Home / Secondo Piano  / Agricoltura: Distretto Agrumi lancia ‘Agrorà Innovation’.Prorogata al 20 aprile la call per idee imprese innovative

Agricoltura: Distretto Agrumi lancia ‘Agrorà Innovation’.Prorogata al 20 aprile la call per idee imprese innovative

Abbattere i costi di filiera e garantire il contatto produttore-consumatore, itinerari turistici per creare turismo esperienziale sugli agrumi, nuovi servizi di comunicazione e commercializzazione, produzione di plastiche dai limoni, strutture per l’educazione alimentare, produzione di fibra tessile dagli scarti di lavorazione. Sono queste, in linea generale, alcune delle proposte finora pervenute ad “Agrorà Innovation”, la call per idee di impresa innovative nell’ambito della filiera agrumicola siciliana, lanciata nell’ambito di Social Farming 2.0 progetto realizzato dal Distretto Agrumi di Sicilia e Alta Scuola Arces con il contributo non condizionato di The Coca-Cola Foundation.
    Considerando che la scadenza fissata al 31 marzo coincide con le festività pasquali, il Distretto Agrumi di Sicilia ha deciso di prorogare la call al 20 aprile. “Vogliamo dare ancora un po’ di tempo a chi vuole partecipare alla nostra call – spiega Federica Argentati, presidente del Distretto Agrumi di Sicilia -. Le proposte che sono già pervenute indicano che c’è voglia di innovare in un settore strategico dell’economia siciliana come l’agrumicoltura, ma vogliamo andare avanti perché riteniamo che possano arrivare ancora idee meritevoli di attenzione da parte delle aziende della filiera agrumicola siciliana”. Per la gestione di tutte le fasi della call il Distretto si avvale del supporto operativo di Confcooperative Sicilia, COF&P (Centro Orientamento, Formazione & Placement) dell’Università di Catania e Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali dell’Università di Palermo, tutti sottoscrittori e/o partner del Patto di Sviluppo del Distretto. La call for ideas “Agrorà Innovation” vuole individuare idee e progetti che favoriscano innovazione di prodotto, di processo e di commercializzazione nell’ambito della filiera agrumicola (dalla terra al consumo del prodotto fresco o trasformato sino al riutilizzo degli scarti di lavorazione e alla multifunzionalità dell’impresa agricola). L’obiettivo generale è innovare il settore, individuare nuove opportunità per la produzione, valorizzare il territorio coltivato ad agrumi, favorendo un’idea di impresa “sociale” che viene dal basso e impiega tecnici e professionisti del settore e/o soggetti svantaggiati sul mercato del lavoro (giovani, donne, immigrati, disoccupati), trovare potenziali investitori anche tra le imprese della filiera agrumicola. 

Agrumi: arancia rossa di Sicilia

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO