Home / 2018 / Dicembre (Pagina 26)

Anche quest’anno il Fiat 500 Club Italia Coordinamento di Agrigento, in occasione del Santo Natale, organizza domenica 16 dicembre alle ore 10.30 la 2^ Edizione Babbo Natale in 500. Una visita speciale al reparto di Pediatria dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento per portare, insieme a Babbo Natale, dei doni a tutti i bimbi ricoverati. I partecipanti si ritroveranno, con le loro colorate fiat 500, nel piazzale antistante l’Ospedale per poi raggiungere il reparto. Al termine dell’evento, tutti i partecipanti si riuniranno per il pranzo degli Auguri di Natale. Per informazioni contattare il fiduciario locale Dario Tabone, al numero 338.9703001 oppure all’indirizzo mail d.tabone@500clubitalia.it. È inoltre attiva la pagina facebook “Fiat 500 Club Italia Agrigento” dove è possibile trovare news, aggiornamenti e informazioni sull’evento.

 

“Il parere negativo espresso dai Revisori dei Conti sul Bilancio di previsione del Comune di Agrigento certifica, se ve ne fosse ancora bisogno, il totale fallimento dell’Amministrazione Firetto”.

E’ quanto sostengono i consiglieri comunali del gruppo “Autonomisti” a Palazzo dei Giganti, Giuseppe Picone, Gianluca Urso, Angelo Vaccarello e Maro Vullo, a seguito della decisione dei Revisori dei Conti che hanno espresso parere negativo circa il bilancio di previsione 2018, predisposto e trasmesso, sostanzialmente, a fine anno.

“Un bilancio – sottolineano con forza i consiglieri comunali – che viene sonoramente bocciato in ogni sua parte dal Collegio dei Revisori Contabili. Nello specifico, vengono bocciate le aree relative al debito fuori bilancio, la razionalizzazione del piano delle opere pubbliche, cioè il famoso libro dei sogni. Inoltre, viene bocciata la parte nella quale l’Amministrazione avrebbe dovuto effettuare un serio inventario dell’attivo dell’ente. Ed ancora, la mannaia dei Revisori si abbatte in direzione di effettuare una corretta stima dei fondi dei crediti di dubbia esigibilità e, in ultimo, riguardo al recupero della evasione tributaria, sulla quale il Collegio ha statuito che l’Ufficio Entrate Comunali non è stato organizzato in maniera efficiente. Una sonora bocciatura, dunque, non solo dal punto di vista tecnico – contabile, ma anche, e soprattutto, sul piano politico e amministrativo. Firetto, la sua Giunta e soprattutto i consiglieri più “fidati” prendano atto di quella che è una vera e propria “sentenza” e ne traggano le opportune conseguenze. Troppo facile, come fa il consigliere più fidato ed attivo del cerchio magico, Pietro Vitellaro, passare la palla al Consiglio Comunale della cui esistenza il sindaco e tutta l’Amministrazione si accorgono solo adesso, in occasione del voto del Bilancio. È una mossa che ci aspettavamo e che non ci coglie assolutamente impreparati. Ci fa piacere che ogni anno l’amministrazione, a targa Firetto, si ricordi che esiste il Consiglio Comunale e ci chieda di votare l’atto politico – amministrativo più importante. Ma allo stesso momento, è grave il messaggio che si intende far passare agli occhi dell’opinione pubblica, e cioè che chi non vota il Bilancio si assume la responsabilità del disastro dell’Ente e della mancata stabilizzazione dei precari. Crediamo che il consigliere Vitellaro debba rivolgere il suo sguardo altrove, non certo al gruppo Autonomisti che in Aula ha sempre recitato  un ruolo di opposizione leale, trasparente e costruttivo. Rispediamo, inoltre, al mittente il giudizio poco lusinghiero, espresso non molto tempo fa, da Firetto che ha accusato il nostro gruppo di “navigare in acque putride” e di andare “alla ricerca di consenso tramite clic su Facebook o altri social”. Stiano tranquilli e sereni Firetto, la sua Giunta e i consiglieri più “fidati”: il Gruppo “Autonomisti” naviga in acque limpidissime. Il nostro gruppo, contrariamente ad altri ed allo stesso sindaco, non ha grande confidenza con i social e con la rete, ma preferisce lavorare quotidianamente tra la gente e per la gente. Costruisce il proprio consenso grazie alla serietà, preparazione, professionalità ed impegno dei suoi rappresentanti a Palazzo dei Giganti, la cui bussola è sempre rivolta nella direzione del bene di Agrigento e degli agrigentini”.

Incidente stradale ieri lungo la strada provinciale che da Montaperto conduce a Piano Gatta, in contrada Borsellino, nel territorio comunale di Agrigento.

Uno scooter, con a bordo due sorelle rispettivamente di 17 e 13 anni, si è scontrato contro una vettura – una Renaul Captur guidata da una 49enne – che ha frenato di colpo, pare per il restringimento della carreggiata dovuto ad un segnale di pericolo per la presenza di un tombino.

Le due sorelle sono ruzzolate rovinosamente e hanno riportato lievi ferite.

Una di loro ha anche riportato un trauma cranico, pur indossando il casco di protezione, ed è stata tenuta sotto osservazione dai medici dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento dove le due malcapitate sono giunte in ambulanza.

Nessuna delle due è in pericolo di vita.

I poliziotti della sezione Volanti della Questura di Agrigento, guidati dal dirigente Francesco Sammartino, hanno arrestato in flagranza di reato Salvatore Avarello, 44 anni già noto alle forze dell’ordine, e Luca Chiera, 36enne calabrese.

I due sono stati pizzicati dagli agenti a rubare infissi dall’istituto Ipia di Agrigento, in via Piersanti Matarella. La scuola, negli ultimi anni abbandonata, è diventata ormai “luogo di culto” per i ladri seriali che depredano qualsiasi cosa sia rimasta e che abbia un valore.

L’accusa per entrambi è quella di furto aggravato. 

Nelle mattinate di oggi alle porte di Naro si è vista una scritta, con lo stesso spray rosso usato negli altri murales rinvenuti lo scorso ottobre in Contrada Crocca.

La calligrafia risulta essere diversa tra i murales apparsi ma questa volta è uscito fuori un nuovo nome e cognome.

Nella dicitura si legge: “Del caso di Gessica Lattuca è coinvolto T.P. amico dei mafiosi questa è la verità ….”

Sul posto si sono precipitati i Carbinieri del Comando provinciale di Agrigento e della stazione di Naro.

Ancora “suspence” sul caso di Gessica Lattuca.

 

Notizia in aggiornamento

E’ stata inaugurata questo pomeriggio la nuova sede agrigentina del quotidiano regionale “La Sicilia”.

I nuovi locali sono ubicati in via Gioeni, nell’ex Palazzo Standa.

Alla cerimonia di inaugurazione è intervenuto il Cardinale Francesco Montenegro che, dopo avere sottolineato il valore della verità anche attraverso il lavoro giornalistico, ha benedetto i locali e ha donato un crocifisso.

Il sindaco Calogero Firetto ha rimarcato il rapporto tra il territorio e la comunicazione.

Presenti anche le massime autorità civili e militari della provincia. Con loro anche rappresentanti del mondo della scuola e del sindacato. A fare gli onori di casa il direttore Antonello Piraneo che ha ringraziato i presenti e ribadendo che il quotidiano punta ancora forte su Agrigento e la sua provincia, anche in vista del 2020, anno in cui saranno celebrati i 2600 anni della fondazione della città di Akragas.

Ha poi preso la parola il nuovo coordinatore della sede, Dario Broccio e Franz La Paglia che a La Sicilia è rimasto per oltre trent’anni.

Con l’avvento di Dario Broccio l’aria nuova che si respira non riguarda soltanto i locali e lo stesso coordinatore è riuscito in poche settimane ad aprire una sorta di dialogo con gli altri mezzi di informazione presenti nel territorio agrigentino cosa che fino a poco tempo fa era quasi impensabile.

L’editore, il direttore e tutto lo staff di Sicilia24h.it augurano a Dario Broccio il raggiungimento di traguardi sempre più prestigiosi. 

Terzo appuntamento con i talenti agrigentini che non hanno abbandonato la nostra terra, ma hanno scelto di arricchirla con la loro professionalità e il loro coraggio.

Venerdì 14 dicembre alle ore 17.30 nei locali del Distretto Turistico Valle dei Templi, al Viale della Vittoria 309, ad Agrigento, incontreremo Peppe Cumbo, fotografo creativo che con i suoi scatti ha portato nel mondo la bellezza made in Sicily. Con la sua creatività le immagini diventano una inesauribile fonte di creazione di collezioni di abiti, oggetti vari e forme artistiche che prendono vita dai suoi scatti sempre ben pensati con la testa e con il cuore. Un artista molto apprezzato per la capacità raffinata nella trasposizione della realtà circostante in aspetti cromatici di struggente bellezza. La sua arte fotografica si esprime spesso in un   gioco di luci ed ombre che originano scenari di delicata plasticità. 

L’iniziativa è promossa dall’associazione Epea- ente per l’educazione degli adulti.

Confcommercio/Federalberghi Provincia di Agrigento alla Borsa Internazionale del Turismo 2019 di Milano. Uno stand, quello organizzato dall’associazione dei commercianti e degli albergatori, nel quale saranno presentati e illustrati i progetti per la valorizzazione turistica del territorio.

 “Insieme alle eccellenze della ricettività e della ristorazione agrigentina – ha dichiarato Francesco Picarella, Presidente di Confcommercio Sicilia – siamo felici di poter presentare le bellezze del nostro territorio e la qualità dell’offerta turistica. Alla Bit presenteremo inoltre tutti gli eventi e le iniziative in programma in provincia di Agrigento nella stagione turistica 2019.

Agli operatori turistici offriremo il meglio della nostra provincia, partendo proprio dalla promozione di luoghi unici al mondo.

Crediamo infatti che il rilancio dell’economia turistica debba ripartire proprio dalla valorizzazione del territorio, della nostra cucina, i nostri siti archeologici e paesaggistici che, tutti insieme, non solo costituiscono l’offerta turistica, ma possono essere anche occasione di sviluppo”.

I visitatori di questa edizione della Bit di Milano, inoltre, nello stand di Confcommercio/Federalberghi Agrigento, troveranno non solo accoglienza e promozione, ma anche la possibilità di degustare i prodotti tipici, frutto di una tradizione enogastronomiche tra le più rinomate.

La consigliere comunale della Lega di Agrigento, Nuccia Palermo, interviene a seguito dell’adesione della collega consigliere Rita Monella, indicata dai coordinatori della Lega, che hanno annunciato l’adesione, come capogruppo. Nuccia Palermo rivendica invece lei il ruolo di capogruppo e afferma: “Rivolgo ufficialmente il benvenuto alla nuova componente del gruppo consiliare della Lega al Comune di Agrigento, ovvero la consigliere Rita Monella. Lo spirito che contraddistingue Matteo Salvini è di unione nella lotta a difesa del cittadino e proprio per questo il gruppo darà prova di unità e fattività. Io, entrata nella Lega lo scorso settembre, sono già Capogruppo per come stabilito dallo Statuto e dal Regolamento del Comune di Agrigento. Ovviamente la responsabilità del ruolo di capogruppo non può che intensificarsi avendo ad oggi un nuovo componente”.

Dal Comune di Agrigento, tra il bilancio di previsione 2018, Mandorlo in fiore e San Calogero nei “Grandi eventi” della Regione, e l’adesione alla Lega di Rita Monella.

Al Comune di Agrigento sul bilancio di previsione dell’anno 2018, che si conclude tra meno di 20 giorni, hanno espresso parere negativo i revisori dei conti per ravvisati squilibri finanziari. Modificato e corretto, lo strumento contabile punto del compasso della spesa comunale è atteso in Consiglio comunale molto difficilmente prima di Natale e tanto probabilmente tra Natale e Capodanno, quando i consiglieri non lo esamineranno (il tempo è poco), non lo approveranno (perché per approvare bisogna prima esaminare), ma lo ratificheranno: ok, e tanti auguri di ottimo 2019! Nel frattempo, tra le mura dell’ex convento dei Domenicani, oggi Municipio di Agrigento, riecheggiano la Festa del Mandorlo, San Calogero e Rita Monella. Procediamo con ordine. Il sindaco di Agrigento, Calogero “Lillo” Firetto ha annunciato che la Festa del Mandorlo in fiore e la Festa di San Calogero sono state inserite nel calendario dei “Grandi eventi 2019” della Regione Siciliana. Attenzione: non si tratta di un calendario legato ai capitoli di spesa del bilancio. Dunque dalla Regione non sarà sborsato un solo centesimo per finanziare le feste del Mandorlo e del Santo Calogero. Se il Comune di Agrigento lo desidererà, l’assessorato regionale al Turismo concederà il patrocinio gratuito alle due feste, ma soldi no. Invece, l’essere inseriti nel calendario dei “Grandi eventi” ha una valenza turistica e promozionale, perché sarà presentato sulle principali testate e riviste di settore, nelle fiere e nelle borse turistiche nazionali e internazionali.

E poi, ancora a Palazzo dei Giganti, la consigliere comunale Rita Monella, docente e pedagogista, eletta con il Movimento 5 Stelle, poi transitata nel movimento “Diventerà Bellissima” di Nello Musumeci, ha aderito adesso alla Lega di Matteo Salvini. La notizia del battesimo, con tanto di foto ricordo scattata a Roma insieme al sottosegretario all’Interno, senatore, e commissario della Lega in Sicilia, Stefano Candiani, è diffusa dalla Lega tramite il responsabile regionale Enti Locali, Igor Gelarda, ed il coordinatore provinciale della Lega di Agrigento, Massimiliano Rosselli, che affermano: “La Lega conquista sempre più forza in consiglio comunale ad Agrigento, grazie al passaggio di Rita Monella con il partito guidato dal vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini. E’ un innesto importante nell’ambito del percorso di crescita del Carroccio nella Valle dei Templi. A Rita Monella sarà affidato il ruolo di capogruppo al Comune, affiancata da Nuccia Palermo. Si tratta di una persona che ha sempre operato in maniera incisiva sul territorio e siamo certi che valorizzerà al massimo, nel suo ruolo di capogruppo, l’attività della Lega in tutto il territorio agrigentino nel solco della rivoluzione del buon senso già avviata da Matteo Salvini in tutta Italia”. E Rita Monella commenta: “Oggi più che mai è necessario un cambiamento radicale delle vecchie logiche partitiche di corruttele e clientele. E nel progetto politico del movimento di Matteo Salvini ho trovato la sintesi ottimale per contrastare questo sistema, tra le cause principali del disastro in cui oggi si ritrova la Sicilia. Il mio passaggio nella Lega rappresenta il completamento del mio percorso politico in coerenza con i miei valori di tutta una vita: fede, legalità e solidarietà. Metterò a disposizione la mia esperienza istituzionale verso tutti coloro che vorranno lavorare per questa entusiasmante battaglia di cambiamento”.

Le interviste

Angelo Ruoppolo (Teleacras)