Home / In evidenza  / Agrigento, sindaci della provincia incontrano arcivescovo Montenegro per soluzione problemi

Agrigento, sindaci della provincia incontrano arcivescovo Montenegro per soluzione problemi

Su invito dell’arcivescovo di Agrigento, card. Francesco Montenegro, promosso dall’Ufficio di pastorale sociale e del lavoro della Curia arcivescovile di Agrigento si sono riuniti questa mattina in vescovado i sindaci della Provincia e i rappresentanti delle forze sociali e delle associazioni di categoria, alla presenza del Prefetto di  Agrigento, Dario Caputo, che ha seguito i lavori.

Tutti i partecipanti all’incontro, numerosi i sindaci della provincia presenti, hanno convenuto sulla necessità di creare una cabina di regia che permetta di individuare i principali problemi che affliggono il territorio individuando le soluzioni attraverso una strategia condivisa che consenta il rilancio del nostro territorio, facendo sinergia, mettendo insieme le varie potenzialità e competenze,  affinché insieme si possano mettere a valore le potenzialità della provincia nell’ambito di un processo di crescita equilibrato e sostenibile.

L’auspicio manifestato da tutte le parti è stato quello di trovare un metodo di lavoro che consenta di fare rete e di evitare che occasioni come quella odierna rimangano senza seguito e si limitino a momenti di pura sollecitazione emotiva.

Da parte dei sindaci, in particolare, è stato rivolto un accorato appello alle istituzioni locali, in primis alla Prefettura, affinché non vengano lasciati soli davanti alle varie emergenze che si trovano quotidianamente ad affrontare a fronte di risorse economiche limitatissime.

Il confronto si è svolto in una clima di sereno e fruttuoso e si è concluso dandosi appuntamento al prossimo 6 aprile in Prefettura per discutere sulle dinamiche relative alla questione dei rifiuti in provincia.

1COMMENTO
  • Avatar
    Salvatore 18 Febbraio 2019

    Quando sarà il giorno che l’arcivescovo dica qualcosa riguardo il cimitero di piano Gatta che ad oggi giaciono 40 salme in attesa di sepoltura. Ho forse non è un problema che le può competere.

POSTA UN COMMENTO