Home / 2019 / Gennaio (Pagina 28)

 

Nuova segnaletica – interna ed esterna – all’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Sarà la ditta “Ikon Segnali” ad occuparsi della posa della nuova segnaletica deliberata e approvata con provvedimento dello scorso ottobre per un costo totale di quasi 24 mila euro.

Una novità importante per chi raggiunge il nosocomio agrigentino che, ad oggi, ha una sua segnaletica ma non del tutto completa e, in ogni caso, molto confusionaria. Con le nuove tabelle – fin dall’ingresso dell’ospedale – si potranno notare le indicazioni che in maniera chiara e netta possano indirizzare nel miglior modo possibile gli utenti. 

 

L’ex presidente della Regione siciliana, Salvatore Cuffaro ha inaugurato in Burundi una chiesa Cattolica finanziata nel 2016 dalla sua Onlus ‘Aiuti-amo il Burundi’ a Mabay. La Onlus ha finanziato oltre la chiesa un centro ricreativo per i giovani e sostiene un orfanotrofio a Bubanza.

“L’area di Mabay al confine con il Ruanda, nonostante la altissima densità demografica e di tantissimi fedeli – dichiara Monsignor Serapion che oggi svolge il suo apostolato in Burundi – era sprovvista di una chiesa e di locali per i bambini e i giovani”.

Monsignor Serapion che in passato è stato Parroco in Sicilia dice: ”Finalmente grazie alla Onlus Aiutiamo Il Burundi abbiamo una chiesa tutta nostra che abbiamo intitolato a Santa Ida”.

“Sin dal mio primo giorno in Burundi sono rimasto impressionato ed affascinato dalla intensità di partecipazione con cui questi fedeli pregano e si accostano ai sacramenti- dice Cuffaro – Sono rimasto molto perplesso nel vederli pregare e partecipare alla messa in locali fatiscenti”.

“Abbiamo pensato che fosse giusto tra le opere che stiamo finanziando e sostenendo cominciare per prima la realizzazione di una chiesa con annessi locali per la crescita e l’educazione dei bambini moltissimi dei quali orfani – dice l’ex governatore, che ha scontato una pena per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra– È stata un’emozione grandissima aver partecipato alla messa di inaugurazione della chiesa ed essermi accostato al sacramento della comunione in questa terra piena di povertà e ricca di speranza”.

“Adottare una procedura straordinaria – simile a quella scelta dal ministero dello Sviluppo economico per la ripresa dei lavori della Siracusa-Gela – e fare subentrare le imprese affidatarie e subaffidatarie nell’esecuzione degli appalti in Sicilia assegnati dall’Anas al general contractor Cmc di Ravenna, finita in concordato, al fine di garantire la prosecuzione dei cantieri e di evitare che opere di collegamento strategiche per lo sviluppo dell’Isola, come la Agrigento-Caltanissetta, la Palermo-Agrigento e la metropolitana di Catania, diventino le ennesime incompiute”.

E’ la richiesta ai governi nazionale e regionale e all’Anas del “Comitato delle imprese creditrici del Gruppo Cmc di Ravenna per le opere pubbliche in Sicilia”, costituito presso il notaio Alfredo Grasso di Caltanissetta da oltre 70 fra aziende edili e fornitori specialistici, che vantano crediti per 50 milioni di euro nei confronti del colosso delle costruzioni che non paga fatture da oltre 18 mesi.

Il Comitato ha inoltre dato mandato all’avvocato Patrizia Stallone di Palermo di agire legalmente nei confronti di Anas per il recupero indiretto di tali crediti “in quanto riteniamo l’Anas responsabile di non avere esercitato i dovuti controlli nei riguardi di Cmc, pur avendo piena contezza, attraverso gli strumenti forniti dai numerosi e stringenti protocolli di legalità sottoscritti per l’esecuzione di questi appalti, delle somme erogate a Cmc e delle fatture che questa non pagava ai subappaltatori e fornitori. Era evidente, anche a seguito delle nostre continue segnalazioni, che qualcosa non funzionava, ma Anas non è intervenuta, contribuendo così a provocare il danno nei nostri confronti”.

Il Comitato, che ha sollecitato l’intervento delle nove Prefetture dell’Isola e ha incontrato l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, perché “non si possono attendere i tempi lunghi di qualsiasi procedura amministrativa, giudiziale, concorsuale o fallimentare cui potrà andare incontro il general contractor”, denuncia “una gravissima condizione finanziaria che porterà le imprese impegnate con Cmc a chiudere se non riceveranno al più presto le somme dovute, con la conseguente perdita del lavoro per circa 2mila dipendenti. Una crisi industriale due volte superiore a quella dell’ex Fiat di Termini Imerese, che richiede, pertanto, quanto meno pari attenzione e impegno da parte dei ministeri dello Sviluppo economico, del Lavoro, dei Trasporti e dell’Interno, del governo regionale, dei Comuni coinvolti dai cantieri e di tutte le istituzioni, compresa l’Anas, che, in sinergia fra loro, devono trovare una soluzione alle gravi inadempienze contrattuali della Cmc, per la realizzazione di importanti opere funzionali anche agli interessi nazionali e per la tutela delle imprese e dei lavoratori”.

Matteo Messina Denaro                        Renato Cortese

Il questore di Palermo, Renato Cortese, su Matteo Messina Denaro: “Probabilmente non ha più alcun ruolo nell’organizzazione, e gli affiliati non rendono conto a lui”.

Renato Cortese, 53 anni, è in Polizia dal 1991 e nel suo biglietto da visita è scritto: 11 aprile 2006, la cattura di Bernardo Provenzano, ad opera del gruppo cosiddetto “Duomo”, diretto dallo stesso Cortese, e che è stata immortalata nel documentario “Scacco al Re”. Adesso Cortese, nel frattempo assurto alla carica di questore di Palermo, è intervenuto nel merito dell’attuale ruolo in Cosa Nostra di un altro superlatitante storico, Matteo Messina Denaro, ricercato da 26 anni, dal 1993. Renato Cortese dubita che lui, Messina Denaro, sia la stella polare della mafia siciliana, e afferma: “In questo momento storico, dalle indagini su Palermo, ma anche su tutte le altre province siciliane, non credo emerga un ruolo attivo del latitante Matteo Messina Denaro nel panorama criminale e mafioso siciliano. Per cui è un soggetto che probabilmente non ha più alcun ruolo nell’organizzazione e che quindi è defilato, non lascia tracce, non partecipa alle riunioni, non ha strategie criminali, gli affiliati non rendono conto a lui. È un soggetto che si sta facendo la sua latitanza probabilmente anche fuori dalla Sicilia”. Lo scorso 10 gennaio il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Federico Cafiero De Raho, ha affermato : “I latitanti godono di coperture e reti di sostegno. Non potrebbero esistere i latitanti se non ci fossero reti che consentono le latitanze. Le reti via via sono state tagliate e si assottiglia sempre più quel sostegno che ha consentito al latitante di restare ancora oggi impunito. Questo mi fa pensare che Matteo Messina Denaro sarà sicuramente arrestato”. E Renato Cortese aggiunge: “Matteo Messina Denaro dovrà pagare i conti con la giustizia e speriamo che presto sia arrestato però va tenuto presente che la mafia è un’altra cosa rispetto alla singola cattura di un latitante. Per cui far diventare prioritario l’arresto di un latitante non vuol dire strategicamente sconfiggere definitivamente la mafia: primo perché è latitante, e l’organizzazione già mette in conto che prima o poi sarà catturato, e secondo perché il latitante Messina Denaro in modo particolare non ha alcun ruolo all’interno di Cosa Nostra” – conclude Renato Cortese. Già da parecchio tempo Matteo Messina Denaro non pagherebbe più i suoi avvocati difensori che lo assistono in diversi processi, non vi è alcuna traccia della sua eventuale attività criminale, in nessuna intercettazione è stata ascoltata la sua voce, ed è stato ipotizzato anche che sia morto, come fu per Bernardo Provenzano, inseguito per 43 anni. L’ultima prova concreta della esistenza del capomafia risale al 1996 quando Francesca Alagna ha partorito Lorenza, figlia di Matteo Messina Denaro.

Angelo Ruoppolo (Teleacras)

E’ in corso, da parte degli uomini della Guardia di Finanza, l’esecuzione dell’ordinanza di misure cautelari emessa dal Gip del Tribunale di di Catania su richiesta della Procura etnea nei confronti di 6 soggetti, 3 agli arresti domiciliari e 3 destinatari di misure interdittive, considerati responsabili, a vario titolo, di concorso in corruzione continuata, accesso abusivo a un sistema informatico e rivelazione di segreti di ufficio.
Si tratta di professionisti, tra cui due avvocati, uno dei quali un ex dirigente della Serit in pensione, e dipendenti dell’Agenzia di Riscossione Sicilia Spa delle sedi di Catania e Messina.
I dettagli dell’operazione saranno resi noti, nelle prossime ore, dal procuratore di Catania Zuccaro.

 

Il tema dell’incontro riguardante la situazione finanziaria della Regione e le prospettive per quanto riguarda le scelte che sembra voglia intraprendere il Governo Nazionale che si sta interessando anche ad accentrare gli incassi delle tasse.

“La Regione siciliana – spiega Di Mauro – sta facendo una trattativa con Roma: abbiamo già ottenuto un ristoro sul concorso alla finanza pubblica riducendo il trasferimento da fare allo Stato da un milione e tre a 300mila euro, abbiamo avuto un contributo straordinario di 540milioni di euro per la viabilità provinciale e ci proponiamo di porre il tema delle conseguenze gravi che arrecherebbe alla Siciilia unorma che consente di trattenere alle Regioni le risorse versate ai cittadini, parlo di regioni come Piemonte, Lombardia, Veneto, Questo sarebbe un grave nocumento per il Meridione, con le imprese siciliane che già patiscono maggiori costi per il trasporto”.

Ma l’incontro ha preso, poi, un’altra rotta di dibattito ovvero quello sulle accuse dirette al vicepresidente dell’Assemblea regionale, Roberto Di Mauro, ricevute dall’ex presidente di forza Italia, Piero Macedonio.

“Voglio affrontare la questione in termini politici – ha spiegato Di Mauro – c’è un’assonanza assoluta tra Patto per il Territorio e Forza Italia, dato che si tratta due facce della stessa medaglia. Hanno entrambi deciso di partecipare al governo della città di Agrigento, e credo che sia una mossa che già avevano anticipato. L’onorevole Gallo, se dovesse decidere di fare questo, mi auguro che abbia la dignità di comunicarci i motivi e le motivazioni che lo hanno spinto e, fatto questo si sancirà  una rottura delle forze politiche che sostengono il Governo Musumeci nella provincia di Agrigento”.

 

La Corte d’Appello di Palermo accogliendo l’impugnazione dell’Avv. Luigi Troja ha assolto l’empedoclino Michele Fede, carrozziere di 48 anni.
L’uomo era stato condannato dal Tribunale di Agrigento alla pena di sette mesi di reclusione perché accusato di prelevare acqua dall’impianto dei vicini per rifornire la propria Villa e riempire tra le altre cose la propria piscina.
In prima istanza il Tribunale di Agrigento condanno’ l’empedoclino, denunciato dal locale commissariato, a sette mesi di reclusione.
L’Avv. Luigi Troja propose appello sostenendo l’improcedibilita’ in quanto la querela doveva essere proposta dall’intestatario della utenza idrica dalla quale l’acqua veniva sottratta mentre nel caso di specie a fare la denuncia era stato un congiunto.
La Corte pertanto proprio per difetto della querela ha dichiarato il non luogo a procedere.

“Abbiamo condiviso, sin dalle prime battute, il Decreto n°30 Gab dello scorso 5 dicembre, a firma dell’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone, attraverso il quale  la  Regione siciliana ha dotato le stazioni appaltanti che operano  nell’Isola dei bandi tipo per l’affidamento di servizi di architettura e ingegneria a liberi professionisti,  puntando su regole certe ispirate alla trasparenza, alla centralità del progetto, all’apertura del mercato e allo snellimento  delle procedure di affidamento”.  Sono queste le dichiarazioni del Presidente della Consulta Regionale degli Ordini degli Architetti della Sicilia, Giuseppe Falzea, che si associa alle dichiarazioni recentemente espresse dalla Consulta Regionale degli Ordini degli ingegneri della Sicilia.   

“I bandi tipo aprono il mercato – continua Falzea – perché, entro i limiti imposti dalla normativa vigente, riducono notevolmente il ricorso ai requisiti speciali, come quelli economico-finanziari e tecnico-organizzativi.

Per fare degli esempi, citiamo qualcuno degli elementi che aprono decisamente il mercato dei lavori pubblici alle strutture professionali medio-piccole, che rappresentano più del 90% degli operatori economici attivi sul territorio regionale:

Viene abbattuto il muro dei requisiti economico-finanziari, come quelli del fatturato che, per anni, ha chiuso il mercato dei lavori pubblici ai giovani e ai professionisti meno giovani che non hanno avuto la possibilità di lavorare negli ultimi anni; i bandi tipo promuovono, infatti, la sostituzione del requisito del fatturato con una semplice polizza assicurativa, puntando sul dispositivo di cui all’art. 83 comma 4 lettera c) del codice;

Negli Avvisi per manifestazioni di interesse, finalizzati alla formazione di elenchi di professionisti per affidamenti diretti viene espressamente sconsigliato il ricorso ai requisiti speciali che sono previsti, sebbene come opzione facoltativa, dall’art. 32 comma 2 del codice;  Nei casi in cui sono previsti requisiti per i quali il codice stabilisce una forbice, come ad esempio per i requisiti tecnico-organizzativi, viene suggerito sempre il valore più basso, al fine di promuovere una maggiore concorrenza ed una più ampia apertura del mercato;

La partecipazione ai concorsi di progettazione è aperta a tutti i professionisti, a prescindere dal possesso dei requisiti economico-finanziari e tecnico-organizzativi; requisiti che possono essere dimostrati dal vincitore, attraverso la costituzione di un raggruppamento temporaneo di professionisti a valle della procedura concorsuale e, in particolare, nel momento dell’affidamento delle fasi successive della progettazione. Ciò alimenta una vera e propria rivoluzione culturale, promuovendo la centralità del progetto di qualità nei processi di trasformazione del territorio e restituendo potere contrattuale ai giovani talenti ed ai professionisti in grado di produrre progetti di qualità, anche se non sono in possesso di fatturato o di uno studio professionale con tanti dipendenti”.

“Siamo dinanzi ad un risultato storico che inseguiamo da anni – aggiunge Alfonso Cimino, presidente dell’Ordine degli architetti di Agrigento e coordinatore del dipartimento Lavori Pubblici della Consulta regionale degli architetti – I bandi tipo approvati dalla Regione, infatti, produrranno una notevole accelerazione negli affidamenti ai liberi professionisti e una notevole apertura del mercato, offrendo alle amministrazioni nuovi strumenti per potere fruire più agevolmente dei fondi strutturali comunitari. Con nostra grande soddisfazione – continua Cimino – la Sicilia è la prima regione di Italia a varare i bandi tipo, riservando una particolare attenzione ai modelli da utilizzare per ciascuna procedura. Infatti, al decreto sono allegati ben 11 bandi tipo specifici, che le stazioni appaltanti potranno utilizzare per potere bandire i concorsi progettazione (a un grado o a due gradi) o i concorsi di idee e per potere affidare servizi di architettura e di ingegneria a liberi professionisti ricorrendo, in relazione agli importi a base di gara, ad affidamenti diretti, a procedure negoziate e a procedure aperte o ristrette.  Per ogni tipo di procedura, è dunque previsto un bando tipo, scaricabile dal sito web del Dipartimento Regionale Tecnico, nella versione editabile, costantemente aggiornata dallo stesso DRT.”  

“Il nostro auspicio – conclude Falzea – è che il decreto 30 Gab dell’assessore Falcone possa stimolare altre regioni a seguire l’esempio virtuoso della Sicilia e,  soprattutto, lo stesso decreto possa segnare un’auspicata inversione di tendenza di quelle politiche che non condividiamo,  portate avanti sia a livello centrale che regionale, tese a centralizzare la progettazione presso la pubblica amministrazione, sottraendola al libero mercato e privandola delle garanzie di qualità assicurate dalla concorrenza”.

“Fanno riflettere le cronache di questi giorni che evidenziano l’uso di cocaina da parte di ragazzi in fase adolescenziale a 12/13 anni, e talvolta anche a 9 anni.Non c’è più limite alla follia che trascina giovani inesperti nel baratro più profondo dello sballo e delle dipendenze ,anche nella nostra città. Occorre sostenere la famiglia che, in stretto raccordo con la scuola e le strutture preposte della Azienda sanitaria , può intervenire con responsabilità e determinazione per educare secondo stili di vita sani e appropriati i ragazzi ,specialmente in fase adolescenziale,o intervenendo con l’ausilio dei Sert nel caso accertato di consumo di sostanze stupefacenti. Rafforzare Il controllo nelle scuole e nei diversi siti di aggregazione sociale da parte delle forze dell’ordine-conclude Giorgia Iacolino,Presidente della commissione consiliare alla Salute-rappresenta un elemento indispensabile di garanzia e protezione nei confronti delle giovani generazioni”

Come si ricordera’ la Giunta camerale presieduta da Vittorio Messina aveva revocato l’ incarico di segretario generale all’avv. Salvatore Palillo e quest’ultimo aveva adito il Giudice del Lavoro chiedendo di annullare il provvedimento di revoca. Nelle more del giudizio l’avvocato Palillo chiedeva il pensionamento anticipato per assistere il genitore affetto da handicap grave e veniva collocato in quiescenza; pertanto l’ente Camerale, tramite il proprio difensore avvocato Girolamo Rubino, chiedeva la declaratoria di cessazione della materia del contendere. Tuttavia il Tribunale di Agrigento accoglieva parzialmente il ricorso dell’Avvocato Palillo , ritenendo fondata la censura inerente la presunta tardivita’ del Provvedimento di revoca, avvenuto asseritamente oltre il termina di novanta giorni utili ai fini del cd. Spoyl sistem, e dichiarava il diritto del ricorrente a ricoprire la carica di segretario generale fino alla data di collocamento a riposo. Avverso la sentenza del tribunale proponeva appello l’ente camerale, sempre assistito dall’avvocato Girolamo Rubino, e la Corte di Appello di Palermo, riformando la sentenza di primo grado rigettava le domande avanzate dall’avvocato Palillo. Ma avverso la sentenza della Corte d’appello Di Palermo proponeva ricorso in Cassazione l’avvocato Salvatore Palillo; anche davanti la Corte di Cassazione si costituiva in giudizio l’ente camerale, sempre con il patrocinio dell’avvocato Girolamo Rubino, chiedendo il rigetto del ricorso e la condanna del ricorrente al pagamento delle spese del giudizio.  NElle more del giudizio davanti la Cassazione il difensore dell’avvocato Palillo avanzava una richiesta risarcitoria di due milioni di euro alla camera di commercio, per asseriti danni biologici,morali e d’immagine subiti dal suo assistito; ma l’ente camerale non prendeva in considerazione alcuna proposta transattiva. Da ultimo la Corte di Cassazione, condividendo le tesi dell’avvocato Rubino, ha respinto il ricorso dell’avvocato Palillo, condannando quest’ultimo anche al pagamento delle spese di giudizio, liquidate complessivamente in euro ottomila oltre accessori, oltre alla refusione dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso. Pertanto, per effetto della sentenza della corte di cassazione l’ente camerale nulla dovra’ corrispondere all’avvocato Palillo Mentre quest’ultimo dovra’ pagare Le spese giudiziali.