Home / In evidenza  / “Verso chiusura congressi di categoria. Il 12 aprile si celebra il Congresso Confederale. Gero Acquisto: “Due anni e mezzo intensi e in prima linea”

“Verso chiusura congressi di categoria. Il 12 aprile si celebra il Congresso Confederale. Gero Acquisto: “Due anni e mezzo intensi e in prima linea”

La Uil Provinciale di Agrigento si avvia a chiudere la stagione congressuale, infatti il 23 marzo si svolgerà il Congresso Provinciale della Uil Fpl e poi il 12 aprile il XVII° Congresso Confederale Territoriale.

Gero Acquisto, Segretario Provinciale della UIL dichiara:
“Proseguono i congressi territoriali con impegno e partecipazione tra gli iscritti e il gruppo dirigente e ci presentiamo al congresso provinciale di aprile assolutamente sereni e determinati per il lavoro svolto in questi due anni e mezzo.
Una Uil provinciale che cresce e dimostra grande attaccamento al territorio; ormai le nostri sedi sono presenti in quasi tutti i comuni dell’agrigentino, questo ci responsabilizza e mette in luce anche le capacità di tutto il nostro personale che opera con professionalità, puntualità e sempre al servizio dei cittadini.
Questo Congresso Confederale sarà un momento di confronto sul lavoro svolto in una provincia, la nostra, che ancora ha dei ritardi inaccettabili e che soprattutto soffre la crisi e la mancanza di opportunità.
Un mercato del lavoro ancora asfittico e tante emergenze sociali alle quali le varie istituzioni coinvolte non hanno dato ancora una risposta.
In tutto ciò la Uil ha messo a nudo continuamente una serie interminabili di cortocircuiti che hanno trasversalmente colpito negativamente il territorio e la nostra economia.
La nostra Organizzazione continuerà ad operare in uno spirito costruttivo e di stimolo nei confronti di tutti, dalla politica, alle imprese, ai lavoratori, ai precari, a chi non ha tutele e a chi rivendica diritti sociali e occasioni di svolta socio-economiche. Siamo certi che in questa Provincia il ruolo del Sindacato ha una funzione di raccordo e di moral suasion che non può essere sottovalutata in un momento sociale complesso e problematico come quello agrigentino”

dav

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO