Home / In evidenza  / Elette dal Congresso le Strutture Territoriali Uil Pensionateidi Agrigento: saranno guidate da Giovanni Miceli e Antonino Indelicato
   

Elette dal Congresso le Strutture Territoriali Uil Pensionateidi Agrigento: saranno guidate da Giovanni Miceli e Antonino Indelicato

 

 

Si sono conclusi ieri pomeriggio i lavori del 11° Congresso Territoriale della Uil Pensionati di Agrigento , che si è svolto a Cammarata (provincia di Agrigento) e ha visto la partecipazione di più di 200 delegati in rappresentanza delle migliaia d’ iscritti. Giovanni Miceli è stato riconfermato all’unanimità segretario generale della Uil Pensionati Stu 1 di Agrigento, mentre alla guida della S.T.U 2 di Sciacca è stato eletto Nino indelicato.
Ai lavori, presieduti dal Segretario Generale della Uil di Agrigento Gero Acquisto, a preso parte al congresso anche il Segretario Nazionale della Uil pensionati nazionale Oscar Capobianco e Nino Toscano Segretario Generale UilP Sicilia.
Per la segreteria Della S.T.U.1 di Agrigento sono stati eletti: Carmelo Terrasi, Cambiano Giovanni, Giuseppe Salvaggio e Daniela Zaccone. Riconfermato anche il tesoriere, Giovanni D’Angelo. Mentre della segreteria S.T.U.2 di Sciacca faranno parte Gaetano Dimino, Ciaccio Giuseppe, Liotta Luigi e Attardi eletto anche il tesoriere nella persona di Roberto Colletti.
“La Uil Pensionati esce da questo Congresso ancora più rafforzata e piena di determinazione, convinta dell’importanza del ruolo delle persone anziane nella società. La crisi e le manovre attuate dai governi degli ultimi anni- ha detto Giovanni Miceli nella sua relazione congressuale- hanno pesato fortemente sulle fasce sociali piu deboli: anziani, giovani, studenti , peggiorandone le condizioni di vita e facendo crescere fenomeni di esclusione sociale e conflitto generazionale.
“La Uilp -ha concluso- è una categoria viva, presente sul territorio, competente, attiva della nostra società e lo sarà ancora di più alla luce della riforma organizzativa messa in atto dalla categoria, necessaria a creare una un’organizzazione più snella, capillare e dinamica, puntando su una sempre più decisiva valorizzazione del ruolo dell’iscritto e delle presenze territoriali. quindi una categoria forte, che continua ad avere iscritti e consensi e che può rappresentare un elemento di forza e uno stimolo per tutta la Uil”.

dav

dav

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO