Home / 2021 / Febbraio (Pagina 18)

Ad Agrigento, a San Leone, al lungomare, sono state installate nuove e originali strisce pedonali. Si tratta di strisce costruite con materiale plastificato, di maggiore durata rispetto alla consueta vernice. Le strisce sono collocate sull’asfalto con un cannello bruciatore, così la plastica si scioglie con l’asfalto e non è rimossa al passaggio delle ruote e non si sporca neppure. Resiste alla pioggia e al sole ed è catarifrangente, grazie alla sabbia di vetro, contenuta all’interno, che brilla con la luce. Il sindaco Franco Miccichè prevede il montaggio delle stesse strisce anche in altre parti della città.

I capigruppo all’Assemblea Regionale hanno stabilito il calendario dei lavori per l’approvazione della Finanziaria regionale, per la quale però è difficile l’approvazione entro il termine del 28 febbraio. Tale data è stata auspicata per rispettare del tutto il recente accordo con lo Stato sul pagamento a rate del disavanzo, ma alcuni passaggi inderogabili provocano lo slittamento dell’approvazione ai primi giorni di marzo. Per il mancato rispetto della data del 28 febbraio non dovrebbero comunque insorgere problemi tra Stato e Regione: in considerazione del periodo storico e delle ragioni tecniche di tale “sforamento”, ciò non dovrebbe inficiare i contenuti dell’intesa. Le commissioni di merito lavoreranno a bilancio e finanziaria fino al 23 febbraio, mentre l’esame in commissione Bilancio è previsto dal 24 febbraio al 3 marzo. La manovra dovrebbe dunque essere incardinata in aula il 5 marzo con il termine per gli emendamenti fissato per il 7 marzo. L’8 marzo l’esame a sala d’Ercole del bilancio. Il 9 della finanziaria.

Angelo Ruoppolo (Teleacras)

In coerenza con le linee guida della Regione Sicilia, in merito all’attuazione del Fondo Sociale Europeo del FESR, il Consorzio Universitario ECUA promuove l’ambizioso progetto “Global Learning II, Ricerca e Formazione per nuove opportunità nel mondo del lavoro”.

Il progetto si rivolge a studenti universitari e delle ultime classi degli Istituti Superiori di II grado, in collaborazione con la “Scuola del Musical”, l’Istituto Superiore Musicale “A. Toscanini”, l’Associazione “Strada degli Scrittori” e l’Associazione “MENO”.

L’obiettivo è quello di promuovere attraverso attività progettuali, nuove competenze specifiche in aree strutturate di formazione come :

Il corso di Formazione sul Teatro Antico “Archè”, per studenti universitari e delle ultime classi soprattutto ad indirizzo classico ed umanistico, che mira a guidare i partecipanti lungo i passaggi necessari per interpretare sulla scena i vari autori del Teatro antico e moderno. Alla fine del corso, è previsto un saggio con le caratteristiche di un vero e proprio spettacolo, dove gli studenti metteranno in scena le Opere oggetto di studio, con successive repliche;

 Il corso di Formazione “Artistico Musicale” che prevede l’alternanza di ore di lezione didattica e laboratori musicali, con lo scopo di diffondere l’interesse su temi culturali di rilevanza, con un linguaggio motivante e coinvolgente quale la musica;

Il corso di Formazione “Scenografia e Drammaturgia dello Spazio”, per tecnico di costruzione, scenografie teatrali e cinematografiche, approfondendo le tecniche necessarie alla realizzazione di scene per rappresentazioni teatrali di prosa o musicali;

 Il corso di Formazione per “tecnico audio e luci per lo spettacolo” dove verranno insegnate le tecniche necessarie per coadiuvare le rappresentazioni teatrali con luci d’effetto e audio necessari alla buona riuscita degli spettacoli. I moduli si svolgeranno con la collaborazione di prestigiosi docenti del Politecnico di Milano, del corso di laurea specialistica di “Music and Aengineering e con il CPM Music Institute;

 Il corso di Formazione di scrittura “Le parole della politica”, che intende recuperare e valorizzare la forte tradizione letteraria del territorio.

Le iscrizioni potranno essere effettuate secondo quanto previsto da appositi bandi che saranno pubblicati sul sito istituzionale “www.uniag.it” di Empedocle Consorzio Universitario di Agrigento.

Ulteriori informazioni, saranno disponibili sui nostri canali social: Facebook, Instagram e Twitter.

Tutti i corsi saranno fruibili su piattaforme online, in ottemperanza alla normativa anticontagio.

Finiscono davanti al giudice Salvatore e Calogero Termini, di 63 e 30 anni, arrestati dai carabinieri lo scorso aprile, per essere stati trovati in possesso – durante una perquisizione nella loro abitazione – di 617 grammi di cocaina, 5 grammi di marijuana, 12.540 euro in contanti e un assegno di tremila euro oltre a due bilancini di precisione e del materiale che si utilizza per il taglio e il confezionamento.

Il figlio, durante l’interrogatorio, avrebbe cercato di scagionare il padre dichiarando di essere un tossicodipendente e dunque il possessore unico di tutta quella droga, assumendosi così tutta la responsabilità, e dichiarando altresì che il padre non risiedeva in quella abitazione, che si trovava lì per il lockdown e che quindi la droga non era finalizzata allo spaccio.

Ma durante la perquisizione i militari dell’arma avevano rinvenuto pizzini con nomi, cifre e indicazioni di acquirenti e debitori e da questo dettaglio si avviano le indagini.

Il gip Alessandra Vella, al termine dell’interrogatorio di convalida, aveva bocciato la tesi difensiva del trentenne su tutti i fronti definendola anche “Illogica e incoerente” oltre a “smentita dalle emergenze investigative”. Il caso era poi arrivato in aula, per il giudizio immediato su richiesta del pm Paola Vetro.

La vicenda è approdata in aula in seguito alla decisione del giudice di disporre, accogliendo la richiesta del pm Paola Vetro, il giudizio immediato.

Sulla Gazzetta Ufficile di ieri 18 febbraio, è stato pubblicato il decreto del ministro Lamorgese, che stabilisce i criteri e le modalità di gestione del contributo statale di 375mila euro attribuito, per l’anno 2020, a ciascuno dei comuni siciliani di Lampedusa e Linosa, Porto Empedocle, Pozzallo, Caltanissetta, Vizzini, Messina, Siculiana e Augusta per fronteggiare le necessità legate al contenimento della diffusione del Covid-19 e a garantire la regolare gestione dei flussi migratori, anche sul piano sanitario.

Il decreto stabilisce che gli enti beneficiari dovranno utilizzare il contributo per le prestazioni di assistenza, anche sanitaria, nei confronti dei migranti nonché per la realizzazione di interventi, anche di natura strutturale, e di attività connesse alla presenza di migranti nel territorio nazionale.

Entro il prossimo 28 febbraio, i comuni dovranno presentare al ministero dell’Interno, un piano dettagliato degli interventi e, entro il 31 luglio 2021, un rendiconto corredato da una relazione che illustra le risorse finanziarie utilizzate e i risultati raggiunti.

Numerosi esponenti del Partito Democratico siciliano, componenti della Direzione regionale del partito, hanno firmato una lettera – appello tramite cui propongono la nomina del sindaco di Lampedusa, Totò Martello, a Sottosegretario all’Immigrazione. Nella lettera, tra l’altro, si legge: “Chiediamo la convocazione urgente della Direzione regionale del Pd per proporre al segretario nazionale Nicola Zingaretti di indicare il sindaco di Lampedusa e Linosa Totò Martello nella lista dei Sottosegretari del governo Draghi, quale delegato ai temi dell’Immigrazione e delle Isole Minori. Il sindaco Martello ha una lunga e consolidata esperienza sui temi dei flussi migratori e delle esigenze delle Isole Minori, che garantirebbe un importante contributo al lavoro del governo nazionale. Questa scelta rappresenterebbe anche il giusto e doveroso riconoscimento all’impegno, conosciuto ed apprezzato a livello internazionale, che Lampedusa e la sua comunità hanno sempre dimostrato di fronte all’emergenza umanitaria legata all’arrivo di migranti”.

Dopo 20 anni dall’ultimo parto registrato sull’isola di Linosa, sorella minore di Lampedusa, nelle Pelagie, nottetempo è nato Samuele Tuccio, figlio di Gabriele e Maria Gloria Mascari. Alla madre si sono rotte le acque e il bimbo è nato prima che arrivasse l’elisoccorso che ha poi trasferito puerpera e neonato all’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento. Venti anni addietro è successo lo stesso nella stessa famiglia: a nascere in anticipo rispetto alla data prevista per il parto fu la sorella della partoriente della scorsa notte.

Panico la notte scorsa in via Pitrè a Caltanissetta per un incendio che, intorno alle ore 3, ha coinvolto tre automobili e un camper. A causa delle fiamme è esplosa una bombola contenuta all’interno del camper. E’ scaturito un boato che è stato udito a distanza di chilometri. Per fortuna vigili del fuoco e polizia hanno circondato l’area in sicurezza, ma hanno rischiato di rimanere coinvolti nell’esplosione. Lo scoppio infatti è avvenuto quando già i vigili del fuoco sono stati intenti a spegnere l’incendio, e ha spaccato i vetri di alcune finestre e divelto alcune tapparelle dei palazzi circostanti. L’onda d’urto è stata violentissima e ha provocato paura tra i residenti. Sul posto la polizia scientifica ha eseguito i rilievi. Da accertare è l’origine del fuoco.

A Palermo, in Corte d’Appello, la Procura Generale, a conclusione della requisitoria, ha proposto la conferma delle condanne emesse in primo grado dal Tribunale, in abbreviato, a carico di tre imputati nell’ambito di un’inchiesta, sostenuta dai Carabinieri della Compagnia di Sciacca, che ha sollevato il velo su presunti abusi sessuali perpetrati tra Menfi e Gibellina a danno di una ragazzina di 14 anni che sarebbe stata costretta a prostituirsi con la complicità della madre. Dunque, 8 anni di reclusione per la madre, e poi 6 anni, per Vito Campo, 69 anni, di Menfi, e 4 anni per Calogero Friscia, 25 anni, anche lui di Menfi.

Il “punto” sulla gestione della pandemia coronavirus in Sicilia, tra dati, campagna vaccinale e screening. Stabile la curva dei contagi.

Si mantiene stabile la curva dei contagi Covid in Sicilia. Sono 480 i nuovi positivi, 4 in meno rispetto al precedente bollettino del ministero della Salute, con 24.774 tamponi processati e una incidenza di poco inferiore al 2,0% rispetto alla media nazionale del 4,8%. La regione è all’undicesimo posto nel numero dei nuovi casi giornalieri. Le vittime sono state 26 e portano il totale a 3.941. Le persone attualmente positive sono 33.004, con una diminuzione di 651 casi. I guariti sono infatti più del doppio dei nuovi contagiati: 1.105. Negli ospedali continuano a diminuire i ricoveri: sono 1.075, 40 in meno. Diminuiscono anche quelli in terapia intensiva: 145, ovvero 9 in meno. La distribuzione nelle province vede Palermo con 176 casi, Catania 111, Messina 51, Siracusa 50, Caltanissetta 29, Ragusa 24, Agrigento 16, Enna 16, Trapani 7. Sul fronte della campagna vaccinale, i dati settimanali della Fondazione Gimbe collocano la Sicilia all’undicesimo posto tra le regioni per quanto riguarda la popolazione che ha completato il ciclo delle vaccinazioni: 2,07%, rispetto a una media nazionale del 2,18%. In miglioramento i dati dei contagi e dei ricoveri: sono 707 gli attualmente positivi ogni 100 mila abitanti; 25% i posti letto occupati in area medica per i pazienti affetti da Covid e il 19% quelli in terapia intensiva. Buone notizie anche per quanto riguarda lo screening. All’aeroporto di Palermo ‘Falcone Borsellino’ sono attivi i test rapidi di seconda generazione. il commissario per l’emergenza Covid a Palermo, Renato Costa, spiega: “Il risultato dei test antigenici di ultima generazione sono più veloci ed economici e anche più affidabili, come i tamponi molecolari. Ovviamente eseguiamo all’occorrenza anche i molecolari”. Infine il Dap, ossia il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, conferma la presenza di un focolaio all’interno del carcere “Lorusso” di Palermo, nella zona di Pagliarelli, con 42 detenuti contagiati (41 dei quali asintomatici) e 12 agenti penitenziari, a cui sono da aggiungere tre appartenenti al personale amministrativo.