Home / In evidenza  / “Fragalà”: nuove accuse contro boss

“Fragalà”: nuove accuse contro boss

Un nuovo collaboratore di giustizia, Francesco Paolo Lo Iacono, arrestato a luglio per traffico di droga, avrebbe riferito ai magistrati della Procura di Palermo che a volere la morte del penalista Enzo Fragalà sarebbe stato il boss di Porta Nuova Gregorio Di Giovanni. Il nome di Di Giovanni, come mandante dell’omicidio, è stato già usato da un altro collaboratore di giustizia, Francesco Chiarello, ma, essendo l’unica accusa nei confronti del presunto capomafia, la Procura non ha raccolto indizi sufficienti per procedere a suo carico. Il neo pentito, Francesco Paolo Lo Iacono, tra l’altro ha dichiarato: “Quando lavoravo al bar Bobbuccio, nei pressi del tribunale, ha consegnato una ordinazione in una abitazione dove c’era Di Giovanni. E ho sentito Di Giovanni dire ad un altro interlocutore che si doveva dare una lezione a Fragalà”.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO