Home / Secondo Piano  / Italia Viva, un panegirico sui democristiani che farà diventare ancora più relativi i numeri dei consensi
   

Italia Viva, un panegirico sui democristiani che farà diventare ancora più relativi i numeri dei consensi

 

Se la nobile Sinistra, quella con la Esse maiuscola, ormai da più di un centennio è non troppo nobilmente decaduta, grosse responsabilità si possono addebitare ai nuovi “sinistri” i quali, alla fine, si sono rivelati una vera e propria catastrofe per il modo di fare la “nuova” politica.

Fra i nuovi sinistri oggi appartiene un partito fondato dal sinistro Renzi che in tutto il territorio nazionale non raggiunge nemmeno il 3%.

Poi ci sono le spurie, sparse nel territorio; una di queste è presente ad Agrigento e viene denominata i Giovani di Italia Viva il cui portavoce è tal Giulio Bongiorno, ma in realtà dietro le sue spalle si cela trasformandosi maldestramente in un brutto suggeritore uno dei più potenti democristiani che la storia di Agrigento ricordi.

Oggi Bongiorno ed altri quattro ragazzini hanno diramato un comunicato stampa attraverso il quale hanno dapprima riempito non certo di lodi la Democrazia Cristiana e poi, con il nuovo modo di fare politica, hanno accusato i candidati sindaci agrigentini quali simili ai portatori di peste in quanto tutti ex democristiani.

Nel loro comunicato hanno messo le foto di Firetto, Zambuto e dell’on. Di Mauro che nulla c’entra con la elezione a primo cittadino, in quanto il candidato espressione degli autonomisti è il dott. Franco Miccichè.

Ed ecco la prima, inutile e insignificante cattiveria che contraddistingue la the new policy. Cosa c’entra Di Mauro con i candidati sindaci? Spiegatelo!

Con il solito ritornello che ormai non funziona più, anzi ti fa perdere quel briciolo di voti che ormai sono rimasti, artatamente non hanno messo la foto del dott. Miccichè al quale nessuno può dire qualcosa di storto.

E, quindi, ecco il rifugio dei peccatori, quel misero rimedio che pur di attaccare tutto e tutti, infilano nel calderone persone, onorevoli e quanti altri non appartengono in prima persona alla concorrenza per la poltrona più alta di Palazzo di Giganti.

Ci chiediamo e chiediamo ai poveri giovinetti che, ovviamente, scrivono sotto dettatura, per quale motivo al posto di Zambuto non hanno messo la faccia di Gallo Riccardo o di Decio Terrana e in quella al posto di Firetto non hanno messo, ad esempio, l’ex sindaco di Catania ed ex ministro Bianco oppure il bel visetto dell’on. Carmelo Pullara, in procinto di entrare a corte di sir Firetto? Oppure ancora, se nelle prossime ore, vedremo il visino dell’on. Giusi Savarino  la cui tentazione di “firmare” per Zambuto è davvero tanta.

Mi tocca difendere tutta questa gente che ho appena elencato perché non è tollerabile più il fatto che per colpire alcuni si spara nel mucchio e vengono messi alla gogna gli “appestati” della vecchia Dc. Una Dc, tra l’altro, che i giovanissimi di Italia più morta che Viva non sanno nemmeno dove sta di casa ma che, invece, apprendono e sparano dal mentore per poi esibirsi in squallidi comunicati come quello odierno.

Cari bambocci, con la bocca che ancora vi puzza di latte, questo modo di fare politica ha ucciso la sinistra! Avete visto che fine hanno fatto i 5Stelle che da quando si sono insediati nel panorama politico italiano? Non hanno fatto altro che accusare la politica precedente, la Sinistra, la Destra e il Centro anche se poi, alla fine, se occorre governare la Nazione italiana, ogni inciucio diventa buono.

Dite che tutti vi chiedono per chi votate. Bene, ma dove e quali sarebbero i vostri voti? Chi rappresentate, quale armamento porterete avanti se Italia Viva (o morta) gira al massimo al 3% con due ministri, quattro viceministri e alcuni sottosegretari?

Concludo. Imparate a guardare avanti, proponete progetti nuovi e non girate mai il viso indietro. Lo ribadiamo ancora una volta, guardare indietro non paga, anzi vi ha fatto sprofondare nella terrificante posizione in cui vi trovate. E i numeri sono numeri, non cotolette. Possibile che non avete un briciolo di programma e di idee da proporre, invece di rompere i coglioni agli avversari?

Adesso vi aspetta una bella riunione con il vostro non tanto occulto suggeritore. Convocatela il più presto possibile e fatevi spiegare da lui che cazzo voleva dire con questo articolo il giornalista Castaldo?

E se non lo fate voi, sarò costretto a farlo io, nei prossimi giorni. Porterò alla luce cose che a causa della vostra tenera età non potreste mai sapere.

L’unica cosa che mi preoccupa è la seguente: raccontarvi di cosa è stato capace di fare il vostro suggeritore con quella vecchia e disonorata Democrazia Cristiana potrebbe impressionarvi non poco.

Pertanto, cari giovanotti, vi chiedo di avere le idee chiare prima di scrivere qualche minchiata, come avete fatto in questi giorni.

Anche perché così facendo quel misero ed inutile 3% non può fare altro che tornare ancora sotto invece di toccare numeri dignitosi.

Altrimenti, se le vostre idee di partenza sono queste, fate una cosa: tornatevene a casa ed eviterete, così, figure magrine come quella di oggi.

Cosa vuol dire che concludete il comunicato in questo modo: “Chi dimostrerà di essere all’altezza delle nostre richieste, avrà il nostro sostegno e il nostro voto”. 

Si possono sapere quali sono le vostre richieste???

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO