Home / 2019 / Agosto (Pagina 37)

Ad Agrigento sono state modificate le cariche istituzionali nel corso dei Consigli dell’Ordine degli Architetti e della Fondazione Architetti nel Mediterraneo. Calogero Giglia ha assunto il ruolo di vicepresidente vicario dell’Ordine, e l’uscente, l’architetto Giuseppe La Greca, è stato nominato componente del Consiglio di amministrazione della Fondazione Architetti nel Mediterraneo assumendone anche la carica di vicepresidente. Il presidente dell’Ordine degli Architetti, Alfonso Cimino, commenta: “Ringrazio Giuseppe La Greca per il lavoro svolto. Sono certo che porterà lo stesso impegno all’interno del Cda della Fondazione, essendo l’unico consigliere dell’Ordine a ricoprire questo ruolo. Sono contento di aver affidato il ruolo di vicepresidente vicario a Calogero Giglia al quale riconosco grandi capacità umane e professionali e indubbiamente, fino alla fine del mandato, sarà un valido sostegno per le attività del Consiglio dell’Ordine”.

Oggi giovedì primo agosto ad Agrigento si sono verificati alcuni disservizi nella raccolta dell’indifferenziato per cause non imputabili alle imprese titolari del servizio bensì per le carenze strutturali e organizzative nelle discariche di conferimento addebitabili alla Regione. L’assessore all’Ecologia, Nello Hamel, si scusa con quanti oggi non hanno usufruito del servizio di raccolta dell’indifferenziato, e confida nel recupero che sarà comunque annunciato prima di giovedì prossimo.

Al porto di Porto Empedocle, l’Autorità di sistema portuale del Mare della Sicilia occidentale ha attivato un servizio di controllo a passeggeri e bagagli in imbarco impiegando le guardie giurate. Si tratta di personale specializzato nei controlli di sicurezza previsti dalle norme in vigore. Il presidente della stessa Autorità di sistema portuale, Pasqualino Monti, commenta: “Questo nuovo servizio conferma l’attenzione che riserviamo al porto di Porto Empedocle, importante snodo all’interno della Sicilia occidentale, dove è in fase di progettazione un nuovo terminale passeggeri e dove sono state avviate le demolizioni dei manufatti più fatiscenti e pericolosi”. E il comandante della Capitaneria di Porto Empedocle, Gennaro Fusco, afferma: “Esprimo vivo compiacimento per questo ulteriore traguardo raggiunto che rappresenta un innalzamento del livello di sicurezza del porto ed è frutto della stretta collaborazione e della sinergia con l’Autorità di sistema portuale a cui rivolgo il mio ringraziamento”.

 

A Casteltermini, domenica prossima, 4 agosto, a conclusione dei festeggiamenti per il Santo Patrono, San Vincenzo Ferreri, si svolgerà l’appena recuperato, quanto storico e rinomato, Premio “Enzo Di Pisa”. I riconoscimenti quest’anno saranno assegnati alla memoria di quattro attori castelterminesi: Franco Catalano, Michele Fantauzzo, Fabrizio Giuliano, e Raimondo Rotolo. Ad impreziosire la serata sarà la voce black di Daria Biancardi, accompagnata da una band formata da 12 elementi diretta dal noto chitarrista Osvaldo Lo Iacono. La cantante palermitana, dopo il successo al talent “All Together Now” e il tutto esaurito domenica scorsa al Teatro Verdura di Palermo, si esibirà in Piazza Duomo alle ore 22. Sarà presente alla manifestazione un castelterminese d’eccellenza che non ha mai trascurato le sue origini: Michele Guardì. Il regista, infatti, ha sostenuto la nuova Giunta comunale presieduta dal sindaco Filippo Pellitteri, nel progetto di recupero e rilancio del Premio “Enzo Di Pisa”. Il vicesindaco con delega alla Cultura, Luca Nobile, commenta: “Siamo lieti di invitare tutta la cittadinanza ad uno spettacolo che avrà tra le finalità quella di avvicinare le nuove generazioni all’arte e alla cultura attraverso il ricordo di grandi personalità, oltre che artisti, che hanno dato e fatto tanto per Casteltermini.”

Successi sportivi agrigentini ad opera dei Tiratori della Sezione di Agrigento ai Campionati Italiani di tiro a segno che si sono appena conclusi a Bologna. Angelo Mauro è stato medaglia di bronzo nella specialità pistola grosso calibro, e Fatima Zappalà, medaglia d’argento nella pistola ad aria compressa. I due atleti si sono presentati all’importante impegno sportivo di Bologna dopo una estenuante, ma coronata da tante vittorie, fase di qualificazione.

Le interviste 

La direzione dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento interviene a seguito dell’emissione da parte del Tribunale di Agrigento di un decreto ingiuntivo a carico dell’Azienda sanitaria per il pagamento di 660mila euro a favore del Comune di Raffadali e relativo alla quota di compartecipazione che l’Azienda dovrebbe sostenere per le spese sostenute dal Comune di Raffadali per il ricovero in comunità di cittadini in condizioni di bisogno a causa di disturbi psichici o non autosufficienza. Ebbene, la direzione dell’Asp afferma: “Del decreto in questione l’Azienda ha avuto contezza per il solo tramite degli organi d’informazione visto, ad oggi, stando a quanto si apprende dal Servizio Affari Generali, non è stato ancora notificato. E, in ogni caso, a ricezione avvenuta, proporrà un’opposizione ai sensi di legge e nei termini consentiti. La stessa decisione di presentare un formale ricorso è stata già presa, nel recente passato, per istanze similari istanza prodotte da altri comuni e adesso si attendono i pronunciamenti nel merito da parte dell’Autorità giudiziaria. L’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento, è bene precisare, ritiene di indubbia e fondamentale importanza garantire, con ogni strumento, assistenza e cure ai pazienti con disabilità riconoscendo il valore della collaborazione interistituzionale con i Comuni per consolidare questo intento. Le modalità di questa sinergia, anche sotto il profilo della compartecipazione meramente economica, sono oggetto tuttavia di perplessità che inducono la Direzione aziendale a proporre formale opposizione. Peraltro, ancora nel recentissimo passato, la sentenze numero 120 del 21 gennaio scorso e la 761 del 29 maggio, emesse entrambe dal Tribunale di Agrigento, prevedevano il respingimento delle istanze prodotte, rispettivamente, dal Comune di Agrigento e proprio dal Comune di Raffadali nei confronti dell’ASP in merito alla richiesta somme per costi sostenuti in favore di pazienti con disabilità ricoverati dal 2011 al 2016”.

Ad Agrigento sono state modificate le cariche istituzionali nel corso dei Consigli dell’Ordine degli Architetti e della Fondazione Architetti nel Mediterraneo. Calogero Giglia ha assunto il ruolo di vicepresidente vicario dell’Ordine, e l’uscente, l’architetto Giuseppe La Greca, è stato nominato componente del Consiglio di amministrazione della Fondazione Architetti nel Mediterraneo assumendone anche la carica di vicepresidente. Il presidente dell’Ordine degli Architetti, Alfonso Cimino, commenta: “Ringrazio Giuseppe La Greca per il lavoro svolto. Sono certo che porterà lo stesso impegno all’interno del Cda della Fondazione, essendo l’unico consigliere dell’Ordine a ricoprire questo ruolo. Sono contento di aver affidato il ruolo di vicepresidente vicario a Calogero Giglia al quale riconosco grandi capacità umane e professionali e indubbiamente, fino alla fine del mandato, sarà un valido sostegno per le attività del Consiglio dell’Ordine”.

I Carabinieri hanno arrestato tre nordafricani provenienti da Ghana e Senegal. Uno, un ventenne ghanese, è stato sorpreso a Sciacca, alla stazione degli autobus, al rientro da Palermo, in possesso di un panetto di hashish del peso di 100 grammi. Nel domicilio del ghanese, in zona San Michele, sono stati sorpresi due senegalesi di 19 e 23 anni, che hanno tentato di opporsi al controllo antidroga, proferendo minacce e ingaggiando lo scontro fisico con i Carabinieri intervenuti. I due sono stati tratti in arresto per resistenza aggravata e lesioni personali a Pubblico Ufficiale. Per tutti e tre gli arrestati la Procura di Sciacca ha disposto i domiciliari.

Il deputato regionale, Carmelo Pullara, capogruppo di Autonomisti e Popolari, interviene a seguito di alcuni risvolti legati all’inchiesta “Halycon”, su mafia e massoneria, con indagati tra Palermo e Licata. L’onorevole Pullara afferma: “Ancora una volta, amaramente, constato di correre il rischio di finire nel tritacarne mediatico, pur non essendo in alcun modo coinvolto in una vicenda di cui non conosco nemmeno i contorni. Premetto di non essere massone e pertanto di non essere iscritto a nessuna loggia massonica. Vengo tirato in ballo da altri, pur non avendo alcuna contezza della vicenda in questione. Se questo è il prezzo da pagare per essere un uomo pubblico, comincio a pensare che sia un prezzo troppo alto. Rilevo inoltre che i dialoghi in cui si farebbe riferimento alla mia persona, risultano essere del luglio 2016, un periodo lontanissimo dalle elezioni Regionali, che si sono tenute nel novembre del 2017, quando sono stato eletto all’Ars. E nessun incarico pubblico ed elettivo rivestivo in quel periodo. Ribadisco di essere assolutamente sereno, considerata la mia totale estraneità alla vicenda in questione, e fiducioso nell’operato della magistratura. Ribadisco l’assoluto rispetto delle istituzioni, tanto da essermi già in precedenza auto-sospeso da componente della Commissione Regionale Antimafia”.

 

L’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale avvia da oggi nel porto di Porto Empedocle un servizio di controllo ai passeggeri e ai relativi bagagli in imbarco su navi ro-ro e da crociera, mediante l’impiego di guardie particolari giurate. Si tratta di personale in grado di assicurare un alto livello di sicurezza, poiché specializzato proprio nello svolgimento dei controlli di security previsti dalle norme in vigore.

“Questo nuovo servizio – commenta il presidente dell’AdSP del Mare di Sicilia occidentale, Pasqualino Monti – conferma l’attenzione che questa Authority riserva al porto di Porto Empedocle – importante snodo all’interno del network della Sicilia occidentale –  dove è in fase di progettazione un nuovo terminal passeggeri e dove sono state avviate le demolizioni dei manufatti più fatiscenti e pericolosi”.

“Esprimo vivo compiacimento – dice il comandante della Capitaneria di Porto di Porto Empedocle, Gennaro Fusco –  per questo ulteriore traguardo raggiunto che rappresenta un innalzamento del livello di sicurezza del porto ed è frutto della stretta collaborazione e della sinergia con l’AdSP, cui esprimo il mio ringraziamento”.