Home / In evidenza  / Agrigento tra sostituzioni e rimodulazione delle deleghe. Nuccia Palermo: Povera Agrigento.
   

Agrigento tra sostituzioni e rimodulazione delle deleghe. Nuccia Palermo: Povera Agrigento.

 


“Masochismo politico, non possiamo definirlo diversamente”.
E’ questa la prima reazione che arriva da aula Sollano e a parlare è il Capogruppo della Lega, Nuccia Palermo.
“Ennesima delega, che pesa come un macigno sulle sorti della città di Agrigento, distribuita apparentemente a casaccio o su chi sembra ormai essersi abituato a ricevere le critiche della città sul non operato. Dopo il fallimento della delega sui rifiuti, sull’acqua, sul verde pubblico, sui quartieri, sulla tutela degli animali e sulle restanti non citate, oggi, l’Assessore Nello Hamel viene appesantito su volontà del Sindaco Firetto della delega più gravosa: il bilancio”.
“Sembra quasi un film del buon vecchio Fantozzi – commenta Nuccia Palermo – e mi sento imbarazzata nell’infierire anch’io su Hamel che dimostra ancora una volta di accettare politicamente tutto pur di rimanere incollato alla poltrona”.
“17 milioni di residui attivi che da quanto accertato dai revisori dei conti non saranno incassabili e che quindi mettono un carico maggiore sulla bilancia alla già ingombrante posizione debitoria dell’Ente – scrive Nuccia Palermo – Una notizia devastante, di circa 48 ore fa, aggravata notevolmente dalle ultime mosse politiche di Firetto sulla ripartizione delle deleghe che sembrano distruggere qualsivoglia barlume di luce sul futuro finanziario del Comune di Agrigento”.
“Chiunque affianchi questa amministrazione è politicamente e amministrativamente complice – conclude Nuccia Palermo – di un fallimento ormai non più celato. Per quanto riguarda il neo Assessore, Massimo Muglia, attenderemo il consiglio comunale per conoscere la linea politica ed i progetti che intende perseguire rimanendo comunque perplessi su una scelta non condivisibile che lo vede in appoggio a Firetto. “.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO