Home / In evidenza  / Nuovo DPCM: 4,7 miliardi ai Comuni di cui 400 per distribuire cibo o buoni per la spesa

Nuovo DPCM: 4,7 miliardi ai Comuni di cui 400 per distribuire cibo o buoni per la spesa

Firmato un nuovo Dpcm per l’emergenza alimentare:possibilità, per i Comuni, di usufruire di 4,3 miliardi del Fondo di solidarietà nazionale a cui si aggiungono 400 milioni per chi non ha i soldi per fare la spesa.

“Abbiamo superato 10.000 vittime, è un numero che ci colpisce. Si allarga la ferita nella nostra comunità nazionale, per questo permettetemi di esprimere vicinanza alle famiglie dei familiari”.
Ha esordito così, dopo aver letto i dati giornalieri della protezione civile, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nella conferenza stampa di ieri sera tenuta insieme al ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. Ha, poi, aggiunto un dato positivo: “Oggi segnaliamo il numero più alto di guariti. Ci confronteremo ad inizio settimana con gli esperti e confidiamo che ci portino buone notizie. Ha, indi, proseguito: “Non stiamo girando lo sguardo dall’altra parte, siamo assolutamente consapevoli che in questo momento ci sono tante persone che soffrono, non eravamo abituati a stare a casa ed a limitare gli spostamenti. Ma ci sono anche tante sofferenze materiali”.
“Lo Stato c’è, ha continuato, abbiamo lavorato intensamente con il ministro Gualtieri e con gli altri ministri per varare un PROVVEDIMENTO DI GRANDE IMPATTO. Coinvolgiamo i Comuni, i SINDACI che sono le prime sentinelle, le prime antenne per quanto riguarda le necessità dei cittadini, allora CI AFFIDIAMO A LORO. Abbiamo appena firmato un Dpcm che dispone “subito la possibilità di usufruire di 4,3 MILIARDI del fondo di solidarietà nazionale” per il soccorso alimentare: disponiamo subito un anticipo del 66% che sarebbe SPETTATO ai Comuni, a maggio.

“Con ORDINANZA DELLA PROTEZIONE CIVILE aggiungiamo a questo fondo 400 MILIONI, un ulteriore anticipo che destiniamo agli 8000 comuni del nostro territorio COL VINCOLO di darlo alle persone che non hanno i soldi per fare la spesa. Da qui nasceranno buoni spesa ed erogazioni di generi alimentari” , ha affermato…”Siamo vicini alle persone bisognose, dobbiamo aiutare chi è maggiormente in difficoltà”
“Noi confidiamo che già dall’inizio della settimana prossima i sindaci siano nella condizione, attraverso servizi sociali ed associazioni di volontariato, di consegnare direttamente generi alimentari alle persone bisognose.
NON VOGLIAMO LASCIARE NESSUNO SOLO, ABBANDONATO A SE STESSO.

FACCIO UN APPELLO ALLA GRANDE DISTRIBUZIONE PERCHE’ POSSA AGGIUNGERE UN 5%, ADDIRITTURA UN 10% DI SCONTO A CHI ACQUISTA CON QUESTI BUONI SPESA .

“Vi chiedo di comprendere il nostro sforzo, ha concluso, Conte, la macchina dello Stato richiede procedimenti complessi, stiamo facendo l’impossibile”.”La ministra Catalfo e l’Inps stanno lavorando senza sosta. Vogliamo mettere tutti i beneficiari della Cassa integrazione nella condizione di accedervi subito, entro il 15 aprile e, se possibile, anche prima”, ha aggiunto.

Sembra opportuno sottolineare, come peraltro ha fatto lo stesso Premier, che i 4,3 miliardi di euro stanziati, sono un anticipo di soldi che lo Stato deve alle amministrazioni comunali e lo stesso dicasi per i 400 milioni.

I 4,3 miliardi di euro previsti dal DPCM non sono altro che un anticipo del Fondo di solidarietà comunale, pari al 66% della somma che avrebbe dovuto essere erogata a maggio.
Questi soldi, dunque, lo Stato li avrebbe, comunque, dovuto consegnare ai comuni, ne ha solo anticipato la fruizione.
Ed un anticipo, ha detto chiaramente il capo dell’esecutivo, sono anche i 400 milioni aggiunti con ordinanza della protezione civile.

Tra l’altro solo per questi ultimi il Premier ha parlato di un vincolo di destinazione ovvero la creazione di buoni spesa e finanziamento della consegna di alimenti e generi di prima necessità da far compiere agli attori della filiera della solidarietà a favore dei cittadini in difficoltà.

Se ne dovrebbe arguire che i comuni possono usufruire dei 4,3 miliardi senza vincolo di destinazione delle somme?
E, tornando, invece, ai 400 milioni: a chi è attribuita la titolarità di vigilare sul rispetto del vincolo di destinaszione? E quali le modalità, previste per i controlli?

Ed andando ancora a ritroso, cos’è il Fondo di solidarietà comunale?
Esso è il fondo per il finanziamento dei Comuni, alimentato con una quota del gettito IMU di spettanza dei comuni stessi. Esso è stato istituito dalla legge di stabilità per il 2013 (legge 228/2012) in ragione della nuova disciplina dell’imposta municipale propria (IMU), introdotta dalla medesima legge n. 228/2012, che ha attribuito ai comuni l’intero gettito IMU, ad esclusione di quello derivante dagli immobili ad uso produttivo, che rimane destinato allo Stato.

SUL FRONTE SCUOLE ED UNIVERSITA’ . Conte ha confermato quanto già detto dal ministro Azzolina : non c’è una prospettiva di tornare alle attività didattiche ordinarie nella scuola e nell’università per il 3 aprile.

SUL FRONTE UE. “Mi batterò fino all’ultima goccia di sudore, fino all’ultimo grammo di energia per ottenere una risposta europea, forte, vigorosa e coesa” ha detto il premier Conte.

 

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO