Home / Secondo Piano  / “Sangue infetto”, 1 milione e 800mila euro ad un saccense
   

“Sangue infetto”, 1 milione e 800mila euro ad un saccense

 

Un agrigentino è nato a Sciacca nel 1989. Appena nato è stato trasferito all’ospedale “Ingrassia” a Palermo, ed è stato sottoposto ad una trasfusione di sangue. A 7 anni gli è stata diagnosticata la positività del virus dell’epatite C. E a 17 anni un epato-carcinoma al fegato. I genitori si sono rinvolti agli avvocati Angelo Farruggia e Annalisa Russello, del Foro di Agrigento. Il Tribunale di Palermo, con sentenza del dicembre 2009, ha condannato l’assessorato regionale alla Sanità a risarcire 950mila euro a favore del giovane, 150mila euro ciascuno ai genitori, e 100mila euro al fratello, riconoscendo il contagio da sangue infetto e gli omessi controlli all’epoca già previsti dalla legge. Il Tribunale, nonostante fossero stati richiesti dai difensori, non ha riconosciuto gli interessi e la rivalutazione monetaria dal momento del contagio. E l’assessorato regionale alla Sanità ha proposto ricorso in Appello. Il tutto è stato oggetto di giudizio d’Appello, che nel luglio 2013 ha respinto l’Appello dell’assessorato alla Sanità ed ha riconosciuto interessi e rivalutazione, raddoppiando il risarcimento, da 950mila euro ad 1 milione e 800mila euro. L’assessorato non si è arreso, e ha presentato ricorso in Cassazione. Adesso la Cassazione, con sentenza del 22 gennaio 2019, ha rigettato il ricorso per Cassazione dell’Assessorato, e, accogliendo il contro-ricorso degli avvocati Farruggia e Russello, ha assegnato alla famiglia del giovane altri 130mila euro, che sono l’indennizzo già ottenuto dal ministero alla Sanità e che in Appello era stato scomputato.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO