Home / Cultura  / La Sicilia tra le regioni più apprezzate in Italia per il turismo

La Sicilia tra le regioni più apprezzate in Italia per il turismo

Continua il magic moment del turismo in Italia. Secondo i dati provvisori Istat, gli esercizi ricettivi italiani hanno raggiunto un nuovo massimo storico, pari a oltre 428 milioni di presenze, confermando la tendenza positiva degli anni precedenti (circa +2% rispetto al 2018). Rispetto al 2018 sono aumentati sia i turisti italiani sia gli stranieri. È soprattutto la componente degli stranieri a registrare la dinamica più sostenuta, con un incremento rispetto al 2017 del 3,3% in termini di arrivi e del 2,6% in termini di presenze. Anche la domanda dei ‘residenti’ ha continuato a crescere, seppur a un ritmo inferiore, sia in termini di arrivi (+1,9%) sia di presenze (+1,0%).

I dati premiano la nostra regione

La regione Sicilia è quella che, in termini di crescita delle presenze, si assesta al primo posto con un più 9,5% rispetto al 2017. La permanenza media dei turisti, ossia il numero medio di notti trascorse negli esercizi ricettivi da ogni cliente, è pari – sottolinea l’Istat – a 3,39 notti. Numeri, questi, che fanno ben sperare per un futuro sempre più roseo. Sempre più utenti, infatti, si informano sul prezzo traghetto Reggio-Calabria – Messina con auto per raggiungere la Sicilia dove trascorrere indimenticabili giorni di vacanza.

Ed è la provincia di Messina, con quasi 3,5 milioni di presenze, la principale destinazione turistica (con il 23,1% del totale regionale) grazie, probabilmente, alla vicinanza dell’arcipelago delle Isole Eolie. Seguono Palermo e Trapani che assorbono rispettivamente il 21,7 per cento e il 15,7 per cento del totale delle presenze rilevate sull’Isola. Nel corso del 2018, in termini di presenze, i maggiori incrementi percentuali si registrano a Ragusa (+13,2 per cento rispetto al 2017), a Enna, (+11 per cento) e a Palermo (+10,3 per cento). Positiva, nel 2018, anche la dinamica rilevata nel comprensorio etneo dove le presenze superano i 2 milioni di unità (+1,3 per cento sul 2017, pari al 14 per cento del totale regionale).

La Sicilia piace, soprattutto, ai francesi: sono loro, con il 20,5 per cento, a primeggiare tra le presenze straniere. Seguono Germania (15,3 per cento), Regno Unito (8,5 per cento) e Stati Uniti (6,6 per cento). Ma la crescita complessiva del 5,7 per cento registrata nel corso del 2018 nelle presenze straniere è frutto anche del crescente interesse verso la Sicilia di clienti provenienti dal Sud Est asiatico (un esempio su tutti, la Cina con un +20,3 per cento nel 2018) piuttosto che dalla Croazia (+28 per cento) o dai paesi e territori dell’America centro settentrionale (quali ad esempio il Canada che ha fatto registrare, tra il 2017 e il 2018, un incremento percentuale delle presenza pari al 21,6 per cento).

Posti imperdibili

Una delle prime cose da visitare è l’Etna che regala un fascino particolare alla Sicilia. Da non perdere anche La Valle dei Templi di Agrigento, uno dei siti archeologici più importanti e famosi non solo della Sicilia ma del Mondo. Questo è situato nei pressi di Agrigento ed è una imponente testimonianza della Sicilia greca.

 

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO