Home / 2020 / Dicembre (Pagina 12)

Operatori ecologici al lavoro ad Agrigento, anche durante il periodo delle feste, compresi Santo Stefano e Capodanno. Le ditte del Raggruppamento di imprese Iseda, Sea e Seap, garantiranno infatti il servizio, come ogni anno, anche nelle due settimane che abbracciano le festività di Natale e fine anno in modo da evitare che la spazzatura si accumuli nei mastelli e nelle abitazioni dei cittadini.

“Come ogni anno – spiegano  dalla Rti – interrompiamo la raccolta solamente un giorno, in questo caso il 25 dicembre, giornata in cui si dovrebbe conferire la plastica, che può comunque saltare un turno a differenza del secco residuo o dell’organico. Ci appelliamo anche al buon senso dei commercianti, degli esercenti affinchè differenzino i rifiuti come va fatto e non si espongano i mastelli della plastica giovedì 24 dicembre in modo da non ritrovarci con i marciapiedi e i cortili invasi dai contenitori pieni. Solo in questo modo, con la collaborazione di tutti, si potrà ottenere un servizio migliore ed una città più pulita”.

Eseguito nelle scorse ore un prelievo multiplo di organi all’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento un ad un paziente, A.N. di 53 anni, deceduto a seguito di un’emorragia cerebrale intraparenchimale spontanea. L’intervento, durato diverse ore, ha visto il coinvolgimento di chirurghi e sanitari appartenenti ai diversi reparti ospedalieri e di una equipe proveniente dall’ISMETT di Palermo. Nonostante l’attuale periodo emergenziale legato alla crisi epidemiologica in corso, non si flette dunque l’attività di “procurement organi e tessuti” che vede impegnata tutta la squadra della Terapia Intensiva dell’ospedale di Agrigento, diretta da Gerlando Fiorica. A non subire cali è anche la generosità dimostrata dagli agrigentini di fronte alla scelta di acconsentire all’espianto degli organi compiendo un gesto esemplare e di grande importanza poiché, grazie alla donazione, è oggi possibile offrire nuove speranze a molte persone in serie difficoltà.

E’ con forte partecipazione che il commissario straordinario ASP, Mario Zappia, rivolge un sentito ringraziamento per la lodevole ed incessante l’attività compiuta al direttore della Terapia Intensiva, Gerlando Fiorica, al direttore del Centro Regionale Trapianti, Giorgio Battaglia, alla coordinatrice aziendale per i trapianti d’organo, Rosa Maria Provenzano, ai chirurghi ISMETT Sergio Calamia e Pietro Brancato, all’anestesista Paolo Sgarito, all’oculista Stefano Cipolla, alla psicologa, Emenuela Solombrino, a tutti gli infermieri del blocco operatorio e della TI ed ai medici della rianimazione coinvolti nelle procedure. “La gratitudine maggiore – afferma il commissario – va comunque rivolta ai familiari di A. N. per il gesto di grande altruismo e valore umano. L’auspicio è che questo evento costituisca un esempio e possa agevolare uno slancio verso la consapevole cultura della donazione”.

Il settore del turismo, degli addetti alla professione di Guida Turistica, è letteralmente in ginocchio, così come il settore dell’arte, della musica e della cultura.
Esclusi dal contributo a fondo perduto del MibACT i professionisti del settore, hanno chiesto un incontro con il ministro Franceschini.

Mi sono fatta raccontare questa delicata situazione da chi vive in prima persona questa difficile realtà attraverso una intervista a Caterina D’Angelo, guida turistica siciliana da oltre trent’anni.

SS: Signora Caterina di cosa si occupa, cosa fa di mestiere? Ci racconta un po’ la sua professione? 

CDSono la Guida Turistica Caterina D’Angelo, abilitata dalla Regione Siciliana nel 1997. Lavoro dal 1998 in Italiano e Francese in Sicilia Occidentale: Trapani e tutta la Provincia, Palermo (Centro storico e Monreale) e, occasionalmente, anche il tratto Sciacca Agrigento (Valle dei Templi) e oggi Sono relatrice AIAV (Associazione Italiana Agenti di Viaggio) delle Guide Turisticheitaliane. Da 34 anni (inclusi 10 anni di Promozione turistica) la mia attività prevalente è Guida Turistica.  

SS: cosa è accaduto al suo lavoro e alla sua vita con l’arrivo del virus? 

CD: Con il covid-19 nel febbraio 2020 è cessata ogni attività. Con alcuni Colleghi speravamo in una ripresa in estate, ma le cose non sono andate assolutamente secondo le nostre aspettative. Quasi tutti siamo a fatturato zero. Non sappiamo come fare a sopravvivere.

SS: avete ricevuto qualche contributo a sostengo in questo periodo di difficoltà economica?

CD: Come titolare di Partita IVA ho ricevuto dall’INPS: € 600 a marzo (arrivati in aprile) poi altri € 600 a maggio (arrivati primi di Luglio) e ben € 1000 ad agosto (arrivati ad ottobre) ora aspetto altri € 1000 dall’ufficio Entrate ed altri € 1460 grazie ad un bando regionale.

A novembre 2020 ho presentato regolare domanda a INVITALIA – MIBACT per fondo perduto di 3000 entro il 2020 + € 4000 previsti nel 2021, secondo modalità richieste, e per l’occasione ho rinnovato con Aruba la mia casella pec, ho fatto lo SPID presso Poste Italiane nonché la firma elettronica alla Camera di Commercio di Trapani (€70)

Nello studio del mio consulente fiscale siamo arrivati a completare correttamente la richiesta, pratica domanda INVITALIA MIBACT, ma alla fine INVITALIA risponde che il mio Codice fiscale e la mia Partita IVA non corrispondono alla stessa identità. Ritentiamo più volte. Stessa risposta.  Il mio Consulente controlla il mio cassetto fiscale. Premetto che ho fatto anche, 5 settimane fa, tramite CAF, la richiesta del DURC per accertare la mia regolarità fiscale. Ad un certo punto il mio Consulente mi dice che il mio codice ateco è stato cambiato nel 2012.  Riassumendo la mia situazione è questa:

1. Dal 1998 al 2012 lavoro e faccio dichiarazione dei redditi con codice ateco 6330°

2. Dal 2012 ho un altro codice ateco, erroneamente attribuito dal mio ex commercialista, come assistente e fornitore di servizi turistici: 799019

3. Nelle ultime dichiarazioni dei redditi vediamo che comunque risulta il codice ateco corretto, e ora aggiornato di Guida Turistica: 799020

La correzione del codice è avvenuta, ma non retrodatata. Credo che la domanda non è passata per questo.

SS: la vostra professione ha qualche agevolazione dal punto di vista fiscale? 

CD: Se ci sono agevolazioni fiscali, non mi risultano. Da molti anni arrivo al tetto minimo di fatturato, e ugualmente le tasse per me sono un argomento delicato e difficile… il mio consulente non ha notato anomalie o nulla di preoccupante e… mi fido di Lui

SS: cosa chiedete come categoria di professionisti del settore turismo? 

CD: personalmente chiederei di riaprire presto Parchi archeologici e Musei, fruibili con norme anticovid. Ora siamo circa 200 Guide Turistiche in tutta Italia, con problemi simili al mio, che guardiamo con sincera invidia le 6100 Colleghe (a quanto pare non TUTTE proprio in regola coi requisiti richiesti dal MIBACT) che fruiranno entro il 2020 della prima tranche di circa 3000€ del fondo.

Vorrei sottolineare l’ingiustizia che stiamo subendo tutte noi Guide Turistiche escluse dal fondo MIBACT a causa del cattivo funzionamento del sistema. Io sono una persona piuttosto prudente e moderata nelle mie scelte di vita, per cui sto valutando una forma di ricorso in autotutela.

Capisco perfettamente peró, e condivido la posizione di chi vuole affidarsi a dei bravi Legali. Questa non era una graduatoria di merito, ma un elenco dove giustamente dovremmo rientrare come contribuenti. Ora tutte noi sogniamo un tavolo tecnico politico (Franceschini dove sei?) che vada ad ampliare coi ns nomi l’elenco dei beneficiari del fondo MIBACT, ma dobbiamo, giocoforza, dati i numerosi problemi che si sono verificati, ricorrere a vari interventi sul piano legale, non per nostra volontà, ma per far fronte alle esigenze delle nostre famiglie, cui speriamo, nonostante tutto, di donare il Natale più sereno possibile. 

SS: Signora Caterina vuole fare un pronostico su ciò che sarà in futuro?

CD: So che la Sicilia e la sua millenaria cultura dell’ospitalità sapranno sempre e comunque far fronte alle situazioni più imprevedibili o incredibili. Per noi Guide l’Ospite è sacro, e si tratti di una sola persona, o di mille, noi saremo sempre qui ad accogliere, ricevere e dare voce alla nostra Terra, anche se, in tempi post-covid, le regole e le modalità di accoglienza potrebbero essere leggermente diverse da quelle cui tutti siamo abituati. Ma credo che, dopo questo terribile inverno, arriverà la primavera.

Simona Stammelluti

Domenica 27 dicembre in Sicilia partirà la campagna di vaccinazione anticovid, presso l’ospedale civico di Palermo.
Saranno 685 le persone coinvolte in questa prima fase vaccinale.

Dal 28 al 30 dicembre le delegazioni di tutte le aziende sanitarie dell’Isola giungeranno nel capoluogo siciliano dove sono già in allestimento i centri di somministrazione.

In merito l’assessore regionale alla salute Ruggero Razza: “La fase 1 della campagna vaccinale è stata approvata dal parlamento nazionale. Come è noto toccherà agli operatori della sanità, chi è negli ospedali, chi lavora più a contatto con i pazienti positivi e coloro i quali sono impegnati nell’emergenza”

Il reddito di cittadinanza sarebbe toccato anche a 20 boss condannati in via definitiva per mafia

La scoperta ad opera dei militari delle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Economico di Messina che hanno pertanto denunciato 25 persone e sequestrato – con decreto del gip di Messina su richiesta del procuratore De Lucia – i 330mila euro complessivamente riscossi indebitamente dagli indagati.

Gli indagati fanno parte dei clan di maggiore peso di Messina e provincia come Santapaola-Romeo, Sparacio, Sparta’, Galli, Batanesi-Bontempo Scavo, De Luca, Mangialupi, Camaro, Tortoriciani, Ventura, Ferrante e Cintorino.

Tra i requisiti per il riconoscimento del reddito di cittadinanza c’è anche quello di non essere stati condannati, nell’ultimo decennio, con sentenza passata in giudicato, per reati di mafia.

i soggetti finiti invece nel mirino della guardia di finanza, hanno invece riportato condanne per usura, traffico di stupefacenti, voto di scambio ed estorsione.

 

Iniziativa di solidarietà promossa dall’Associazione Alzheimer Agrigento., La presidente Angela Parisi, in considerazione della impossibilità di realizzare manifestazioni ed incontri per lo scambio degli auguri di Natale in presenza, ha mobilitato i volontari che con il pulmino dell’associazione guidato da un festoso Babbo Natale hanno cercato di suscitare un sorriso ed hanno consegnato la consueta strenna natalizia direttamente a casa delle famiglie

Nell’occasione la presidente, con tutte le cautele previste dalla normativa ha voluto manifestare la costante vicinanza dell’Associazione verso i familiari che assistono i congiunti ed ha assicurato che appena  sarà superata l’emergenza Covid , la sede sociale riaprirà le porte e riprenderà tutte le attività di assistenza e sostegno. Tra i regali della strenna hanno avuto un particolare gradimento le mascherine griffate con il logo dell’Associazione

“E’ una grande gioia apprendere dell’imminente beatificazione di Rosario Livatino, assassinato dalla mafia nel 1990, a soli 37 anni. Il giudice ragazzino, nato e vissuto nella provincia di Agrigento, continua a rappresentare una figura emblematica di quella Sicilia desiderosa di cambiamento, una terra libera che tanti nostri eroi hanno cercato di costruire, arrivando a sacrificare la propria esistenza per questo. La decisione di Papa Francesco e della Santa Sede, quindi, non puo’ che costituire un onore per questa terra e per tutti i siciliani per bene”.

Lo dichiara Carolina Varchi deputato nazionale di Fratelli d’Italia.

In pieno centro storico di Agrigento un ladro entra in una casa, si fa la doccia, indossa vestiti e scarpe trovate e porta via quanto riesce a recuperare – fra cui, pare, un pc – nella residenza. Un giovane, poco più che ventenne, agrigentino è stato arrestato, nella mattinata di ieri, dai poliziotti della sezione Volanti della Questura. L’ipotesi di reato contestata è furto in abitazione.

I poliziotti della sezione Volanti e la Scientifica sono prontamente intervenuti e dopo alcuni minuti sono riusciti ad acciuffare il giovane ladro ed hanno recuperato anche la refurtiva.

 

 
 

Il Consigliere comunale Carmelo Cantone è stato eletto all’unanimità Presidente della V Commissione consiliare, che si occuperà di Sport, Turismo, Spettacolo, Cultura e Pubblica Istruzione per i prossimi 5 anni. “Nel ringraziare l’Ufficio di Presidenza del Consiglio, tutti i Consiglieri componenti Gerlando Piparo, Alessandro Sollano e Mario Fontana (vice Presidente), assicuro la mia più totale disponibilità – ha dichiarato Cantone – a svolgere nella qualità di Presidente, una funzione di stimolo ma anche di garanzia del buon andamento dei lavori della Commissione che dovrà occuparsi di tematiche importanti quali il turismo, la scuola, la cultura, lo sport, gli spettacoli e il tempo libero. A tal fine in accordo con la Commissione, abbiamo già celebrato questa mattina stessa una seduta straordinaria, per discutere immediatamente le linee programmatiche che ci vedranno all’opera dal 7 gennaio. In questa città, nessuno può più indugiare – ha concluso Cantone – per questo rivolgo un invito tutti gli “attori” protagonisti di questi settori molto importanti per a nostra economia, a farsi avanti e collaborare con noi. Solo lavorando insieme, potremo avere la certezza di centrare i giusti obbiettivi che pian piano faranno risollevare Agrigento”