Home / Secondo Piano  / Lampedusa, maestre e alunni contagiati, il sindaco Martello chiude la scuola. Che sia da esempio per gli altri sindaci. Le scuole vanno chiuse!

Lampedusa, maestre e alunni contagiati, il sindaco Martello chiude la scuola. Che sia da esempio per gli altri sindaci. Le scuole vanno chiuse!

Nonostante dirigenti scolastici di scuole superiori ed elementari agrigentine cercano di rassicurare (come se fossero dei luminari sanitari) l’universo mondo per il fatto che “hanno attuato tutti i protocolli necessari per le normative anticovid” (e cosa hanno fatto di speciale?), il coronavirus avanza il suo percorso in modo inesorabile.

Dopo la pericolosa e strambalata decisione del ministro Azzolina e del Governo centrale di far riaprire le scuole come su nulla fosse, i casi negli istituti scolastici  aumentano di giorno in giorno.

Dopo i gravi casi di Agrigento, Liceo Scientifico e scuola Garibaldi, a Lampedusa è scoppiato il finimondo alla scuola Pirandello. Quattro alunni e due maestre sono risultati positivi al Covid 19. Inevitabili le contromisure all’attacco del virus, è già scattato il periodo della quarantena obbligatoria per tutti i colpiti.

Il sindaco dell’Isola Totò Martello ha deciso di chiudere l’istituto scolastico per tutto il periodo della sanificazione e poi si decide sul da farsi.

L’apertura delle scuole, visti i numeri che tra l’altro non sono nemmeno una sorpresa, inizia davvero a creare seri problemi. Mentre il Governo centrale sta riscrivendo nuovi decreti per la lotta al Covid 19, continua nello stesso tempo a forzare con una attività pericolosa che è quella della istruzione scolastica.

Martekllo, dal canto suo, sta anche forzando perchè, come ha dichiarato lui stesso, “ci si affretti a iniziare a fare i tamponi rapidi, soprattutto negli istituti scolastici”.

Riteniamo la decisione di Martello saggia e doverosa, forse anche in controtendenza con la volontà degli stessi dirigenti scolastici i quali, invece, imperterriti, continuano a rassicurare che “adottano tutti i protocolli previsti e necessari per salvaguardare la salute di tutti”.

Incredibile ma vero!

 

 

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO