Home / costume e società  / Gli auspici al “Giro di boa”
   

Gli auspici al “Giro di boa”

 

di Toto Cacciato

La fine della pandemia, della quale siamo in fiduciosa attesa, aprirà  una nuova era, sarà un nuovo capodanno e da dove eravamo rimasti proseguire al meglio, in tutti i campo.

Sarà un giro di boa, mutuato dalla bella immagine, dell’artista americano Edward Hopper. Questo è il buon  auspicio, a che avvenga presto.

Questa volta vogliamo lasciare con la terribile pandemia tutto ciò che non era in ordine con etica e spirito, ritornare a  stare insieme  con gli altri, serenamente, con fiducia, senza che un  fatale colpo di tosse possa innestare una tragedia.

Non entriamo nelle dinamiche e polemiche dei vaccini, delle aperture, dei rimborsi.

L’augurio è che siano risolti al meglio.

Noi, inopinatamente abbiamo fiducia che dopo tutte le discussioni, si riesca a far bene in tutte le evidenze amministrative, burocratiche, al riparo di  velate imposizione e di complicati equilibri di area politica;  dalle nostre conoscenze casalinghe cosa possiamo dire d’altro, possiamo dire fate i bravi e siate a posto con la vostra coscienza.

Noi non vorremmo più sentire, ogni sera, quell’atroce numero dei deceduti. Affrettiamo il giro di boa.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO