presidente Amato ha auspicato, da parte delle istituzioni pubbliche, una maggiore attenzione verso il mondo sportivo.

Al Commissario del Libero Consorzio sono stati consegnati il gagliardetto del Club e la pubblicazione dei “ 50 anni di vita del Club”. Sono state illustrate alcune delle principali Carte del Panathlon International e in particolare: “La Carta del Fair Play”, la carta dei “ Diritti dei Ragazzi a Praticare Sport” e la “Carta dei Doveri del Genitore a far Praticare lo Sport ai Giovani” molto attuale, quest’ultima, considerato il particolare momento sociale che si sta vivendo.

E’ stato chiesto, inoltre, al Commissario dell’Ente un successivo incontro per la sottoscrizione della “ Carta di Gand sull’Etica dello Sport Giovanile”, al fine di promuovere l’etica e la pratica sportiva. L’occasione è servita per promuovere la manifestazione del 70° anniversario della fondazione del Panathlon International avvenuta a Venezia, che avrà luogo ad Agrigento giorno 12 giugno 2021 e che vedrà proiettato sul prospetto della biblioteca comunale di Agrigento il logo dell’Evento dalle ore 20.
Alla fine del cordiale incontro è stato rivolto al Commissario l’invito a partecipare all’evento.

A Palermo la Guardia di Finanza ha eseguito cinque misure cautelari e sequestrato beni per 500mila euro ai presunti componenti di una organizzazione criminale indagati di associazione a delinquere, esercizio abusivo dell’attività finanziaria, usura, estorsione e auto-riciclaggio. Uno è in carcere, tre ai domiciliari, e ad un altro è stato imposto il divieto di dimora a Palermo. Il capo dell’organizzazione sarebbe stato Salvatore Cillari, il quale avrebbe gestito la banda di usurai che dal 2016 in poi avrebbe prestato denaro, per un ammontare di circa 150mila euro, a tassi fino al 140% a decine di vittime, tra imprenditori, professionisti, antiquari e nomi eccellenti dello spettacolo come il conduttore Marco Baldini. Cillari è in carcere, il figlio Gabriele ai domiciliari, così come Matteo Reina e Giovanni Cannatella. Il divieto di dimora è stato imposto ad Achille Cuccia.

A Licata I poliziotti del Commissariato di Licata, coordinati dal vice questore, Cesare Castelli, hanno denunciato a piede libero alla Procura di Agrigento, per abbandono di animali, un uomo di 50 anni che ha posteggiato la propria automobile sotto il sole e ha lasciato dentro il suo cane per circa 3 ore, con i finestrini chiusi. Una donna se ne è accorta e ha subito telefonato alla Polizia. E’ intervenuto anche un veterinario che ha condotto il cane nel suo studio, e gli ha diagnosticato uno choc termico.

La sig.ra C.M. di anni 55, titolare di una ditta individuale con sede in Favara , esercente l’attivita’ di estrazione, fornitura e trasporto di terra e materiali inerti, aveva chiesto alla Prefettura di Agrigento l’iscrizione nell’elenco di fornitori di beni e prestatori di servizi (cd. White List) nel 2016; non avendo ricevuto alcun riscontro nel 2017 reiterava l’ istanza e nel mese di dicembre del 2017 riceveva una nota di carattere interlocutorio.

Pertanto la titolare della ditta proponeva un ricorso davanti al TAR Sicilia Palermo, con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Calogero Marino, per la declaratoria di illegittimita’ del silenzio serbato dalla Prefettura sull’istanza presentata.

Il TAR accoglieva il ricorso ordinando alla Prefettura di provvedere sull’istanza e condannando l’amministrazione al pagamento delle spese giudiziali.

A questo punto la Prefettura rispondeva, negando l’iscrizione alla white list, ed emettendo un’informativa interdittiva basata sul fatto che la richiedente fosse figlia di C.C., pregiudicato per associazione mafiosa, sorella di C.G. sottoposto ad una condanna di primo grado per associazione mafiosa e coniugata con S.S. cui era stata irrogata una condanna in primo grado per associazione mafiosa.

La signora C. M ha allora proposto un nuovo ricorso davanti al TAR Sicilia, sempre con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Calogero Marino, contro la Prefettura di Agrigento per l’annullamento, previa sospensione, dell’informativa interdittiva., integrato da successivi motivi aggiunti di ricorso a seguito di una nuova relazione istruttoria depositata in giudizio dalla Prefettura.

In particolare, gli avvocati Rubino e Marino hanno censurato il provvedimento impugnato sotto il profilo dell’eccesso di potere per difetto d’istruttoria e carenza di motivazione, giacché il padre della ricorrente era deceduto nel 2015, il fratello della ricorrente era stato assolto in secondo grado con sentenza della Corte d’Appello di Palermo dall’accusa di associazione mafiosa ed infine il marito della ricorrente, non risulta più convivente con la stessa essendo intervenuta una separazione legale tra i coniugi risalente al 2008.

Si è costituita in giudizio la Prefettura di Agrigento, con il patrocinio dell’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Palermo, per chiedere il rigetto del ricorso, previa reiezione della richiesta cautelare avanzata dai difensori.

Ebbene il TAR Sicilia Palermo, sezione prima, ritenendo fondate le censure formulate dagli avvocati Rubino e Marino, ha dapprima accolto l’istanza cautelare ed infine ha annullato i provvedimenti interdittivi irrogati a carico della ditta ricorrente.

Da ultimo, in esecuzione della sentenza emessa dal TAR Palermo, la Prefettura di Agrigento ha iscritto la ditta favarese nella white list, procedendo nel contempo al rilascio della informativa c.d.liberatoria.

Pertanto, per effetto dei superiori provvedimenti, la ditta favarese potrà nuovamente stipulare contratti con la Pubblica amministrazione ed ottenere concessioni ed erogazioni e qualsiasi altra utilità pubblica.

La Procura di Agrigento ha chiesto al Tribunale il rinvio a giudizio di un uomo di 90 anni di Aragona, Gaetano Faija, imputato di stalking a danno di una donna di 52 anni, già a suo servizio come badante, perseguitata a tal punto che, in occasione del matrimonio di lei, lui l’avrebbe derisa raccontando agli invitati di essere il suo amante e che il marito di lei era solo un pappone che la sfruttava. E poi, ancora, pedinamenti e minacce di morte, anche brandendo un coltello o prospettando un investimento con l’automobile. La prima udienza preliminare innanzi al giudice Stefano Zammuto è in calendario il prossimo 29 giugno.