Home / In evidenza  / Sciacca: Proiettili in una busta, intimidito il direttore del Consorzio di bonifica

Sciacca: Proiettili in una busta, intimidito il direttore del Consorzio di bonifica

Proiettili in una busta con destinatario il direttore del Consorzio di bonifica Sicilia Occidentale, Giovanni Tomasino. I fatti si riferiscono allo scorso mese di luglio quando all’ufficio postale di Palermo è stata riscontrata la presenza di quei proiettili all’interno di una busta e subito è stata avvisata la polizia. La vicenda, però, si è appresa soltanto adesso e Tomasino l’ha confermata. “Ci sono indagini in corso e non voglio fare alcuna dichiarazione in merito” – ha detto, lapidario, al Giornale di Sicilia – .

Nello stesso mese di luglio, a Ribera, si è sviluppato un incendio nella sede del consorzio, che si trova nella Rotonda dei Pini. Pochi dubbi sull’origine dolosa del rogo che ha danneggiato un furgoncino e causato, complessivamente, pochi danni. I carabinieri ed i vigili del fuoco avrebbero verificato che una porta d’ingresso sarebbe stata forzata e sarebbero state rilevate, all’interno dei locali, tracce di liquido infiammabile.
 

Le forze dell’ordine stanno indagando anche su una su una lettera inviata a un dipendente del Consorzio di bonifica, originario del versante occidentale della provincia, che conterebbe insulti. Del fatto si stanno occupando i carabinieri della compagnia di Sciacca, con il coordinamento della Procura della Repubblica che ha aperto un fascicolo. Indagini che vanno avanti nel più assoluto riserbo e che potrebbero ipotizzare anche un collegamento tra quanto accaduto negli ultimi mesi ai danni del consorzio.
 

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO