Home / Secondo Piano  / Sicilia: derivati, perdite Regione
   

Sicilia: derivati, perdite Regione

 

Operazioni risalgono a inizio Duemila, allarme Corte conti

La Regione siciliana si prepara a pagare oltre 200 milioni di interessi ereditati dall’avventura finanziaria con i prodotti derivati subordinati contrattualizzati agli inizi del Duemila, al tempo del governo di Totò Cuffaro. Secondo quanto emerge dai documenti consultati dall’ANSA se l’attuale governo non rimodulerà gli onerosi contratti a suo tempo stipulati con le banche d’affari Nomura, Merril Lynch e Deutsche Bank la perdita complessiva supererà i 300 milioni di euro. Il dato si evince anche dal rendiconto della Regione per il 2017, al vaglio della Corte dei Conti che già in passato aveva sollevato il problema lanciando l’allarme.
    Non solo. Sempre secondo quanto appurato dall’ANSA tra i dirigenti regionali che all’epoca parteciparono alla valutazione dei derivati strutturati poi sottoscritti, nessuno avrebbe avuto contezza effettiva dei termini abbastanza complessi contenuti nei contratti e dell’impatto che queste operazioni avrebbero avuto con gli interessi passivi.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO