Home / Attualità  / Dell’Utri scrive dal carcere

Dell’Utri scrive dal carcere

Nel dicembre scorso, al primo no del Tribunale di Sorveglianza di Roma alla sua scarcerazione per motivi di salute, Marcello Dell’Utri ha commentato: “La mia è una condanna a morte”. Adesso, al secondo no, l’ex senatore ha scritto una lettera, indirizzata ai suoi avvocati, Alessandro De Federicis e Simona Filippi.

Si tratta di poche righe scritte nel centro clinico del carcere di Rebibbia a Roma, dove Dell’Utri sconta una condanna a 7 anni di reclusione per concorso esterno all’associazione mafiosa. E nella missiva si legge: “Sono amareggiato più che sorpreso per l’ennesimo atto di crudeltà giudiziaria compiuto ai miei danni. Ed è un atteggiamento lamentato anche da diversi detenuti nelle mie stesse, se non peggiori, condizioni”.

E poi aggiunge: “Contro ogni obiettivo esame della situazione patologica, il tribunale di Sorveglianza di Roma si prodiga in una motivazione fantasiosa che non può trovare accoglimento in una normale intelligenza e in un animo sereno”. E quale sarebbe tale motivazione fantasiosa? Il collegio dei giudici, presieduto da Luisa Martoni, premettendo che le patologie di cui soffre Marcello Dell’Utri non sono in stato avanzato, hanno rilevato che è in grado di deambulare, e quindi potrebbe scappare. Forse i magistrati fondano le proprie riserve sul precedente dell’allontanamento di Dell’Utri in Libano a Beirut. E lui replica scrivendo: “La storia della latitanza in Libano è una leggenda vera e propria per cui ho chiesto ai miei difensori di far acclarare una volta per tutte la verità dei fatti”. Poi Dell’Utri, cardiopatico, diabetico e malato oncologico, si sofferma sulle sue condizioni di salute e sulla necessità di cure adeguate, e scrive: “Ancora più mi meraviglia il fatto che nulla è stato disposto perchè mi sia praticata una forma di terapia effettiva, idonea e concreta, compatibile con il mio stato”. E a fronte di ciò i magistrati di Sorveglianza hanno ravvisato che Dell’Utri è curabile nei reparti Sai, Servizi assistenza intensificata, che sono in funzione nelle carceri. E la moglie di Marcello Dell’Utri, Miranda Ratti, commenta: “Come intendono curare mio marito? Tenendolo chiuso 24 ore su 24 in una cella senza neanche la minima possibilità di muoversi e di respirare all’aria aperta? Questo è il diritto alla salute e alla dignità umana?”

A.R. (teleacras)

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO