Home / In evidenza  / Cassazione, no domiciliari a Brusca

Cassazione, no domiciliari a Brusca

Giovanni Brusca condotto in carcere dopo la sua cattura, il 21 maggio 1996.

 Il “ravvedimento” non può essere presunto “sulla base della sola collaborazione” e dell’assenza di attuali collegamenti con la mafia, ma “richiede ulteriori, specifici, elementi” e “una maggiore attenzione verso le vittime”. Sulla base di questo principio la Cassazione ha negato i domiciliari al boss mafioso pentito di san Giuseppe Jato (Pa) Giovanni Brusca, confermando quanto stabilito nell’ottobre scorso dal tribunale di sorveglianza di Roma. Brusca sconta una pena a 30 che scade nel 2022, e non l’ergastolo in base ai benefici riconosciuti per la sua collaborazione. Gli “specifici elementi di resipiscenza”, nel caso di un soggetto della “caratura criminale” quale quella dimostrata da Brusca “con la pregressa devianza”, spiega la Cassazione, devono essere sostenuti anche da “concrete iniziative riparatorie” tali da rivelare “un serio intento di riconciliazione con la società civile così gravemente offesa”.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO