Home / 2021 / Gennaio (Pagina 12)

Sono finiti in carcere i tre manager del settore della moda accusati a vario titolo di violenza sessuale nei confronti di minorenni e induzione alla prostituzione minorile. Le indagini sono state condotte dalla squadra mobile di Palermo coordinate dalla procura.

Le indagini, oltre ad accertare un episodio di violenza avrebbero fatto emergere un fiorente giro di prostituzione, che ha coinvolto le modelle iscritte alle agenzie di cui gli odierni indagati sono i titolari. Il gip ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due imprenditori del settore moda, Francesco Pampa, 41 anni, accusato di violenza sessuale nei confronti di minorenne, prostituzione minorile, induzione e favoreggiamento della prostituzione di maggiorenne e Massimiliano Vicari, 43 anni, accusato di prostituzione minorile ed induzione e favoreggiamento della prostituzione. La misura degli arresti domiciliari è stata invece disposta nei confronti di G.F. 35 anni, indagato con l’accusa di prostituzione minorile, per aver intrattenuto rapporti sessuali con una ragazza non ancora diciottenne in cambio di denaro. Pampa e Vicari hanno gestito le loro agenzie condividendo gli spazi dello stesso studio nel pieno centro cittadino. Il primo è un agente di moda, il secondo è titolare di un’agenzia che presta servizi di promozione e supporto sul web ad altre imprese. Insieme hanno creato una struttura per la promozione di giovani modelle del territorio, provenienti anche da altre province siciliane, che hanno fatto partecipare ad eventi di respiro nazionale e internazionale che si sono tenuti anche a Milano e Parigi, capitali europee della moda. Il terzo indagato è coinvolto nella vicenda perché orbitando nell’organizzazione creata dai due titolari delle agenzie avrebbe approfittato di una minorenne intrattenendo rapporti sessuali in cambio di denaro

Così il primo cittadino di Palermo per rispondere ai comportamenti incoscienti dalle pagine di Facebook:”L’inasprimento delle misure contro il contagio per evitare il diffondersi del contagio, da parte degli organi competenti in base a valutazioni sanitarie, non può che essere la risposta al comportamento incosciente di troppi cittadini e cittadine“.

E poi aggiunge:”È un invito a rispettare rigorosamente quanto prescritto per evitare che ci sia il moltiplicarsi di morti, una vera e propria strage. Certamente il governo nazionale deve pensare anche a ristori adeguati nei confronti delle attività economiche, ma il diritto alla salute e il diritto alla sopravvivenza economica non possono essere, in un Paese civile, essere posti in alternativa ed in contrasto“.

1.867 i nuovi positivi al Covid in Sicilia su 10.737 tamponi con un tasso di positività sempre molto alto, il 17,3%. Le vittime sono state 36 nelle ultime 24 ore che portano il totale a 2877 deceduti. I positivi sono 44.865, con un aumento di 188 casi. Negli ospedali i ricoveri sono 1.602, 23 in più rispetto a ieri, dei quali 205 in terapia intensiva, 3 in meno rispetto a ieri. I guariti sono 1.643.

I nuovi casi per province:

Catania  581

Palermo 479

Messina 222,

Trapani 163

Ragusa 25,

Siracusa 188

Caltanissetta 98,

Agrigento 84

Enna 27.

Condannato per omicidio stradale a 4 anni e 8 mesi di carcere,  il 25enne palermitano che il 31 agosto del 2019, alla guida della sua auto travolse e uccise Fulvia Morando, la sindacalista piemontese, a Lampedusa in quei giorni per lavoro.

La morte sopraggiunse mentre la donna passeggiava in una zona periferica, quando fu investita dal fuoristrada e scaraventata contro un muretto, morendo subito dopo essere giunta all’ambulatorio medico, senza essere soccorsa dal pirata della strada che si era allontanato, dicendo poi durante il processo, di non essersi accordo di nulla.

Dal pubblico ministero era stata chiesta anche l’aggravante della guida in stato di ubriachezza, ma il giudice non ha voluto tenere conto di quella richiesta, così come avevano chiesto i difensori dichiarando illegittimo il test con etilometro eseguito dopo molte ore dai fatti accorsi

 

Il sindaco di Agrigento Franco Miccichè ha firmato un’ordinanza, che sarà resa pubblica a breve con la quale sospende i mercatini rionali e le attività negli asili privati, con l’unico scopo di contenere quanto più possibile il diffondersi del covid-19.

Alla decisione si è arrivati dopo aver tenuto al situazione sotto controllo e in prospettiva delle nuove restrizioni che arriveranno a breve da parte della regione e del Governo centrale.

Alla luce dell’aumento dei nuovi casi di contagio da conoravirus, il sindaco si è così espresso: “E’ evidente che c’è ancora molta gente che non segue scrupolosamente le prescrizioni anti contagio e finisce vittima della malattia. Domani parlerò della situazione con il prefetto e con il presidente della Regione per vedere se è il caso di adottare misure ancora più restrittive“.

 

 

Il sindaco di Palma di Montechiaro, Stefano Castellino e il Presidente del Consiglio comunale, Domenico Scicolone, esprimono la loro gratitudine nei confronti dei Carabinieri, di tutte le Forze dell’Ordine ed alla Magistratura, con i quali si complimentano per l’importante lavoro svolto a difesa dello Stato e della Legalità con l’operazione “Oro Bianco”.
Il primo cittadino e il Presidente condannano ogni atto che si concretizzi fuori dall’alveo della legalità e del vivere civile, e rimangono in attesa delle comunicazioni della Prefettura in merito al Consigliere Comunale coinvolto per porre in atto quanto necessario e doveroso, auspicando che lo stesso possa dimostrare la sua estraneità ai fatti gravosi contestati.
“Palma di Montechiaro – concludono i due – continuerà quel cammino di rinascita e rigenerazione portato avanti in questi anni, senza arretrare di un millimetro, la strada intrapresa è quella giusta non esiste sviluppo senza legalità”.

L’Aics provinciale di Agrigento, guidata da Giuseppe Petix, ha provveduto a premiare con una targa il sindaco di Comitini, Nino Contino, per la buona riuscita del camp estivo dedicato ai minori. In circa un mese, una quarantina di bambini hanno potuto svolgere, giornalmente, diverse iniziative culturali, sportive e ricreative.

La premiazione si è svolta al Comune in maniera sobria per la Pandemia Covid 19 in corso. Erano presenti il sindaco Contino e l’assessore comunale Giuseppe Grado.

Chiara Vitello allieva del vivaio della Racing Team Agrigento della scuola di ciclismo nella Valle su indicazione del responsabile della STR – Settore Pista Prof. Rosario La Rosa, e con la supervisione del Tecnico Regionale Prof. Nunzio Valuri, è stata convocata per il raduno collegiale di preparazione ai Campionati Italiani Pista che si svolgerà a Noto il 17 gennaio 2021, in occasione della presenza della Nazionale femminile.
Chiara sotto la visione del preparatore sportivo Racing Sergii klimakov già da venerdì sarà sulla pista di Noto per questa nuova esperienza sportiva.
Soddisfazione del D. S. Totò D’Andrea che vede i suoi ragazzi sempre più motivati dedicarsi con impegno e sacrifici alla pratica sportiva.

Cresce ogni giorno il numero dei contagi nella città di Agrigento. Ieri, si sono registrati altri 12 casi di persone positive al tampone rispetto ai 137 di ieri.

“Abbiamo così raggiunto il numero record di 149 contagiati al Covid-19 – dice il sindaco Franco Micciché – Di questi cinque sono ricoverati in ospedale (uno in rianimazione e quattro in degenza ordinaria). Due persone sono ricoverate in un hotel Covid mentre 142 sono in trattamento domiciliare. E questo nonostante i provvedimenti che abbiamo fin qui adottato per evitare occasioni di contagio. E’ evidente che c’è ancora molta gente che non segue scrupolosamente le prescrizioni anti contagio e finisce vittima della malattia. Domani parlerò della situazione con il prefetto e con il presidente della Regione per vedere se è il caso di adottare misure ancora più restrittive”.

A partire da oggi, giovedì 14 gennaio, l’assessorato al Turismo del Comune di Agrigento, attiva il servizio WhatsApp, l’applicazione informatica di messaggistica istantanea, gratuita, semplice e diretta, diventata uno dei maggiori mezzi di comunicazione. Il servizio risponde al numero 0922590603 ed è da utilizzare esclusivamente nella messaggistica WhatsApp.

“Il servizio informativo via whatsapp – ha affermato l’assessore al turismo Francesco Picarella – può sembrare un piccolo cambiamento, ma in realtà si tratta di una forma di comunicazione agile e immediata che rende l’accoglienza di Agrigento sempre più efficace, integrando le modalità di contatto già disponibili. Non sarà necessario recarsi presso l’ufficio dell’assessorato per una domanda al volo, ma basterà inviare un semplice whatsApp. In questo modo vogliamo dare attenzione verso i nostri operatori turistici facendo si che gli strumenti di AgrigentoTurismo vengano potenziati e aggiornati in modo da essere sempre più vicini e rapidi a rispondere alle richieste e a fornire informazioni precise e puntuali”
Sarà inoltre possibile iscriversi alla newsletter dell’assessorato al turismo, semplicemente memorizzando nella rubrica del tuo cellulare il numero 0922 590603, ed inviare un messaggio WhatsApp con scritto “Attiva Iscrizione”, riceverai tutte le notizie”.