Home / 2018 / Giugno (Pagina 55)

Critiche da opposizione e associazioni sul nuovo titolare del ministero della Famiglia e della Disabilità dopo una sua intervista nella quale sottolineava che a suo avviso ‘le famiglie arcobaleno non esistono’.

 

Incentivare le nascite e disincentivare gli aborti; sostenere la famiglia, che è “quella naturale”, mentre le famiglie arcobaleno “per la legge non esistono”. Così il neoministro della Famiglia e disabilità, Lorenzo Fontana, oggi intervistato da Corriere della Sera, Stampa, Messaggero, Avvenire e Gazzettino.

Parole bocciate dall’opposizione e dalle associazioni per i diritti gay. “Trovo gravissimo – dice la senatrice del Pd Monica Cirinnà – che un ministro della Repubblica neghi la realtà, anche se ne capisco la funzione reazionaria e oscurantista. Negare l’esistenza di chi chiede diritti e riconoscimento equivale a voler oscurare dei cittadini, silenziarli, relegarli fuori dal dibattito politico e sociale”.

“Se c’era una cosa ‘moderna’ che la nostra Repubblica aveva messo in campo negli ultimi trent’anni era il Ministero alle Pari Opportunità. La sua assenza nella compagine di governo, assimila questo neonato mandato a quelli del vecchio pentapartito. Il premier vuole un Governo del cambiamento? Allora assegni la delega alle Pari Opportunità, investa sulle politiche dell’uguaglianza, risolva le diseguaglianze e le discriminazioni”, commenta l’Arcigay.

E sulle quali, inoltre, è freddo anche il neo ministro dell’Interno e leader del Carroccio, Matteo Salvini.  “Fontana è libero di avere le sue idee” – sottolinea Salvini parlando a Fanpage.it – ma “non sono priorità e non sono nel contratto di governo”. Così il neo-ministro dell’Interno, Matteo Salvini smentisce, in un’intervista a Fanpage.it, il ministro della Famiglia e Disabilità Lorenzo Fontana, per il quale in un’intervista le famiglie gay “non esistono”.

E mentre monta la polemica è lo stesso Fontana a respingere al mittente le accuse: ‘”Non è stato previsto nulla sul ‘contratto’ tra Lega e M5s – sottolinea ripetendo quanto detto da Salvini – evidentemente è una polemica strumentale tanto che c’è chi mi ha criticato anche perché vengo da Verona e tifo Hellas Verona di calcio”.

E lo stesso Salvini puntualizza: “Non ho nessuna intenzione di rivedere leggi del passato come l’aborto e le unioni civili: da papà sono convinto che i figli devono avere un papà e una mamma ma la questione delle famiglie non è all’ordine del giorno di questo governo, ci hanno votato per avere meno immigrati e più sicurezza”. “Detto questo – ha aggiunto – ognuno ha le sue idee e non deve essere lapidato per questo”

A fuoco nella notte di ieri l’auto, una Bmw, di un avvocato agrigentino.

Il fatto è avvenuto nei pressi del Villaggio Bellavista dove l’auto dell’avvocato Nicola Grillo, presidente della penale, era parcheggiata.

Sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco che per spegnere le fiamme hanno dovuto faticare non poco. Presenti anche gli agenti del Commissariato “Frontiera” che da una prima indagine hanno rilevato che nei pressi della vettura bruciata non vi fossero tracce di liquido infiammabile.

Gli investigatori, comunque, non tralasciano alcuna pista. 


E’ fuori pericolo. Giocava col figlio del proprietario dei cani

Sono stati necessari oltre duecento punti per suturare le ferite provocate dai morsi di due alani ad un bambino di 8 anni di Alcamo, Filippo G. Il piccolo, dopo le prime cure prestategli dai sanitari del “San Vito e Santo Spirito” di Alcamo, è stato trasferito all’Ospedale dei Bambini di Palermo. Adesso è fuori pericolo. La tragedia è stata evitata dal tempestivo intervento del proprietario dei due cani.
    E’ successo ieri pomeriggio in una villetta alla periferia di Alcamo: Filippo stava giocando con un pallone nel giardino della villetta, assieme a un suo coetaneo, figlio del proprietario degli alani. I cani erano rinchiusi all’interno di un recinto. I due animali sono riusciti a saltare la rete e hanno azzannato il piccolo alle gambe, al tronco e al collo. Le grida della vittima ha attirato l’attenzione del padrone di casa, che è riuscito a liberarlo dalla morsa dei due animali. 

 

 

Illeso il figlio. Corpo carbonizzato trovato sull’asfalto

Un medico in pensione di 70 anni, Filippo Naro, è morto per l’incendio che si è sviluppato sulla sua auto, una Chrysler Pt Cruiser. Illeso il figlio, che si trovava con lui. Naro, originario di Acquedolci, nel Messinese, era andato a San Fratello per un pranzo in un agriturismo. L’uomo è stato trovato carbonizzato, a terra, lungo la statale Cesarò-san Fratello. Non si conoscono ancora le cause che hanno generato il rogo.

 

L’imprenditore nisseno Antonello Montante, 55 anni, attualmente detenuto nel carcere Malaspina di Caltanissetta, chiede ai giudici del Riesame di tornare in libertà e lo fa attraverso i suoi legali, Giuseppe Panepinto e Nino Caleca; la discussione del ricorso è fissata per martedì prossimo.

Montante è accusato di associazione a delinquere, finalizzata all’accesso abusivo ai sistemi informatici, e corruzione: avrebbe cercato di ottenere informazioni riservate su coloro che considerava suoi avversari e sul pentito Salvatore Dario Di Francesco.

Inizialmente, per l’imprenditore, erano stati previsti gli arresti domiciliari, ma successivamente il gip Maria Carmela Giannazzo ha disposto la detenzione dietro le sbarre visto che Montante avrebbe fatto entrare in casa persone non autorizzate e anche per i suoi presunti tentativi di far sparire materiale informatico che poteva essere utile alle indagini.

Per consentire alla cittadinanza di donare con generosità il proprio sangue l’A.D.A.S., effettuerà due raccolte , domenica 03 giugno a Naro in Piazza S.Agostino presso i conteplattivi dalle ore 8.00 alle ore 12.30 ed a Santa Elisabetta davanti la Chiesa Madre dalle ore 8.00 alle ore 12.30. A tutti i donatori saranno inviate a cura della stessa associazione le analisi cliniche effettuate in occasione della donazione.

 

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 è stata registrata dall’Ingv di Catania alle 09.40 suol versante Est dell’Etna, tra Zaffarena e Milo. Il terremoto, che ha avuto un ipocentro ‘superficiale’, a una profondità di 5 chilometri, è stato nettamente avvertito dagli abitanti di diversi paesi della zona che si sono riversati in strada. Non si registrano danni o feriti. L’evento è stato preceduto da un sisma di magnitudo 2.2, alle 8:27, e seguito da una scossa di magnitudo 2.0, alle 9:47, nella stessa aera, con ipocentro a una profondità di 9 chilometri.

A Pozzallo giunte 158 persone

Primo sbarco di migranti, con Matteo Salvini ministro dell’Interno, nel porto di Pozzallo.
    Ieri sera a bordo della nave Aquarius sono arrivate 158 persone.
    Quattro migranti sono stati ricoverati in ospedale: due donne in gravidanza e due uomini con bronchite. Domani pomeriggio nell’hot spot di Pozzallo dovrebbe arrivare il neo ministro Salvini.

Ad Agrigento il 72esimo anniversario della fondazione della Repubblica Italiana è stato celebrato al Viale della Vittoria, a Villa Bonfiglio, in presenza delle autorità civili, religiose e militari della provincia. Alla cerimonia, oltre alle rappresentanze delle Forze Armate e della Forze di Polizia, hanno partecipato anche gli orchestrali del Liceo scientifico e musicale Majorana di Agrigento, la Casa del Musical di Marco Savatteri di Agrigento e l’Istituto Bersagliere Urso di Favara. La cerimonia è stata introdotta dall’esecuzione dell’Inno di Mameli ad opera del coro di Santa Cecilia, diretto dal maestro Alfonso Lo Presti.

Le interviste di Teleacras 

https://youtu.be/w7ryKUZwnZEAR Teleacras