Home / In evidenza  / Gibilaro, ad onor del vero la Valle dei Templi non si trova nel Comune di Ioppolo Giancaxio!

Gibilaro, ad onor del vero la Valle dei Templi non si trova nel Comune di Ioppolo Giancaxio!

 
 Sullo scandaloso titolo del Fatto Quotidiano relativo ad un articolo su una presunta terra dei fuochi a ridosso della Valle dei templi interviene il consigliere comunale Gerlando Gibilaro che dichiara:
“Traendo spunto dalla recente notizia che vede    ” una sorta di terra dei fuochi a pochi passi dalla Valle dei Templi”,ritengo,opportuno e doveroso porre all’attenzione dell’opinione pubblica in generale,alcuni semplici spunti di riflessione. Fortunatamente ad Agrigento, siamo tutti uguali e tutti diversi, infatti ci sono persone che quotidianamente lavorano anche in silenzio per migliorare la Città e persone che verosimilmente quotidianamente la denigrano con  grave pregiudizio nazionale con fatti che non corrispondono al vero. 
Ora, cari Agrigentini capaci di capire, corrisponde al vero la notizia che “una sorta di terra dei fuochi del Comune di Ioppolo Giancaxiosi si  trova a pochi passi dalla Valle dei Templi? 
Sicuramente no. 
Credo sia venuto il momento di farne una questione sì locale , ma anche e soprattutto una “questione morale” .
Non è tollerabile il silenzio della Politica a partire dal Primo Cittadino della città di Agrigento, fino ad arrivare ai Deputati Nazionali, Regionali nonché ai consiglieri comunali, tranne ché, per questi, la Valle dei Templi si trova al Comune di Ioppolo Giancaxio! 
La politica oggi, più che mai, deve prendere posizione, ha il dovere di difendere la città di Agrigento e la Valle dei Templi di fronte a tali affermazioni. 
Per me “una sorte di terra dei fuochi” (ove è in corso un’indagine),ad onor del vero e della completa intelligenza, non si trova a pochi passi dalla Valle dei Templi, ma verosimilmente in un altro Comune! 
Così è se vi pare, diceva Luigi Pirandello. 
2 COMMENTI
  • Avatar
    poverinoi 9 Ottobre 2018

    Al di là delle misure dalla valle dei templi (che in linea d’aria non dista tantissimo)…si dovrebbe entrare nel merito della vicenda: cioè, secondo quello che si legge, che un privato si è arricchito creando enormi danni ambientali, a discapito dell’ambiente, dei cittadini residenti e di tutti quelli che hanno interessi in zona e non solo.
    Credo che il punto su cui concentrarsi dovrebbe essere quello e, semmai, a mio modesto avviso, anche il Comune di Agrigento, da alcune zone del quale si sono sentiti gli odori nauseabondi, dovrebbe agire per le vie legali nei confronti di tutti i responsabili di questa vicenda.

  • Avatar
    salvatore 9 Ottobre 2018

    Quale è lo scopo dell’articolo del fatto? L’impianto è chiuso, l’area sequestrata, l’aria è pulita, la magistratura sta indagando. Forse l’unico risultato che si vuole raggiungere è quello di creare danno, non all’impianto che per il momento non c’è, ma al territorio.

POSTA UN COMMENTO