Home / ambiente  / Inizio differenziata, nel centro storico, i residenti dei vicoli più stretti e delle scalinate, dovranno lasciare i mastelli nella strada più vicina raggiungibile dai mezzi delle imprese. A Fontanelle intanto continua la distribuzione dei mastelli per chi non li avesse ancora ritirati
   

Inizio differenziata, nel centro storico, i residenti dei vicoli più stretti e delle scalinate, dovranno lasciare i mastelli nella strada più vicina raggiungibile dai mezzi delle imprese. A Fontanelle intanto continua la distribuzione dei mastelli per chi non li avesse ancora ritirati

 

Questa sera, 16 febbraio è l’ultimo giorno in cui gli agrigentini potranno conferire i rifiuti in maniera indifferenziata nei cassonetti che fino ad ora sono serviti per effettuare il servizio di raccolta da parte degli operatori ecologici. Il sabato, come da consuetudine, la spazzatura non si conferisce e da domenica sera alle 20, sarà possibile iniziare a lasciare i mastelli per la raccolta differenziata che inizierà lunedì mattina.

In particolare, nel centro storico, i residenti dei vicoli più stretti e delle scalinate, dovranno lasciare i mastelli nella strada più vicina raggiungibile dai mezzi delle imprese. Questo perchè, in molte vie del centro storico cittadino, è impossibile anche per i mezzi più piccoli delle imprese, arrivare e soprattutto fare manovra per tornare indietro o proseguire. Stesso discorso per chi abita lungo le tante scalinate della città. Gli operatori ecologici infatti non potranno salirle e scenderle con i mastelli pieni uno per volta, proprio per riuscire a completare il servizio nei tempi contrattuali previsti.

Da lunedì inizierà infatti la raccolta differenziata i con un preciso calendario contenuto nella brouchure di colore giallo che è stata distribuita ai cittadini al momento della consegna dei mastelli di colore diverso per il porta a porta. Lunedì  il primo conferimento sarà dedicato all’umido, alla carta e al cartone. Il martedì sarà la volta della plastica e metalli, il mercoledì ancora l’umido, il giovedì il secco non riciclabile, il venerdì la plastica e i metalli e infine il sabato, umido e vetro. I mastelli dovranno essere esposti dalle 20 di domenica sera ed entro le 6 del mattino del giorno della raccolta. Stessa cosa per gli altri giorni.

Le imprese Iseda e Sea inoltre, invitano i cittadini, soprattutto quelli che abitano in condomini numerosi o in cooperative, a munire i propri mastelli, di targhette identificative o di scrivere con un pennarello il proprio nome e cognome, in modo che al momento del ritiro, dopo che gli operatori ecologici li avranno svuotati, non si farà confusione e non si mischieranno i contenitori stessi.

Infine, per chi non avesse ancora effettuato il ritiro dei mastelli, si ricorda che è possibile farlo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17.30 e il sabato dalle 8.30 alle 14, negli uffici comunali di via Pancamo a Fontanelle. Chi ancora non li avesse, in attesa di ritirarli, da lunedì potrà lasciare fuori casa l’umido in sacchetti biodegradabili e la carta e cartone in un sacchetto di carta o in uno scatolo.

4 COMMENTI
  • Avatar
    philips 17 Febbraio 2018

    La differenziata è una cosa meravigliosa, ma, leggendo l’articolo, ed era mia perplessità relativamente alle scale di cui è ricca la città, immagino i residenti a portare i cestelli ogni sera a fine scalinata o nella via larga più vicina, tanto varrebbe portare i cestelli direttamente alla discarica con un pò di sacrificio in più. Aggiungo che questo sistema contribuirà pesantemente a rendere gli immobili del centro storico meno appetibili, e quindi ad abbandonarli al loro destino. Le cose belle bisogna saperle organizzare e fare.

  • Avatar
    Agrigentino esaurito 17 Febbraio 2018

    Cosi si fa il porta a porta??? Io ho l’artrosi! Secondo questi geni mi dovrei caricare un contenitore piu largo di me e pieno di rifiuti alle 6 del mattino e portarlo nella prima strada vicina 40 metri da casa mia. Poi secondo questi geni aspettare che vengono a ritirarlo sd un orario che non so e andarlo a riprendere! Questo snche se piove e tira vento! Da denuncia penale. Piuttosto la butto nel gabinetto la spazzatura! Assurdo

    • Avatar
      philips 17 Febbraio 2018

      Ha perfettamente ragione,Lei dovrebbe buttarla a 40 metri, ma c’è gente nella zona alta di Agrigento (poiu san Micheli) salinata Madonna degli Angeli, e circondario, Via mOrazio fino alla Chiesa Madonna degli Angeli, Via Botteghelle etc. che dovrebbero fare 100-150 metri, consideri gente anziana e ammalata e la frittata è fatta. Ma ricordiamoci sempore che Pirandello ,poteva nascere solamente qui, altrimenti non sarebbe stato il genio chè è.Ma noi di questi pseudo geni oggi ne abbiamo a iosa.

  • Avatar
    Salvo 18 Febbraio 2018

    Gli geni si sono impegnati molto per scegliere la migliore soluzione. Poi si sono accorti che la città ha una sua particolare conformazione viaria e non solo.
    Il regolamento prevede il ritiro porta a porta e non il deposito a 40 o 100 mt.
    Complimenti a Firetto Fontana e tra un po anche Hamel

POSTA UN COMMENTO