Home / In evidenza  / Ribera, Vassallo: “Sindaco e maggioranza consiliare spalancano le porte alle discariche in città”

Ribera, Vassallo: “Sindaco e maggioranza consiliare spalancano le porte alle discariche in città”

Imprenditori privati potranno stoccare rifiuti organici nel territorio riberese. Non solo rifiuti locali ma anche spazzatura proveniente dai comuni vicini. Porte aperte alle discariche “cittadine”. Una decisione gravissima. Una bomba ad orologeria sulle nostre speranze di rinascita e sulla nostra salute.

Nei giorni in cui i Riberesi sono distratti dal dibattito sull’autovelox (o scout speed) e dall’organizzazione dell’ennesima festicciola, un’ulteriore scellerata decisione è stata consumata in seno al Consiglio Comunale. Nella seduta dello scorso 20 novembre, infatti, in assenza delle riprese televisive, è stato approvato il “Regolamento comunale per la pratica del compostaggio” che ha spalancato le porte alla nascita di vere e proprie discariche all’interno del territorio comunale.

Il regolamento prevede tre tipologie di raccolta dei rifiuti organici. La prima, il “compostaggio domestico”, dà la possibilità ai privati di raccogliere i rifiuti familiari in appositi contenitori beneficiando di uno sconto sulla TARI. Previsione positiva.

Sono le ulteriori due metodologie che destano notevole preoccupazione: il compostaggio “locale” e quello di “comunità’”. Sarà possibile creare un numero indefinito (nel regolamento non è previsto, infatti, alcun limite) di aree comunali adibite al deposito di rifiuti organici, da 80 o 130 tonnellate ciascuna, provenienti sia da Ribera che dai paesi limitrofi autorizzati, in cui potranno conferire rifiuti non soltanto i cittadini.

Vogliono far diventare Ribera un immondezzaio “legale” a cielo aperto.

Io ho ribadito la mia contrarietà in consiglio comunale e mi sono messo di traverso, ma di fronte ai numeri e alla sconcertante leggerezza di questo consiglio comunale nulla ho potuto fare.

Fermiamoli.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO