Home / In evidenza  / Sciolto per infiltrazioni mafiose il Comune di Torretta
   

Sciolto per infiltrazioni mafiose il Comune di Torretta

 

Il sindaco di Torretta, in provincia di Palermo, Salvatore Gambino, è stato arrestato in carcere per concorso esterno alla mafia lo scorso 17 luglio. Adesso il Comune di Torretta è stato sciolto per infiltrazioni mafiose dal Consiglio dei ministri: la decisione è giunta al termine della seduta notturna iniziata ieri sera, con una delibera che, tra le altre misure, proroga anche il commissariamento del Comune di Camastra, in provincia di Agrigento, e di altri quattro Comuni in Calabria e Puglia.
Per la Sicilia è il quinto caso di scioglimento di un ente locale per infiltrazioni mafiose in pochi mesi. Il provvedimento a carico di Torretta segue Pachino, Mistretta, San Cataldo e San Cipirello, con altrettante nomine di commissari. Il sindaco di Torretta, Salvatore Gambino, è ritenuto a disposizione della famiglia Zito, il clan locale. Il Comune di Torretta è già stato sciolto per mafia nel 2005.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO