Home / In evidenza  / Le borse di studio del Ministero dell’Istruzione per l’anno 2018/2019 in pagamento alle Poste fino al 30 giugno

Le borse di studio del Ministero dell’Istruzione per l’anno 2018/2019 in pagamento alle Poste fino al 30 giugno

Nuovo termine per il pagamento delle borse di studio assegnate agli studenti degli Istituti Superiori per l’anno scolastico 2018/2019 per le attuali misure di contenimento epidemiologico, dovute all’emergenza Covid-19. Le somme disponibili presso qualsiasi ufficio postale verranno liquidate dalle Poste Italiane fino al 30 giugno 2020, rispetto al termine inizialmente fissato al 31 marzo. La decisione è stata comunicata dall’Assessorato Regionale dell’Istruzione e della formazione professionale per dare più tempo agli studenti beneficiari, accompagnati da un genitore nel caso di minore età, di recarsi presso gli uffici postali a riscuotere la somma. La proroga vale, ha spiegato l’Assessore Regionale Roberto Lagalla, per quanti, fra i 22mila studenti beneficiari in Sicilia, non avessero ancora avuto modo di ritirare la somma, ci sarà quindi tempo sino alla fine di giugno

Le borse di studio assegnate dal Ministero dell’Istruzione hanno un importo variabile in base alla Regione dove risiede lo studente. Per la Regione Siciliana l’entità della borsa di studio è stata fissata in € 210,60. Il Libero Consorzio comunale di Agrigento predispone annualmente gli elenchi  che riguardano gli studenti delle Scuole Medie Superiori della provincia che poi inoltra alla Regione. Nominativi che vengono inviati dalle singole istituzioni scolastiche al Libero Consorzio.

Gli studenti potranno recarsi presso qualsiasi ufficio postale per poter ritirare l’importo assegnato muniti degli appositi documenti, carta identità e codice fiscale, non scaduti ed in corso di validità. Nel caso lo studente sia maggiorenne potrà recarsi presso l’ufficio postale da solo, qualora lo studente sia minorenne sarà invece necessaria la presenza di un genitore munito anch’esso dei rispettivi documenti di riconoscimento. Inoltre è necessario, nel caso di minorenne, che il genitore sottoscriva davanti all’impiegato delle poste una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.
Non sono ammesse deleghe in favore di altri soggetti per la riscossione del contributo economico.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO