Home / 2019 (Pagina 396)

LUNEDì 18 MARZO 2019 alle ore 9,30,  presso l’Auditorium del CPIA ( Centro Provinciale Istruzione Adulti ) Agrigento sede associata ex Istituto Comprensivo “ Quasimodo” Villaseta,  nell’ambito delle attività previste per la prevenzione del Bullismo, avrà luogo il  Convegno Provinciale “Bullismo, cyberbullismo, utilizzo consapevole e sicuro del web, Convivenza civile ed Educazione alla Legalità” rivolto ai Dirigenti Scolastici, ai Docenti Referenti, e ad una rappresentanza di alunni, genitori e agli studenti componenti la Consulta Provinciale Studentesca.

Nella mattinata i Docenti Referenti e/o gli studenti   delle  Istituzioni Scolastiche coinvolte esporranno un’attività particolarmente significativa realizzata ( prodotto multimediale o sintesi descrittiva) nel corso dell’anno scolastico.

Ha avuto una partecipazione oltre ogni immaginazione il seminario “Euro progettare nella pubblica amministrazione”, promosso dalla Cisl Fp di Agrigento, Caltanissetta ed Enna e dalla Fidapa svolto a Casa Sanfilippo, ad Agrigento.

Tanti, tantissimi i liberi professionisti e i dipendenti pubblici che hanno partecipato per conoscere dalla professoressa Germana Di Falco, core expert della Commissione europea, quale approccio seguire per realizzare progetti che riescano ad accedere ai fondi europei.

Un’occasione che, ha tenuto a precisare il segretario generale della Cisl nazionale, Maurizio Petriccioli, rivoluziona il ruolo del sindacato e ha il merito di creare una classe di dipendenti pubblici motivata, consapevole e potenziale strumento di sviluppo del territorio.   

“Iniziative come questa hanno un valore alto ma non solo per la Sicilia – argomenta Petriccioli – perché quello dell’incapacità ad approfittare i bandi europei è un problema mediamente di tutto il Paese. Purtroppo nella Pubblica amministrazione esistono delle competenze che devono essere migliorate fortemente, sia in termini di progettualità sia in termini di comunicazione, cioè di far conoscere a tutti le opportunità che i fondi europei possono dare. Il sindacato, che come vocazione si deve curare dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici – continua – in questo caso secondo me, in termini visionari, rivoluziona il proprio ruolo facendosi carico di un ruolo educativo che possa cambiare questo paradigma e immaginare che pubblici dipendenti più motivati e più informati possano essere visti come una risorsa vera e propria e un volano dello sviluppo per il territorio”.

Soddisfatta della partecipazione, ma non sorpresa, la segretaria generale della Cisl Fp di Agrigento, Caltanissetta ed Enna Floriana Russo Introito. “Ci aspettavamo una tale partecipazione – spiega – perché abbiamo ricevuto numerose sollecitazioni in tal senso sia da parte delle amministrazioni che dei dipendenti. Abbiamo deciso di investire in tal senso sostituendoci probabilmente in minima parte alle pubbliche amministrazioni, che sappiamo avere difficoltà economiche anche nel garantire la formazione ai dipendenti. Un investimento che abbiamo fatto convintamente perché crediamo molto alla professionalizzazione del personale, che possa dare una vera svolta al territorio attraverso anche l’incentivo e il corretto utilizzo dei fondi europei, affinché questi possano essere spesi in progetti che siano utili allo sviluppo del contesto in cui si vive”.

Anche Aragona e Comitini, partecipano, grazie alla collaborazione delle imprese Sea e Icos, alla seconda edizione del Mese del riciclo di carta e cartone organizzata per il 15 ed il 22 marzo prossimi.

Sea ed Icos, le aziende che gestiscono il servizio di raccolta differenziata ad Aragona e Comitini,  hanno infatti organizzato un “Laboratorio creativo: carta e cartone riciclato” che contribuirà a fare chiarezza sui temi della raccolta differenziata e alle tematiche legate al ciclo dei rifiuti.

L’evento è destinato a tutti gli alunni della quinta elementare della scuola primaria “Luigi Capuana che comprende il plesso Capuana, il Plesso Terranova, il Plesso Fontes Episcopi ed il Plesso Agnellaro di Aragona e il plesso Ciranni di Comitini.

La manifestazione si  svolgerà in due giornate distinte. Giorno 15 marzo, sarà tenuta una lezione sulla raccolta differenziata, illustrando l’intero ciclo di raccolta della carta.Saranno messe a confronto le tecniche di lavorazione della carta riciclata e saranno evidenziate le problematiche ambientali scaturenti dalla realizzazione della carta non riciclata. Al termine della lezione saranno mostrati i lavori e gli elaborati realizzati con la carta e il cartoncino riciclato. Sarà chiesto agli alunni partecipanti di creare, entro una settimana, mettendo in risalto la propria creatività, oggetti e/o disegni utilizzando carta e/o cartoncino riciclato.

Giorno 22 marzo sarà invece premiata l’idea più bella e originale.

Il Mese del riciclo di Carta e Cartone è organizzato da Comieco (Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi Cellulosici) in collaborazione con la Federazione della carta e della grafica, Assocarta e Assografici e Unirima e il patrocinio di Anci, Confindustria e Ministero dell’Ambiente. “Per un mese – spiegano gli organizzatori – il valore e le potenzialità di carta e cartone e del loro riciclo saranno protagonisti di iniziative culturali, appuntamenti educativi, incontri informativi rivolte a cittadini, scuole, media, istituzioni, associazioni e aziende. Un’occasione per scoprire talenti, professionalità, tecnologie, novità e curiosità dal mondo del riciclo di carta e cartone e riscoprire quanto sia utile e importante l’impegno quotidiano nel fare una corretta raccolta differenziata.

La presidente del Consiglio comunale, Daniela Catalano, interviene a seguito della indizione, il prossimo 5 maggio, del referendum sulla rettifica dei confini tra Agrigento, Favara e Aragona, e afferma: “Esprimo grande soddisfazione per la firma del provvedimento di indizione del referendum del 5 maggio. Ringrazio il consiglio comunale di Agrigento, che mi onoro di presiedere, per avere votato, oltre un anno fa, all’unanimità, la proposta di delibera di rettifica dei confini tra Agrigento, Favara e Aragona, condizione essenziale per il referendum. Il supporto vero, con i fatti, pubblicamente dato, oltreché dietro le quinte, al fianco dei caparbi e onesti cittadini di “Favara ovest”, sta per dare i suoi frutti. Perderemo nostri concittadini, cinicamente argomentando, nostri elettori e contribuenti (cui avremmo dovuto garantire servizi mai adeguatamente resi) ma restituiremo finalmente piena e chiara identità a centinaia di uomini e donne”.

Il noto boss di New York, Francesco Calì, 53 anni, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco ieri sera davanti a casa Staten Island.

Lo riferiscono i media Usa, citando fonti del Dipartimento di polizia di New York. Il boss è stato trovato a terra con diverse ferite da arma da fuoco. Secondo la polizia, la vittima era un membro di alto rango della famiglia dei Gambino.

Per il momento non ci sono stati arresti e le indagini sono in corso.

Ad Agrigento, al palazzo di giustizia, la pubblico ministero, Eliana Manno, a conclusione della requisitoria, ha chiesto la condanna a 9 anni di carcere, per tentato omicidio, a carico di James Burgio, 26 anni, di Porto Empedocle, arrestato lo scorso 23 luglio dalla Squadra Mobile perché ritenuto responsabile di avere sparato la sera del 21 luglio contro un pescatore, Angelo Marino, 30 anni, al porto di Porto Empedocle, e di avere rivolto la pistola, che però si è inceppata, contro Riccardo Volpe, 28 anni, di Realmonte, cugino di Angelo Marino. Burgio, difeso dagli avvocati Salvatore Pennica e Alfonso Neri, è giudicato in abbreviato innanzi alla giudice per le udienze preliminari del Tribunale, Alessandra Vella.

Trascorsa la visita di Conte e Toninelli sulla 640, quali sono adesso le prospettive concrete di lavoro e di pagamento delle imprese impegnate nei cantieri riattivati.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il ministro alle Infrastrutture, Danilo Toninelli, hanno visitato a Caltanissetta il cantiere in contrada Bigini appena riattivato dalle imprese creditrici della Cmc di Ravenna nell’ambito della conclusione del raddoppio, atteso entro giugno 2020, della strada statale 640 Agrigento – Caltanissetta. In termini concreti, trascorso l’intervento di Conte e Toninelli, quali sono le prospettive di lavoro e di pagamento dei debiti per le imprese vittime della crisi e dell’accesso al concordato preventivo della Cmc? All’interrogativo rispondono le stesse imprese, che sono un centinaio, e che vantano crediti per complessivi circa 50 milioni di euro. Ebbene, intorno alla metà della prossima settimana, tra il 17 e il 24 marzo, il premier Conte convocherà a Roma il Comitato dei creditori, la Regione e l’Anas. E lo stesso Conte ha confermato che per i lavori futuri, non solo sull’Agrigento – Caltanissetta ma anche sulla Palermo – Agrigento, le imprese saranno pagate direttamente da Anas. Ancora nebulose sono invece le previsioni sul pagamento dei lavori già compiuti. E il Comitato dei creditori della Cmc, a domanda risponde: “Riguardo ai crediti pregressi per circa 50 milioni di euro che vantiamo nei confronti della Cmc in concordato, è intenzione del Presidente del Consiglio ricercare una soluzione con tutte le parti in causa così da completare le due opere in tempi celeri”. A parte la nebulosità di tale risposta, il Comitato dei creditori, in concreto, aggiunge di avere scongiurato Conte ad intervenire sulla Cmc affinchè siano sbloccati i primi 10 milioni di euro che la Cmc si è impegnata a pagare, in mancanza dei quali non è possibile acquistare materiale e operare nei cantieri riattivati lo scorso 28 febbraio. E poi i creditori hanno denunciato a Conte le manovre in corso da parte di speculatori che, promettendo alla Cmc sostanziali ribassi, tentano di sostituirsi a loro nella titolarità delle opere, riaffidandole poi con ulteriori tagli su prezzi e pagamenti. In conclusione il Comitato delle 100 imprese tra affidatarie, subappaltatrici e fornitrici, e i 2.500 dipendenti, ringraziano il premier Conte e il ministro Toninelli per l’attenzione prestata, e ribadiscono: “Il nostro è un problema di tutta la Sicilia. Conte e Toninelli si sono resi conto che i due cantieri dell’Agrigento – Caltanissetta e della Palermo – Agrigento rappresentano attualmente una delle opere più importanti in Italia, che non solo connette velocemente e in sicurezza l’Ovest con l’Est della Sicilia, ma offre anche una funzionale alternativa e via di fuga in caso di interruzioni della vecchia autostrada Palermo-Catania che, dopo il crollo del viadotto Himera ancora non reintegrato, è interessata da un importante piano di manutenzione straordinaria con conseguenti e inevitabili ripercussioni sul traffico. Dunque, è un atto di grande responsabilità politica, oltre che di amore per le nostre martoriate comunità, impegnarsi al loro rapido completamento”.

Angelo Ruoppolo (Teleacras)

Nella nuova puntata di Punto Fermo gli ospiti di Mario Gaziano sono l’ex sindaco di Agrigento Marco Zambuto, il giornalista Lelio Castaldo, il Presidente del Consorzio Turistico Emanuele Farruggia e lo scrittore Paolo Cilona.

Tema della puntata: la Sagra del Mandorlo in Fiore;  Zambuto, Farruggia e Cilona hanno evidenziato come la manifestazione folkloristica ha ampi margini per potere migliorare consentendo , altresì, un potenziale aumento del flusso turistico per non renderlo più di passaggio.

Lelio Castaldo, invece si è soffermato sulla trasparenza adottata dal direttore del Parco Archeoligico Giuseppe Parello, relativa alle somme da destinare alla comunicazione pubblicitaria.

Punto Fermo andrà in onda domani sera, Giovedì alle ore 21:00 e in replica domenica mattina alle ore 09:30 su Teleacras.

Attraverso un processo di interiorizzazione che porta a mettere a nudo tabù e fragilità, sicurezze e insicurezze, Margherita Biondo si ripropone al pubblico dei lettori con un testo poetico dal titolo “L’amore imperfetto”, Edizioni Medinova. Il libro sarà presentato, a cura dell’Associazione Culturale Ciak Donna, venerdì 15 marzo, alle ore17.00, nei locali del Circolo Culturale Empedocleo di Agrigento – Piazza San Giuseppe. L’evento sarà coordinato da Salvatore Di Salvo e vedrà gli interventi di Angela Megna, Fausto D’Alessandro, Alessandro Mario, Daniela Spalanca e Antonio Liotta. Le letture saranno curate da Giusi Carreca.

Nella silloge il rapporto di coppia viene affrontato in veste poetica attraverso un problematico viaggio introspettivo che porta ad indagare sugli istinti e sulle vicende personali su un percorso dove il sentimento si snoda tra certezze ed incertezze, esaltazione e sofferenza. Il tutto con una trama tessuta come in un racconto che il lettore dovrebbe avere cura di scorrere, dal prologo all’epilogo, secondo l’ordinata numerazione progressiva. Con stile personale ed incalzante, la poetessa evidenzia un suo modo di interpretare e comprendere, con uno sguardo sempre diverso, le dinamiche generali delle storie amorose sulle impronte di un passaggio nella vita.

Per l’autrice l’amore si rivela “imperfetto” in tutte le sue sfaccettature che, tuttavia, ne fanno un sentimento universale persino nel dubbio, a prescindere dallo stesso ordine naturale delle cose che potrebbe culminare nella gioia o nel dolore.

“Le nostre intime reazioni – sostiene la Biondo – sono frutto di un contatto con le parti sconosciute di noi stessi, un contatto possibile solo se ci abbandoniamo alla nostra vulnerabilità perdendoci in un labirinto di interrogativi. Sicuramente non è cosa agevole mettere in discussione emozioni e sentimenti nel processo interiore che va al di là della mera definizione del rapporto fino al parlare di noi stessi di fronte all’amore, soprattutto nella difficoltà di volere sapere se amiamo fino in fondo, come e perché amiamo, chi amiamo e con quali esiti”.