Home / Secondo Piano  / Licata, revocato obbligo di firma all’elettrauto indagato nell’inchiesta Halycon

Licata, revocato obbligo di firma all’elettrauto indagato nell’inchiesta Halycon

Il Tribunale del Riesame di Palermo, accogliendo il ricorso presentato dall’avvocato Santo Lucia, ha annullato la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria nei confronti di Antonino Massaro, 61 anni, elettrauto di Licata finito nell’indagine “Halycon” con l’accusa di aver spifferato ad un membro del clan di Licata la presenza di cimici istallate dalle forze dell’ordine.

Su Massaro, dunque, non grava più alcuna misura cautelare. L’elettrauto era stato coinvolto nel secondo filone dell’inchiesta della Dda di Palermo e dei carabinieri del Ros che sta facendo luce sugli interessi della locale famiglia mafiosa.

In una intercettazione captata dalle cimici Massaro riferì – secondo l’accusa – a Giovanni Mugnos, considerato affiliato alla cosca licatese, di aver trovato una cimice ma di non poterla toccare.

 

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO