Home / Secondo Piano  / Finanziaria: Csa, “Miccichè scandaloso. Asu non sono lavoratori di serie b”

Finanziaria: Csa, “Miccichè scandaloso. Asu non sono lavoratori di serie b”

È scandalosa la decisione del presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, di dichiarare inammissibili gli emendamenti e i sub-emendamenti che riguardano la stabilizzazione dei 5 mila lavoratori Asu. Questi non sono lavoratori di serie b, ma hanno lo stesso diritto degli altri precari di essere stabilizzati”. Lo dicono Vito Sardo e Mario Mingrino del Csa Dipartimento Asu.

“Il governo e la maggioranza – aggiungono – stanno trasformando questa finanziaria in un marchettificio. Ci saremmo aspettati, infatti, una soluzione per tutti, invece si stanno affermando logiche del peggiore campanilismo, con i deputati palermitani tutti pronti a sostenere la stabilizzazione solo di una categoria”.

“È la stessa Assemblea regionale siciliana – spiegano Sardo e Mingrino – che riconosce agli Asu la stabilizzazione. L’ultima in ordine di tempo è la legge regionale 8 del 2017. Prima di questa le leggi regionali 16 del 2006 e 24 del 2000 che stabiliscono rispettivamente la contrattualizzazione come per i contrattisti e il passaggio degli Asu al regime transitorio. Leggi inapplicate dai governi che si sono succeduti e dalla burocrazia regionale”.

“Apprezziamo gli interventi delle onorevoli Lo Curto e Savarino – continuano – per aver tentato di porre all’attenzione dell’aula il problema degli Asu. Ci saremmo aspettati lo stesso anche da parte dell’opposizione ed in particolare di chi aveva proposto un emendamento, anch’esso dichiarato inammissibile, che aveva il merito di non aumentare la spesa per gli Asu ma di storicizzarla”.

“Governo e maggioranza sappiano che la nostra battaglia è solo all’inizio – concludono – siamo pronti ad intraprendere tutte le iniziative di lotta possibili e immaginabili per affermare i diritti degli Asu”.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO