Home / Secondo Piano  / Frode al bilancio dell‘Unione europea: denuncia e sequestro di beni per due imprenditori
   

Frode al bilancio dell‘Unione europea: denuncia e sequestro di beni per due imprenditori

 

Una frode al bilancio dell’Unione europea è stata Scoperta dalla Guardia di finanza di Messina, una frode al bilancio dell’Unione Europea.

Denunciati per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche due imprenditori del Nebrodi e sequestrato beni per circa 700mila euro. Le indagini, condotte dalle Fiamme gialle della tenenza di Sant’Agata Militello e coordinate dal sostituto procuratore di Patti, Andrea Apollonio, hanno interessato due aziende agricole, attive nei comuni di Caronia e di Longi che avrebbero indebitamente beneficiato di finanziamenti comunitari per circa 700.000 euro, cofinanziati dalla Regione siciliana nell’ambito del Piano di sviluppo regionale, orientato alla valorizzazioni turistica del territorio

Gli aiuti avrebbero permesso ai due imprenditori, rispettivamente, di riqualificare un immobile da destinare a bed & breakfast e di ammodernare struttura e macchinari di un’azienda rurale. A tal fine, i beneficiari avrebbero dovuto, necessariamente, appaltare la realizzazione delle opere a imprenditori terzi e documentare le relative spese, sostenute con modalità di pagamento tracciabili. I finanzieri, insospettiti dall’anomalo utilizzo dei conti correnti aziendali, dopo approfonditi accertamenti, hanno rilevato come i due titolari avessero prospettato all’ente pagatore costi ben superiori a quelli effettivamente sostenuti, percependo, di conseguenza, un contributo maggiore rispetto a quello spettante

 

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO