Home / In evidenza  / “Dai forestali all’Esa, dall’Aras e al comparto agroalimentare, un settore che, pur nella crisi del mercato, rappresenta una fascia di economia basilare per la nostra isola”Confcommercio

“Dai forestali all’Esa, dall’Aras e al comparto agroalimentare, un settore che, pur nella crisi del mercato, rappresenta una fascia di economia basilare per la nostra isola”Confcommercio

Gero Acquisto – Segretario Territoriale della Uila di Agrigento – in vista del prossimo Congresso Territoriale che si celebrerà il 23 febbraio a Cammarata, esprime delle valutazioni sui settori della categoria che rappresenta. Un mondo ampio e importante nel tessuto siciliano, che va dai forestali all’Esa, dall’Aras e al comparto agroalimentare, che è un settore che, pur nella crisi del mercato, rappresenta una fascia di economia basilare per la nostra isola.
“La Uila di Agrigento – continua Acquisto – affronterà nel VI° Congresso Territoriale le problematiche in atto che riguardano un settore quale quello del mondo dell’agricoltura e tutti gli annessi che meritano attenzione.
Purtroppo dopo i fallimenti del Governo regionale Crocetta, che ha lasciato il sistema nel limbo e nella crisi, con fantomatiche riforme mai attuate, e in primis il mondo forestale in Sicilia; abbiamo iniziato con il neo Governo Musumeci più o meno sulla stessa lunghezza d’onda.
Riavvolgendo il nastro ancora una volta non vorremmo trovarci a dover assistere a un Governo che annuncia, come ha fatto lo stesso Musumeci in campagna elettorale, di trovare soluzioni migliorative per il sistema forestale e l’utilizzo degli stessi lavoratori, con dei progetti utili alla salvaguardia del patrimonio boschivo e non solo, e adesso si è in ritardo e si mettono a rischio pure le giornate lavorative degli stagionali.
Infatti sul comparto forestale della manutenzione e sul servizio antincendio non si ha contezza delle risorse disponibili (in particolare quelle derivanti dalla indispensabile attività progettuale basata su fondi FSC, PSR e del Piano contro il dissesto idrogeologico del Governo Nazionale, che incidono per più del 50% del fabbisogno; ad oggi, a quanto ci risulta, totalmente al palo), sia per l’inizio delle attività lavorative, sia per il completamento delle giornate di legge.
Ecco perché ritornare a una stagione di insicurezza per i lavoratori non è più concepibile e al Congresso affronteremo queste tematiche, non solo come tema congressuale ma come momento per rilanciare questi settori e la vita di migliaia di lavoratori, che devono avere un percorso più stabile con un confronto finalmente costruttivo con il governo regionale, che dai suoi primi passi non ha dimostrato ancora quale indirizzo e quale viatico intraprendere per dare risposte e progettualità a questo mondo che non può vivere nell’eterno precariato.”

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO