Home / Secondo Piano  / L’appello dei familiari di Roberta Siragusa: “Chi sa, parli”
   

L’appello dei familiari di Roberta Siragusa: “Chi sa, parli”

 

I familiari di Roberta Siragusa, la 17enne trovata morta domenica mattina in un burrone nelle campagne intorno a Caccamo, rompono il silenzio e per la prima volta parlano e chiedono aiuto: “Chi sa parli, chi è a conoscenza di particolari, anche apparentemente poco significativi, si rivolga ai carabinieri”.

Alla ricerca disperata dunque della verità, perché anche il dettaglio più piccolo potrebbe essere influente affinché si possa scoprire come siano andati davvero i fatti che hanno portato alla morte della ragazza.

Intanto continuano senza sosta le indagini e gli inquirenti sospettano che il corpo della vittima, prima di essere abbandonato in quel dirupo, sia stato portato in una palestra abbandonata vicino al campo sportivo, adesso posta sotto sequestro.
I sospetti degli investigatori, verterebbero sul fatto che la ragazza possa essere stata uccisa lì dove l’assassino insieme a dei complici avrebbe provato a dare fuoco al corpo prima di gettarlo poi nel burrone

 

 

 

 

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO