Home / Secondo Piano  / Con la replica delle parti civili e le arringhe difensive, prosegue il processo “Kerkent”
   

Con la replica delle parti civili e le arringhe difensive, prosegue il processo “Kerkent”

 

A Palermo, al palazzo di giustizia, nell’aula bunker del carcere Pagliarelli, prosegue oggi il processo in abbreviato frutto dell’inchiesta antimafia nell’Agrigentino cosiddetta “Kerkent”, che ha sventato la presunta riorganizzazione della famiglia mafiosa di Agrigento. In occasione della requisitoria, i pubblici ministeri della Procura antimafia palermitana, Claudio Camilleri e Pierangelo Padova, hanno proposto la condanna dei 28 imputati, per complessivi 335 anni di carcere. Oggi è la volta della replica delle Parti civili e delle arringhe della difesa.

Ecco nel dettaglio le richieste dei Pm avanzate nella precedente udienza: 20 anni di carcere per Antonio Massimino; 18 anni per il figlio Gerlando; 12 anni per James Burgio di Porto Empedocle (avvocato Rosario Fiore); 12 anni per Salvatore Capraro di Agrigento; 14 anni per Marco Davide Clemente di Palermo; 10 anni Fabio Contino di Agrigento; 12 anni per Sergio Cusumano di Agrigento; 18 anni per Alessio Di Nolfo di Agrigento (avvocato Daniele Re); 10 anni per Francesco Di Stefano di Porto Empedocle; 18 anni per Salvatore Ganci di Agrigento (avvocato Angela Porcello); 8 anni per Daniele Giallanza di Palermo; 10 anni per Eugenio Gibilaro di Agrigento (avvocato Monica Malogioglio); 8 anni per Pietro La Cara di Palermo; 10 anni per Domenico La Vardera di Palermo; 10 anni per Domenico Mandaradoni di Tropea; 15 anni per Antonio Messina di Agrigento; 18 anni per Giuseppe Messina di Agrigento; 8 anni per Valentino Messina di Porto Empedocle; 10 anni per Liborio Militello di Agrigento; 10 anni per Gregorio Niglia di Tropea; 6 anni per Andrea Puntorno di Agrigento con assoluzione per il capo 3, avvocati Giovanni Castronovo e Chiara Proietto); 12 anni per Calogero Rizzo di Raffadali, con assoluzione per un capo d’imputazione; 10 anni per Francesco Romano di Vibo Valentia; 8 anni per Vincenzo Sanzo di Agrigento; 8 anni per Attilio Sciabica di Agrigento; 8 anni per Luca Siracusa di Siracusa; 12 anni per Giuseppe Tornabene di Agrigento; 20 anni per Francesco Vetrano di Agrigento.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO