Home / Secondo Piano  / Eseguita l’autopsia sul corpo del 56enne morto al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Di Dio

Eseguita l’autopsia sul corpo del 56enne morto al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Di Dio

Era morto il 2o dicembre scorso al Pronto Soccorso o dell’Ospedale San Giovanni di Dio.
Ieri pomeriggio, l’autopsia.

La richiesta da parte dell’Avv. Pennica, è quella di far luce sul decesso del 56enne agrigentino, morto dopo essere stato trasportato dall’ospedale, ad una Residenza sanitaria a Naro.

Bisogna accertare se è stato curato in modo adeguato e se la morte si sarebbe potuta evitare con le accortezze della regola dell’arte medica adeguate al caso in esame” – queste le parole dell’Avvocato, mentre  si indaga a carico di ignoti per l’ipotesi di omicidio colposo.

La richiesta è dunque quella di accertare se l’uomo – che  viveva in condizioni di totale indigenza e soffriva già di patologie come diabete e obesità – non si stato dimesso troppo frettolosamente dalla struttura ospedaliera, per tornare nella Rsa dove era ricoverato a causa delle sue condizioni di vita al margine.

Era evidente la gravità della condizione fisica che lo esponeva in questo periodo a una sicura morte che doveva essere preventivata con la attivazione di tutte le precauzioni del caso” – ha proseguito il legale.

Il pubblico ministero Cecilia Baravelli, titolare del procedimento, ha subito disposto il sequestro di tutta la documentazione clinica che è stato eseguito dai carabinieri all’ospedale San Giovanni di Dio e nella Residenza sanitaria assistita San Calogero di Naro, per poi disporre l’autopsia, avvenuta ieri ad opera del medico legale Alberto Alongi e dal cardiologo Pietro Di Pasquale che nelle prossime settimane depositeranno le loro relazioni, facendo così chiarezza sulla morte dell’uomo.

 

 
NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO