Home / 2018 / Maggio (Pagina 65)

Accolti dal presidente, Fall Monntaga e dall’imam Ousseynom Lo, il sindaco Lillo Firetto e l’assessore comunale Nello Hamel, hanno incontrato nel corso di un’assemblea svoltasi nel “Teatro della Posta Vecchia”, la numerosa comunità senegalese che vive nella città dei templi. L’assessore Hamel e il sindaco Firetto, hanno così potuto spiegare le ragioni che hanno portato ad attuare per legge, anche nella città dei templi, la raccolta differenziata dei rifiuti, chiedendo al contempo la collaborazione anche della comunità africana per poter arrivare ad una gestione ottimale del servizio. Alcuni senegalesi in platea hanno segnalato di non aver ancora ricevuto i mastelli, nonostante la regolare richiesta presentata a suo tempo, e a questo proposito l’assessore Hamel ha proposto la distribuzione provvisoria di sacchetti con i colori dei mastelli, in attesa dell’arrivo di questi ultimi. L’imam,infine, a nome della comunità senegalese, ha assicurato la collaborazione di tutta la sua gente circa il problema della raccolta “differenziata” mentre il presidente della comunità ha offerto la disponibilità di alcuni volontari che potrebbero operare assieme alle squadre del Comune, nell’opera di diserbamento in corso nei vari punti della città. 

Motivi condanne, negate attenuanti per sfrontatezza gestionale

Nessuno sconto di pena per il management di Sicilcassa che consapevolmente, nonostante i ripetuti “segnali di allarme” venuti dalla Banca d’Italia, portò alla bancarotta – da tremila miliardi di vecchie lire – il secondo istituto bancario della Sicilia, comportandosi con “sfrontatezza gestionale” che non merita attenuanti. Lo scrive la Cassazione nelle motivazioni depositate oggi sul crac più grave della storia siciliana, e tra i maggiori scandali economici del Paese. L’udienza è culminata lo scorso 22 febbraio con le condanne per il board della banca dichiarata fallita nel 1999. Proprio la disinvoltura criminale con la quale sono state concesse almeno 123 operazioni di finanziamento “in favore di grandi gruppi imprenditoriali siciliani con modalità irregolari”, ha spinto i supremi giudici a confermare, a un passo dalla prescrizione, la sentenza emessa dalla Corte di Appello di Palermo il due dicembre 2016 che aveva negato sconti “per la gravità dei fatti”. L’avvocato tributarista Gianni Lapis (Ravenna, 1943)- l’unico entrato in carcere – ha la posizione più ‘difficile’. Condannato per il ‘tesoro’ di Vito Ciancimino ha potuto usufruire solo di cinque mesi di indulto a fronte di una condanna a sei anni e dieci mesi di reclusione, come componente del collegio sindacale. Anche Francesco Mormino (Palermo, 1936) e Marcello Orlando (Cinisi, 1942), componenti del Cda, hanno ricevuto la stessa condanna ma hanno tre anni di indulto. Cinque anni, tre indultati, anche ad Antonio Mosto (Pachino, 1938), ex direttore di Sicilcassa a Catania. “Era stato nominato direttore della sede di Catania – ricorda la Cassazione – all’indomani della prima ispezione della Banca d’Italia” del 1985-1986 “che aveva determinato la rimozione del precedente direttore, in quanto responsabile di gravi anomalie gestionali sempre nel campo dell’erogazione del credito a quei grandi gruppi catanesi ai quali il nuovo direttore aveva continuato ad erogare credito, pur consapevole degli esiti di quella ispezione e delle irregolarità accertate”. Per la Suprema Corte, quello di Sicilacassa è un default “di proporzioni devastanti” e gli imputati hanno ricevuto condanne superiori al minimo data “la reiterazione di azioni rivelatesi estremamente perniciose sia per la banca che per l’intera economia siciliana, viste le dimensioni economiche, ma anche storico-sociali dell’istituto di credito”. La Cassazione respinge la tesi difensiva che il crac sia figlio della “crisi della imprenditoria siciliana che avrebbe alterato l’equilibrio nei rapporti di debito con le banche”. “Gli organi di vigilanza bancaria si determinarono a concedere l’autorizzazione alla trasformazione da Cassa di Risparmio per le province siciliane Vittorie Emanuele a Sicilcassa – ricorda il verdetto 18517 – proprio per salvaguardare, con il contributo della Regione siciliana e di soci privati, il patrimonio della banca dissestata”. “Ciò significa – prosegue la sentenza – che la crisi dell’imprenditoria siciliana era stata tenuta ben presente nell’evoluzione dell’istituto ma che, tuttavia, non aveva potuto arginare le perdite determinate dalla dissennata gestione dei finanziamenti in favore dei grandi gruppi”. Una delle principali esposizioni era con la famiglia catanese del costruttore e cavaliere del lavoro Gaetano Graci

Prenotato 80% camere online, oltre 1 milione in agriturismi

Traffico intenso, lunghe code ai trafori, città d’arte prese d’assalto (con casi simbolo come Venezia, costretta a installare addirittura i tornelli), controllo quasi “isterico” delle previsioni del tempo. E’ iniziato l’ultimo grande ponte di primavera, quello del 1 maggio, occasione ghiotta per staccare un po’ la spina per tanti, ma anche banco di prova importante per operatori e specialisti del turismo.
    A diffondere le ultime previsioni è l’analisi Coldiretti/Ixè: quattro italiani su dieci (40%) hanno deciso di mettersi in viaggio nel lungo ponte della festa dei lavoratori per andare in vacanza, raggiungere parenti e amici, partecipare a concerti, manifestazioni o semplicemente per fare una gita fuori porta in giornata. Tra gli italiani in viaggio le destinazioni preferite sono il mare (33%) ma anche il verde, tra campagne e parchi (32%), che batte le città (20%), la montagna (10%) e i laghi (5%). L’Italia, infatti, infatti può contare su ben 871 parchi e aree naturali protette che coprono il 10% del territorio nazionale. Per la scelta dell’ospitalità molto gettonati sono gli agriturismi dove 1,2 milioni di italiani e stranieri hanno scelto di fermarsi a mangiare.
    Buone notizie anche dall’aggiornamento al 27 aprile del monitoraggio dell’offerta ricettiva nazionale disponibile online condotto da Centro studi turistici di Firenze per Assoturismo: risulta prenotato l’80% delle camere disponibili online (al 20 aprile ne era stato riservato solo il 72%). La domanda turistica è cresciuta in modo molto importante in molte aree del Paese, con valori percentuali più alti in alcune aree del Nord Est; positivi anche i valori del Centro Italia che vedono crescere la percentuale di occupazione di Toscana e Lazio, ma anche Umbria e Marche.
    A farla da padrone sono le città d’arte, soprattutto – ma non solo – le più grandi: a Firenze, Roma, Trieste, Napoli, Venezia, Assisi e Matera si rileva un tasso di occupazione delle camere superiore al 90%. Interessante anche la crescita delle percentuali di occupazione in alcune località balneari (Sorrento, Ischia, Capri, Jesolo). Liguria e Toscana sono anche le regioni che registrano le percentuali più elevate di camere già riservate, con un tasso di occupazione rispettivamente del 94% e del 91%, oltre 10 punti percentuali in più rispetto alla media nazionale. Seguono, nella classifica delle regioni più prenotate, Veneto, Umbria e Lazio (tutte e 3 sul 90%).
    A “invitare” cittadini e turisti a trascorrere il 1 maggio al museo il Mibact che su www.beniculturali.it/1maggioalmuseo pubblica lista e orari sui numerosi musei, aree archeologiche e monumenti statali che saranno aperti, dalla Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia al Museo di Palazzo Ducale di Mantova, dai Musei Reali di Torino al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, dal Museo del Castello di Miramare a Trieste agli Scavi di Pompei. ANSA