Home / In evidenza  / Libero consorzio e Microcredito: un successo che approda a Bruxelles e diventa un virtuoso “caso siciliano”

Libero consorzio e Microcredito: un successo che approda a Bruxelles e diventa un virtuoso “caso siciliano”

Approda a Bruxelles il successo degli Sportelli Unici dell’Ente nazionale per il Microcredito aperti negli Uffici Relazioni con il Pubblico (URP) del Libero Consorzio Comunale di Agrigento, tanto da far parlare di virtuoso “caso siciliano”.

Il “bel risultato” ottenuto dalla rete URP è stato delineato stamani, nel corso di un incontro tenutosi nell’Aula Consiliare dell’ex Provincia, dal Responsabile nazionale dell’Ente Microcredito, dott. Roberto Marta, e dall’agente territoriale, dott.ssa Valentina Lupo.

Il traguardo, inoltre,  è stato anche illustrato nel 28° numero di “Microfinanza”, la rivista edita dall’Ente Nazionale per il Microcredito  .

Era il 27 novembre del 2018 quando veniva siglato l’atto d’impegno tra il Libero Consorzio e l’Ente Microcredito per consentire l’apertura di 7 nuovi Sportelli unici pensati strategicamente su tutto il territorio agrigentino ed a copertura dell’intera provincia.

Gli sportelli sono oggi operativi presso le sedi URP di Agrigento, Bivona, Licata, Sciacca, Canicattì, Cammarta e Ribera.

Nelle suddette sedi, gli operatori sono a disposizione per informare gratuitamente il cittadino – utente, sulle opportunità promosse dal Microcredito e consigliare sulla scelta dello strumento più adatto alle esigenze poste in essere, tanto per le imprese già esistenti, quanto per quelle da avviare.

Il progetto si prefigge l’obiettivo di fornire l’erogazione del servizio informativo in maniera organizzata, coprendo l’intero territorio provinciale e riuscendo a raggiungere, così, sia  giovani agrigentini e chi è intenzionato a fare impresa.

Per questo motivo, nelle prossime settimane, partirà una campagna informativa  nelle Scuole superiori di secondo grado dell’agrigentino, per illustrare le opportunità previste dal Microcredito.

Sarà un’occasione da non perdere per i tanti studenti che, dopo il diploma, vogliono fare impresa scegliendo di rimanere nel proprio territorio.

 

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO