Home / 2020 / Maggio (Pagina 36)

Le ricerche sono proseguite con l’impiego di due elicotteri, un aereo e due motovedette della Guardia costiera, cui si è aggiunta la nave di ricerca oceanografica «Urbano Monti», dotata di tecnologia avanzata anche per la ricerca di profondità. Domani si uniranno le imbarcazioni della flotta di Terrasini e alcuni motopesca della zona di San Vito Lo Capo e Castellammare del Golfo.

“Se l‘imputato dovesse presentare sintomi da possibile Covid-19, sarà valutato dal personale sanitario. In ogni caso non spetta all’autorità giudiziaria valutare questi aspetti”: nuovo no del gip di Palermo alla richiesta di scarcerazione di Antonello Nicosia, finito in carcere con l’accusa di associazione mafiosa perché avrebbe, fra le altre cose, strumentalizzato il suo incarico istituzionale per entrare nelle carceri e veicolare all’interno e all’esterno i messaggi dei boss.

Il suo legale aveva proposto al giudice di concedergli gli arresti domiciliari ipotizzando un’incompatibilità delle sue condizioni di salute con il regime carcerario a causa dell’asma e dell’emergenza sanitaria in corso.

La Sicilia boccia le linee guida per le riaperture di ristoranti e stabilimenti balneari pubblicate sul sito dell’Inail e consegnate alle Regioni. L’autonomia sulle riaperture dovrà seguire le indicazioni nazionali, per regolamentare da lunedì le attività.

Sono caratterizzate da una visione ragionieristica della situazione e così sono misure inaccettabili», dice l’assessore regionale alle attività produttive Mimmo Turano in un articolo sul Giornale di Sicilia.

L’assessore in questi giorni sta incontrando le diverse categorie produttive per chiedere modifiche ed è presumibile che questa richiesta partirà entro oggi. .

Questa mattina in videoconferenza la ufficializzazione dell’assegnazione della Bandiera Blu 2020 per il mare pulito ed i servizi, al mare di Menfi.

Quest’anno sono 407 (e otto in Sicilia, una in più rispetto all’anno scorso) le spiagge più belle d’Italia dalla Foundation for Environmental Education a 195 comuni.

La Sicilia ha aggiunto Alì Terme, alle precedenti Bandiere Blu del 2019 e cioè il Lido Fiori Bertolino di Menfi, Marina di Ragusa, Raganzino a Pozzallo, Spiaggia Lampare a Tusa, Ispica, Santa Teresa di Riva e Lipari. “La Bandiera Blu quest’anno sarà strumento di ripresa e di rilancio dell’immagine del Paese – afferma Claudio Mazza presidente della Fee Italia”.

di Filippo Cardinale

Il giudice ha accolto la richiesta di pena dei pubblici ministeri Roberta Griffo e Michele Marrone. I magistrati inquirenti, nella richiesta, hanno ritenuto le attenuanti generiche equivalenti alle aggravanti contestate. La difesa, composta dagli avvocati Fabrizio Di Paola e Raffaele Bonsignore, ha chiesto la non imputabilità per vizio di mente, non essendo capace di intendere e di volere al momento del fatto. In linea subordinata, la difesa ha chiesto l’insussistenza delle aggravanti della premeditazione e dei futili motivi e la sussistenza delle attenuanti della provocazione e le generiche.

La parte civile è stata rappresentata dagli avvocati Antonino e Vincenza Gaziano.

Era il 12 settembre 2018 quando la notizia dell’omicidio riempì le cronache dei giornali e sconvolse il paese. L’ agricoltore  settantaduenne Liborio Plazza fu trovato cadavere nelle campagne del piccolo centro agricolo di Alessandria della Rocca, in contrada Chimmesi.   I primi accertamenti dei carabinieri rilevarono che l’uomo sarebbe rimasto ferito mortalmente con colpi di arma da fuoco. La vittima era incensurata e le indagini privilegiarono la sfera privata dell’agricoltore. Alle indagini, oltre ai militari della locale stazione, parteciparono i carabinieri della compagnia di Cammarata e del reparto Operativo del comando provinciale di Agrigento.

Dopo aver ascoltato, e scartato, i primi due vicini di campagna è toccato a Gioacchino Di Liberto. “E’ saltato fuori un fucile compatibile con la dinamica dell’agguato. Un fucile che in canna – scrivono i carabinieri – ancora presentava evidenti tracce di polvere da sparo. Dopo un interrogatorio, durato tutta la notte, l’anziano, messo alle corde, ha confessato con un senso di liberazione, ammettendo di avere sparato poiché esausto delle continue tensioni, per motivi di vicinato, con la vittima”.

Poi l’84enne Gioacchino Di Liberto confessò nel giro di poco. Il tragico gesto sarebbe maturato da continue tensioni e liti per questioni di vicinato. Colpì mortalmente la vittima, che si trovava a bordo della sua utilitaria. Il caso investigativo si chiuse,praticamente, in meno di 12 ore. Le indagini sono state coordinate dalla Procura della Repubblica, dal sostituto procuratore Roberta Griffo, coadiuvata nel dibattimento dal magistrato Michele Marrone.

L’episodio scatenate sarebbe stato quello dei lavori di manutenzione su dei canaloni per il deflusso delle acque piovane. Lavori che avrebbero, pare, determinato possibili allagamenti e frane sui terreni attigui a quelli della vittima. Sono state subito battute tutte le piste dei rapporti rancorosi della vittima con i vicini. Prezioso alle indagini è stato il contributo della famiglia del settantaduenne.

Filippo Cardinale

l segretari provinciali di Agrigento della Flai Cgil, Giuseppe Di Franco, della Uila Uil Gero Acquisto e della Fai Cisl Veronica Iacono, comunicano che l’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza ha risposto positivamente alla richiesta delle organizzazioni sindacali e ha ordinato all’Asp di Agrigento di far svolgere le visite mediche preventive di tutti i forestali agrigentini anche nei poliambulatori situati nei vari distretti della provincia. La soluzione si è resa necessaria – come denunciato recentemente dai sindacati di categoria Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil – per evitare lo spostamento e i conseguenti innumerevoli disagi degli operai residenti nei comuni dell’entroterra agrigentino nei soli locali di Palma di Montechiaro e Agrigento messi a disposizione dal medico competente che si è aggiudicato la gara. Il dirigente dello Sviluppo Rurale e Territoriale della Regione siciliana Mario Candore ha così inviato una nota che invita i Dirigenti Provinciali a contattare le Asp Provinciali per avere a disposizione i locali per le visite mediche nei vari distretti. Di Franco, Acquisto e Iacono dichiarano: “Abbiamo ottenuto un risultato importante che fa in modo che TUTTI I LAVORATORI della nostra Provincia e non alcuni, possano evitare di percorrere centinaia di chilometri per raggiungere i locali messi a disposizione dal medico competente che come detto non aveva a disposizione locali idonei in tutto il territorio. Un plauso all’Assessore Ruggero Razza che con questa autorizzazione, che poteva e doveva secondo noi essere emanata in maniera preventiva, accelera sicuramente le procedure di immissione in servizio dei lavoratori, visto le elevate temperature e la necessità di iniziare i lavori di pulizia dei viali parafuoco al più presto per essere in condizione di garantire, anche agli operai forestali, le giornate di Legge. Ci auspichiamo per il futuro che determinate disposizioni della politica vengano prese in maniera omogenea per tutti i lavoratori al fine di risolvere le problematiche che attanagliano l’intero comparto e non di singoli territori”.

“Mettere un padanista in giunta siciliana è come far entrare un rigorista olandese nella squadra di governo nazionale. Non lo faccia Presidente, ha già una coalizione parecchio brutta, palesemente inadatta a governare una grande e gloriosa Regione come la nostra. Una Regione oggi totalmente ferma al palo che non riesce neanche a dare ai cittadini la cassa integrazione pagata dallo Stato. Anche se di ‘parrocchie’ diverse siamo siciliani entrambi Presidente e la Sicilia viene prima di ogni cosa. Ci ripensi, è ancora in tempo per tornare indietro, non ci dia questa altra umiliazione, non ci faccia anche questo torto”. A dichiararlo è l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Ignazio Corrao che, con un post social, lancia un appello al presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci a riconsiderare la scelta di nominare un esponente della Lega quale assessore regionale alla Cultura e all’Identità siciliana.

“Veda Presidente – scrive Corrao sulla sua pagina Facebook – il fenomeno dei padani che prendono voti al sud è un fenomeno passeggero, il classico carro vincente su cui si fiondano carrieristi. Questo padano però, a differenza dei carri ciclici che conosciamo, è un carro abbastanza anomalo, in quanto dichiaratamente nordista e da sempre impegnato in prima linea nella mortificazione del sud e nell’attività politica di sottrarci quel poco che ci resta, quello che non ci hanno già sottratto tutti i partiti che a sud prendevano i voti e al nord portavano i denari”.

“Le capisco le motivazioni politiche – spiega ancora l’esponente M5S – e non c’è nulla di illegittimo in quel che vuole fare, però mentre il carro su cui saltare passa e cambia sempre (lo è stato quello di Berlusconi, poi quello di Renzi, poi purtroppo anche il nostro, in cui sono riusciti a saltare devastanti carrieristi dopo la morte di Casaleggio padre, oggi è quello di Salvini e anche quello della Meloni, poi saranno altri), il ricordo di aver fatto entrare i padani in giunta resterà scolpito nella memoria dei siciliani per sempre. E questo ricordo peserà come un macigno sulla storia della nostra terra e sull’eredità politica di chi lo ha permesso” – conclude l’europarlamentare siciliano.

Airgest, società di gestione dell’aeroporto Vincenzo Florio di Trapani Birgi, comunica di aver concluso un accordo con la compagnia aerea Albastar, per due nuove tratte settimanali su Cuneo Levaldigi e Milano Malpensa, che prenderanno il via il 10 luglio e che saranno mantenute per tutta l’estate, con la possibilità di proseguire anche nella stagione invernale. I biglietti sono in vendita da oggi, venerdì 14 maggio, sul sito www.albastar.es. La tariffa parte da 49,99 euro, tasse e bagagli di cabina e stiva inclusi.

Albastar è una compagnia privata spagnola, con stabile organizzazione in Italia, che dal 2010 opera voli charter e di linea dalle basi operative di Palma di Maiorca, Milano Malpensa e Bergamo e, dal 2015, opera in Sicilia con voli diretti su Catania e Palermo. Quelli da e per Trapani, partiranno  il venerdì ed il lunedì, con la flotta di  Boeing 737-800 configurati a 189 posti in classe unica. Per informazioni il call center risponde al numero +39 095 311 503, mail callcenter@albastar.es. Sarà possibile prenotare anche nelle agenzie di viaggio tradizionali e sulle online travel agency.

Il bonus vacanze sarà fruibile per gli italiani con reddito Isee non superiore a 40 mila euro. E’ quanto prevede il dl rilancio approvato ieri sera dal Cdm.

Rispetto alle previsioni scende quindi il tetto di 50 mila euro. Restano i termini di utilizzo dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, per il pagamento di servizi offerti in ambito nazionale dalle imprese turistico ricettive, nonché dagli agriturismo e dai bed &breakfast in possesso dei titoli prescritti dalla normativa nazionale e regionale per l’esercizio dell’attività turistico ricettiva.

Rimangono inalterate le cifre del bonus che è attribuito nella misura massima di 500 euro per ogni nucleo familiare, di 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone e di 150 euro per quelli composti da una sola persona. Inoltre resta la percentuale di fruizione come sconto dell’80%, d’intesa con il fornitore presso il quale i servizi sono fruiti e per il 20% in forma di detrazione di imposta in sede di dichiarazione dei redditi.

Viene precisato che le spese debbono essere sostenute in un’unica soluzione in relazione ai servizi resi da una singola impresa turistico ricettiva, da un singolo agriturismo o da un singolo bed & breakfast.

Ed inoltre, il pagamento del servizio deve essere corrisposto senza l’ausilio, l’intervento o l’intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici diversi da agenzie di viaggio e tour operator.

Il decreto rilancio prevede un corposo rifinanziamento della cassa integrazione, estende il periodo dalle 9 settimane del decreto Cura-Italia a 14, da usufruire tra il 23 febbraio e il 31 agosto di quest’anno. Viene poi istituito un Fondo di Garanzia per spingere l’anticipazione degli ammortizzatori sociali da parte delle banche.

Confermato anche il bonus partite Iva per altri due mesi. Si allungano fino a 30 giorni i congedi parentali retribuiti e raddoppia a 1200 il bonus babyistter per chi ancora non ne ha usufruito, dando la possibilità di utilizzare la somma anche per pagare i centri estivi.