Home / Secondo Piano  / Tangenti all’UTC di Agrigento, chieste 8 condanne in appello

Tangenti all’UTC di Agrigento, chieste 8 condanne in appello

Un cambio in corsa di collegio, con il pensionamento del giudice Salvatore Barresi che ha “obbligato” l’inserimento in corsa del collega Filippo Messana, ha di fatto slittare la sentenza di secondo grado nell’ambito dell’inchiesta “Self Service” che avrebbe fatto luce su un giro di tangenti all’ufficio tecnico comunale di Agrigento.

Il sostituto procuratore generale Domenico Gozzo ha nuovamente rinnovato le richieste di condanna che sono ben otto: quattro anni di reclusione per il funzionario comunale Luigi Zicari, 64 anni; due anni per l’ex dirigente dell’Ut Sebastiani Bellanca, accusato di abuso d’ufficio e non di corruzione; due anni di carcere avanzanti anche nei confronti di Roberto Gallo Afflitto, 47 anni, e Pietro Vullo, 47 anni, nonché dell’imprenditore Gerlando Tuttolomondo, 79 anni.

Nell’ambito della stessa inchiesta furono coinvolti e condannati anche due agenti della Polizia Locale di Agrigento: si tratta di Rosario Troisi, 59 anni, e Calogero Albanese, 57 anni. Entrambi, facenti parte della sezione anti-abusivismo, avrebbero falsificato un verbale su un controllo edilizio. Nella vicenda fu coinvolto anche il veterinario 48enne Massimo Lorgio. I primi due furono condannati in primo grado ad un anno e quattro mesi di reclusione; Lorgio, invece, a sette mesi.

Il collegio difensivo è composto, tra gli altri, dagli avvocati Arnaldo Faro, Salvatore Pennica, Vincenzo Caponnetto. Si torna in aula il 15 novembre.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO