Home / Attualità  / L’Asp di Agrigento replica al nostro articolo. Nota del Direttore di sicilia24h.it

L’Asp di Agrigento replica al nostro articolo. Nota del Direttore di sicilia24h.it

A seguito degli effetti non troppo tranquillizzanti che sta scatenando la psicosi del coronavirus, questa mattina abbiamo pubblicato un articolo (vedi sotto) con il quale, sostanzialmente, veniva evidenziato che occorre non farsi trovare spiazzati dal punto di vista sanitario, relativamente alle esigenze che comporta il caso in questione. Nell’articolo abbiamo sottolineato la necessità di reperire persino le mascherine (quelle del kit anti-coronavirus) le quali attualmente sembrano essere sparite non solo dall’ospedale di Agrigento ma anche di altri nosocomi siciliani.

L’Asp di Agrigento ci ha fatto pervenire il seguente comunicato:

“In ordine all’articolo di stampa ‘Coronavirus, Mazara e Mancuso invitano la popolazione a stare tranquilla, ma in ospedale mancano persino le mascherine’ comparso su sicilia24h.it, il 25 febbraio 2020, il direttore dell’unità operativa di Medicina e Chirurgia di Accettazione/Urgenza dell’ospedale “San Giovanni  di Dio” di Agrigento, Salvatore Albanese, di concerto con il direttore sanitario di presidio, Antonello Seminerio,  dichiarano che l’area di emergenza-urgenza del nosocomio e’ attrezzata di dispositivi di protezione individuale (come mascherine FFP3 e tute adeguate) necessari a far fronte all’accoglimento in pronto soccorso di eventuali casi sospetti di coronavirus. Gli stessi dispositivi, forniti in numero di 10 kit e sostanzialmente diversi dalle semplici mascherine monouso, sono in consegna al direttore dell’unità operativa di Medicina e Chirurgia di Accettazione/Urgenza che ne dispone l’utilizzo solo in caso di effettiva necessità”. “La direzione strategica dell’ASP di Agrigento ribadisce che sta conducendo l’intero iter con lucida e serena razionalità secondo quanto indicato dalle linee guida ministeriali in materia di contrasto al Covid-19. Fra le azioni poste in essere vi è certamente la dotazione di DPI e, segnatamente, delle maschere FFP3 di cui già si dispone e di cui, nonostante le esigenze manifestate da tutte le Aziende sanitarie in Italia, si è riusciti ad ottenere ulteriori quantitativi per mettere in sicurezzala salute dei pazienti. L’ASP di Agrigento ha anche istituito un tavolo tecnico permanente formato dai direttori degli ospedali, dei distretti sanitari, da responsabili dei servizi aziendali competenti e dai referenti degli ordini dei medici, dei farmacisti, della FIMMG e del 118 per fronteggiare l’emergenza con ogni strumento utile. Per quanto sopra si può affermare che non è  stato rappresentato nessun generico ‘ottimismo’  ma un approccio sereno e razionale finalizzato a mantenere alta la guardia ed evitare panico nella popolazione assistita”.

Nota del Direttore:

Si prende atto che il pronto soccorso dell’ospedale di Agrigento sia dotato delle maschere professionali che invece, purtroppo, non hanno tutti gli altri reparti del nostro nosocomio e quindi rimane scoperta una “zona” dove possono afferire alcuni  pazienti positivi al Coronavirus “sfuggiti” ad un primo esame; allora che potrà succedere? Che il personale sanitario sprovvisto di tali presidi potrà essere contagiato con tutte le conseguenze disastrose del caso? Stiamo parlando di reparti di primissima emergenza.

In realtà la situazione al San Giovanni di Dio è sotto controllo; si aspetta adesso che tutti, e sottolineiamo tutti, i reparti vengano “assistiti dall’Asp” in egual misura del Pronto Soccorso.

Saremmo ben lieti di rappresentare anche noi, mediaticamente, quel generico “ottimismo” che viene evidenziato nella nota dell’Asp.

Avrà fatto bene il Direttore Sanitario degli Ospedali Riuniti di Sciacca e Ribera il quale, adottando un provvedimento drastico ma sicuramente efficace, ha disposto con effetto immediato il divieto di accesso a familiari e visitatori all’interno della Unità Operative di degenza fino a cessato bisogno.  Ed ancora: ha vietato l’assistenza ai pazienti ricoverati  da parte dei familiari se non per casi assolutamente eccezionali. Il Direttore del Presidio Sanitario conclude: le porte di accesso alle Unità Operative  dovranno pertanto rimanere chiuse impedendo l’accesso a personale estraneo non autorizzato.

Fermo restando che confidiamo nell’ottimo operato che verrà portato avanti da parte dei vertici dell’Asp di Agrigento.

Lelio Castaldo

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO