Home / 2019 / Settembre (Pagina 49)

Sul sito internet della Provincia di Agrigento è stato pubblicato il bando di gara d’appalto urgente per affidare i lavori di eliminazione delle frane lungo la strada provinciale 25 che collega i Comuni di San Giovanni Gemini e Mussomeli alla statale 189, dal chilometro zero al chilometro 3,450, per un importo di 1.740.000 euro finanziati con fondi del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Le offerte sono attese, solo tramite internet attraverso il sito della Provincia, entro le ore 12 del 3 ottobre prossimo. Il termine per l’esecuzione dei lavori è di 500 giorni consecutivi e continui, a decorrere dal giorno del verbale di consegna dei lavori, già progettati dallo staff tecnico del Settore Infrastrutture stradali della Provincia. Il bando di gara è consultabile sul sito www.provincia.agrigento.it , sezione gare e appalti.

A Naro, nel corso di un’apposita cerimonia, è stato inaugurato il nuovo chiostro del Palazzo di Città. I lavori sono stati intrapresi e conclusi grazie ad alcuni sponsor privati. In proposito, la sindaca di Naro, Maria Grazia Brandara, afferma: “Abbiamo restituito alla città un posto incantevole. E’ stato un lavoro eccezionale portato avanti con diligenza da tutti coloro che si sono messi all’opera meno di una settimana fa. Sarà da oggi in poi uno dei fiori all’occhiello di Naro”.

Ad Agrigento, oggi lunedì 2 e domani martedì 3 settembre, nell’atrio del Seminario Arcivescovile, alle ore 21, si svolgerà l’iniziativa intitolata “Intorno al Pozzo”. Don Baldo Reina, Rettore del Seminario, spiega: “Dopo il restauro dell’atrio, siamo lieti di invitarvi a due serate di riflessione attorno alla figura di Abramo, modello di fede, uomo provato, pellegrino della verità, che riteniamo abbia ancora molto da dire ai nostri dubbi e ai nostri slanci. Per questo, con uno sguardo ampio desideriamo scrutare il suo travaglio e capire cosa vuol dire mettersi in cammino dietro un Dio che chiama”. La sera di lunedì 2 relaziona lo stesso don Baldo Reina. E la sera di martedì 3 il professor Giovanni Todaro, docente dello Studio Teologico San Gregorio Agrigentino.

Nuovo appuntamento col teatro Pirandelliano domani Martedi 3 settembre alle ore 21 al complesso monumentale Sant’Agostino in Naro La Fulgentissima. Il Catania Teatro presenta un classico del Nobel agrigentino “Il berretto a sonagli” per la interpretazione e la regia di Mario Sorbello icona del teatri regionale catanese. In sceba anche Maria Luisa Limbardo Maria Maugeri Franco Roccasalvo Marco Celano Graziella Pilato Giuliana Vergata. Con la partecipaziine dei pupi siciliani di Sakvo Mangano. Lo spettacolo è il terzo appuntamento del XIX Pirandello stable festival di Mario Gaziano che per la edizione 2019 ha scelto anche la prestigiosa scena di CasaconteAttivi di Naro diretta da Massimiliano Arena dove ha già rappresentato ULISSE I VENTI DEGLI EROI con “U ciclopu” tradotto da Pirandello in dialetto girgentano dall’omonimo dramma di Euripide. E già si è realizzato PIRANDELLO AL CAOS-Vita privata di don Luigi. Mentre il 16 settembre sarà la volta del PREMIO INTERNAZIONALE PERGAMENE PIRANDELLO 2019 al Circolo culturake Empedocleo di Agrigento presidente Giuseppe Adamo, sede prestigiosa che ospita le stagioni teatrali di Teatro da Camera con opere pirandelliane sempre in cartellone.

L’associazione dei consumatori “Cittadinanza attiva”, sede di Agrigento, coordinata da Pippo Spataro, propone la convocazione urgente di una seduta del consiglio comunale di Agrigento affinchè, in presenza dei cittadini e di tutti coloro che sono interessati, si discuta di ciò che ormai da troppo tempo si dibatte infruttuosamente all’interno dell’Ati, l’assemblea territoriale idrica agrigentina composta da tutti i sindaci agrigentini, ovvero quale soluzione adottare in riferimento alla futura gestione del servizio idrico, tra la gestione affidata ad un’azienda società per azioni, oppure ad una azienda consortile composta da vari comuni della provincia. Lo stesso Pippo Spataro aggiunge: “Ricordiamo al Comune di Agrigento che molti Comuni della provincia hanno già dato il loro indirizzo politico all’Ati di come dovrebbe essere gestita l’acqua pubblica a termine della gestione commissariale di Girgenti Acque. Ci auguriamo che il Comune di Agrigento si esprima per una gestione dell’acqua pubblica consortile, con l’apporto e la gestione di tutti i comuni della provincia, evitando una gestione da parte di una società per azioni, anche se composta dai vari comuni, nella quale nel tempo e per varie alchimie possano innestarsi i privati, che baderebbero unicamente e solo ai loro interessi e non al bene dei cittadini”.

Comune di Agrigento, partecipa ad un bando della Regione per installare nuovi Parchi gioco per bambini: infatti, sono disponibili quasi 4 milioni di euro dalla Regione Siciliana per installare nuovi parchi gioco dotati di attrezzature utilizzabili sia dai bambini normodotati che diversamente abili. Tali parchi gioco dovranno sorgere in spazi comunali individuati dalle amministrazioni cittadine che entro il prossimo 31 ottobre potranno presentare domanda per accedere a un contributo massimo di 50mila euro. Così prevede il bando emanato dal dipartimento regionale della Famiglia e delle Politiche sociali. I Comuni dovranno compartecipare con proprie risorse finanziarie nella misura minima del 10 per cento del costo complessivo del progetto. Musumeci commenta: “Si potranno così offrire punti di ritrovo e di svago alle famiglie che hanno figli piccoli e, quindi, l’esigenza di farli giocare in tutta sicurezza in luoghi all’aperto. Ma, soprattutto, si tratta di sfruttare una nuova, grande opportunità per contribuire ad abbattere tutte quelle barriere che ancora oggi impediscono a chi è affetto da una qualche disabilità di usufruire pienamente dei servizi pubblici. E visto che si tratta di minori, è facile comprendere come a questa iniziativa vada riconosciuto un valore assoluto”.

Dalle prime ore del mattino, la Polizia di Stato di Siracusa e i militari del Comando Provinciale Carabinieri stanno dando contemporanea esecuzione ad una mirata attività di polizia giudiziaria volta al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nella zona alta del capoluogo.

L’azione congiunta nasce dal provvedimento della locale Procura della Repubblica, con il quale è stato disposto il sequestro di due cancelli in ferro e vetro abusivamente apposti all’ingresso di una palazzina in un’area fortemente interessata allo spaccio.

Sono in corso numerose perquisizioni con l’ausilio di unità cinofile.

Nuovo sbarco autonomo sull’isola di Lampedusa dove pochi istanti fa sono arrivati, a cala Spugne, decine di maghrebini, soprattutto tunisini, a bordo di una imbarcazione in legno.

Lo sbarco avviene mentre a poche miglia di distanza la nave Mare Jonio di Mediterranea con a bordo 31 persone aspetta di conoscere gli sviluppi dopo la richiesta del comandante di potere entrare in porto.

 

Aveva compiuto lo scorso 28 agosto 46 anni. E stanotte alle 4, improvvisamente, è morto  Pierluigi Craparo, per un arresto cardiocircolatorio nel sonno.

Pierluigi era il primogenito dell’avvocato Lillo Craparo, ex sindaco della città, ex direttore amministrativo dell’ospedale di Sciacca e San Gerardo di Monza e della professoressa Zina Dinghile.

La notizia si è immediata mente diffusa in città e non solo, dove la famiglia Craparo è molto nota e apprezzata.

lo stesso Lillo Craparo a metà mattina ha affidato ad un post su Facebook l’annuncio della morte del figlio e il suo ricordo. Immediata la reazione degli utenti e la bacheca dell’ex manager è stata sommersa da messaggi di cordoglio e vicinanza.

Pierluigi lascia una bambina. I funerali si svolgeranno domani alle ore 17 nella chiesa del Carmine di Sciacca.

 

La morte dei due sub nel mare di Isola delle Femmine in provincia di Palermo: dalle indagini in corso è emerso che le bombole utilizzate da Giuseppe Migliore, l’imprenditore edile di 58 anni, e dal bancario Antonio Aloisio, 56 anni, sono state caricate con aria. Le quattro bombole di Giuseppe Migliore sono state analizzate e dall’esame è emerso che sono state piene d’aria e non caricate con Trimix. La miscela Trimix, composta da ossigeno, elio ed azoto, è utilizzata nelle immersioni più impegnative per ridurre o eliminare gli effetti tossici che ossigeno e azoto scatenano con l’aumentare della pressione. Le bombole ad aria possono essere utilizzate ad una profondità di 40 metri. Per le immersioni a profondità superiore si deve utilizzare il Trimix. E i due sub sono giunti ad una profondità di 80 metri.