Home / Secondo Piano  / “Corsa speciale” del traghetto per trasferire da Lampedusa 250 migranti

“Corsa speciale” del traghetto per trasferire da Lampedusa 250 migranti

Lampedusa in emergenza immigrazione, scattano anche le “corse speciali” dei traghetti per alleggerire le presenze dei migranti nell’hotspot di Lampedusa. A predisporla, imbarcando poco più di 250 persone, è stata la Prefettura di Agrigento. Nella struttura di contrada Imbriacola resteranno pertanto – a trasferimenti effettuati e sempre che, nel frattempo, non si registrino nuovi approdi – circa 300 persone a fronte di una capienza massima per 95. L’esigenza della “corsa” speciale del traghetto di linea è emersa perché in mattinata, come invece quotidianamente avviene, il traghetto non c’era – è il giorno di riposo settimanale – per fare la spola con Porto Empedocle. A tutti i migranti in partenza sono stati già fatti i test sierologici anti-Covid: i primi 100 esiti – tutti negativi – sono già arrivati. Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: “Serve lo stato di emergenza”
Arriveranno dopo le 22, a Porto Empedocle, invece due vedette con 70 migranti in totale a bordo. Tre sbarchi, con complessivi 143 migranti, arrivati, nelle ultime ore. Le due “carrette” e un barchino sono stati agganciati, nelle acque antistanti l’isola, dalle motovedette della Guardia costiera e della Guardia di finanza. In 48 ore sull’isola sono sbarcati 791 immigrati, tunisini per la maggior parte.

Ad effettuare un sopralluogo nell’hotspot di contrada Imbriacola, durante la visita a Lampedusa, sono stati il governatore Nello Musumeci e l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza. Il governo regionale ha già inviato tutto il materiale necessario per effettuare i tamponi sugli ospiti della struttura. Entro lunedì saranno inviate anche le attrezzature per effettuare tamponi e test sierologici veloci. La Regione ha provveduto così a reperire in tempi rapidi il materiale sanitario, così come avvenuto anche per la nave quarantena Moby Zazà, sostituendosi all’Usmaf, l’Ufficio di sanità marittima, aerea e di frontiera che avrebbe dovuto garantire la fornitura dei test.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO