Home / In evidenza  / La rielezione del Segretario Regionale Barone_Una conferma per il lavoro svolto e per la crescita del sindacato, in un momento non facile per l’economia siciliana

La rielezione del Segretario Regionale Barone_Una conferma per il lavoro svolto e per la crescita del sindacato, in un momento non facile per l’economia siciliana

Tutto il gruppo dirigente provinciale della Uil di Agrigento esprime vivo compiacimento per la rielezione del Segretario Regionale Claudio Barone al termine del XII Congresso Regionale che si è svolto a Palermo ai cantieri culturali alla Zisa.
“Una Uil Sicilia che continuerà ad essere degnamente rappresentata da Claudio Barone, rieletto all’unanimità da più di trecento delegati provenienti da tutta la Sicilia, assieme a un gruppo dirigente regionale di grande tempra e qualità.
Una Uil che cresce in tutta la Sicilia (220 mila iscritti) è il risultato delle scorse Rsu, che hanno certificato un trend in crescita, quale ulteriore stimolo a fare sempre meglio.
Una due giorni dove si sono affrontate le problematiche politiche e sociali di una regione (la Sicilia) che pur avendo enormi potenzialità non esce ancora dalle secche della crisi.
L’ultima finanziaria ha messo solo dei rattoppi; si deve fare molto di più per rilanciare progetti di sviluppo e investimenti sui territori e per agevolare il credito, le imprese, l’occupazione che oggi latita. Occorre ci sia un rapporto equilibrato e concertato tra governi, parlamento e parti sociali. Le riforme calate dall’alto non hanno mai prodotto risultati e siamo certi che la Uil Sicilia saprà sollecitare e spingere a un percorso lineare e credibile per il rilancio di questa isola che deve invertire la rotta, con al centro i governanti e le forze sane dell’isola.
Se la Sicilia vuole essere competitiva in Europa deve sburocratizzare e sfruttare appieno i fondi europei, lo sblocco dei cantieri di lavoro, di servizio e i tirocini e Garanzia Giovani II.
Tutto ciò può essere un primo punto per dare delle risposte ai marginalizzati e agli esclusi dal mondo del lavoro che in Sicilia ancora raggiungono purtroppo cifre record.”

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO