Home / Secondo Piano  / Uil Agrigento:”Il rilancio del Cua Empedocle è indispensabile per la crescita formativa ed economica per il territorio,che si riparta con lo spirito giusto.”

Uil Agrigento:”Il rilancio del Cua Empedocle è indispensabile per la crescita formativa ed economica per il territorio,che si riparta con lo spirito giusto.”

La Uil provinciale di Agrigento non  può che esprimere soddisfazione dopo la presentazione dell’offerta formativa dal 2018/2019 del Cua Empedocle di Agrigento e il rilancio per l’anno accademico a venire con i tre corsi di laurea dopo un lustro di perenne crisi che aveva messo in ambasce tutto il polo decentrato e in uno stato di frustrazione  famiglie e studenti con le conseguenze del crollo delle iscrizioni e messo a rischio gli stessi lavoratori dell’ente.

“Abbiamo seguito negli ultimi tre anni costantemente lo stato dell’arte del Consorzio e anche nei momenti più bui abbiamo sollecitato tutti che il diritto allo studio ad Agrigento non doveva morire,pensiamo che adesso ci siano le condizioni per ripartire,i corsi di Architettura,di Economia e Scienze dell’Educazione sulla carta sono spendibili nel mercato del lavoro e dovrebbero avere appeal per le nuove iscrizioni.

Se si creerà questa sinergia tra la governance e l’Università di Palermo si potrà aprire una nuova pagina per i giovani che vogliono formarsi in questa terra.

Infatti negli ultimi 5 anni più di 12 mila giovani hanno lasciato Agrigento,un dato che è emblematico, noi vogliamo raccontare che nei prossimi cinque anni tanti studenti si laureino al Cua Empedocle e che possano spendere qui le loro competenze e le loro professionalità.

Adesso si cambi veramente marcia,ricordando a tutti che l’Università è un bene inclusivo e che va custodito gelosamente come fiore all’occhiello di una provincia che deve tornare centrale nella vita sociale e culturale non solo in Sicilia,ma nel cuore del Mediterraneo.Con l’imminente riapertura della Cattedrale ci sarà senz’altro un momento di rinascita per questa comunità alle prese con una quotidianità complicata e perigliosa.”

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO