Home / In evidenza  / Netturbini di nuovo senza stipendio, malcontento e minaccia di nuovi scioperi
   

Netturbini di nuovo senza stipendio, malcontento e minaccia di nuovi scioperi

 

C‘è di nuovo malumore e malcontento tra i lavoratori delle imprese che hanno in gestione il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani di Favara. Il motivo, e che lo diciamo a fare, è il mancato pagamento dello stipendio, anzi degli stipendi, le mensilità di Aprile e Maggio che ad oggi, 22 giugno 2021 non sono stati ancora corrisposti. Praticamente la storia si ripete in maniera ciclica, lo avevamo preannunciato senza voler essere delle funeste Cassandre.

Non hanno risolto niente a lungo termine e non hanno portato alcun miglioramento della situazione a breve termine, ne lo stato di agitazione ed i relativi scioperi, ne le riunioni in Prefettura o gli incontri con i responsabili delle imprese e l’amministrazione comunale; solo il pagamento di qualche mensilità scaduta a seguito della protesta. Lo stipendio non arriva regolarmente a fine mese, e non arriva neanche alla fine del secondo mese, con il terzo ormai in dirittura d’arrivo.

Oggi, a fine turno, pare ci sia stato un incontro (in verità gli incontri sono praticamente giornalieri) informale tra i netturbini e l’assessore Maria Laura Maggiore. All’esponente della Giunta comunale della sindaca Anna Alba, (che non è l’assessore al ramo ma essendo parte integrante dell’amministrazione ed essendo quella che gestiste le finanze comunali ha deciso di prendere di petto la vicenda e seguirla quotidianamente non solo dal punto di vista amministrativo-contabile, ma anche operativo) vista l’assenza sul campo del super assessore ai servizi ambientali Davide Romeo, gli operatori ecologici hanno manifestato tutto il loro malcontento, lamentando , appunto, il mancato pagamento delle mensilità e quindi il venir meno degli accordi che avevano portato i netturbini a riprendere ed incrementare il loro lavoro.

Le Ditte debbono assicurare il servizio pena una eventuale denuncia, ma è giusto evidenziare che anche a loro non vengono pagate con regolarità le fatture. Il Comune deve, infatti, liquidare i mesi di Gennaio, Febbraio, Marzo e Aprile già scadute e maggio di prossima scadenza. Quindi stando così le cose le Ditte hanno già anticipato ai loro lavoratori le due mensilità previste dal contratto, anzi ne hanno pagate 3 non ricevendo di contro il pagamento delle relative fatture da parte del Comune.

Dopo oltre un mese dalla nomina non si vede, o forse non c’è ancora stata, la cura prospettata da Davide Romeno all’atto del suo insediamento. In verità lui non si è visto neanche fisicamente considerato che giornalmente le cronache sanciscono la presenza sul campo dell’assessore Maggiore, che ancor prima che il sole si alzi in cielo, lei è in giro per le strade unitamente a Peppe Pullara e Gerlando Mazza visionare il lavoro dei netturbini.aria Laura Maggiore afferma che il miglioramento del servizio ha prodotto anche un aumento nel numero di cittadini che stanno pagando le rate della TARI. Queste entrate e le somme che saranno accreditate dal Fondo Perequativo serviranno a pagare le fatture emesse dalle ditte.

 

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO