Home / In evidenza  / Domani ultimo giorno per conferire nei cassonetti di agrigento
   

Domani ultimo giorno per conferire nei cassonetti di agrigento

 

Raccolta differenziata ad Agrigento
Domani ultimo giorno di raccolta rifiuti “tradizionale”.
Da lunedì inizia il servizio “porta a porta”.

Conto alla rovescia per l’avvio della raccolta differenziata ad Agrigento. Domani, venerdì 26 gennaio, è infatti l’ultimo giorno in cui gli agrigentini potranno conferire i rifiuti in maniera indifferenziata nei cassonetti che fino ad ora sono serviti per effettuare il servizio di raccolta da parte degli operatori ecologici.
Dall’alba di sabato mattina infatti, gli operai di Iseda e Sea, dopo avere svuotato i cassonetti, provvederanno a ribaltarli e dunque a renderli inutilizzabili, mentre dei giorni successivi, verranno definitivamente tolti da strade e marciapiedi.
Da lunedì inizierà infatti la raccolta differenziata in tutto il centro agrigentino anche per i privati con un preciso calendario contenuto nella brouchure di colore giallo che è stata distribuita ai cittadini al momento della consegna dei mastelli di colore diverso per il porta a porta. Lunedì 29 gennaio, il primo conferimento sarà dedicato all’umico, alla carta e al cartone. I mastelli dovranno essere esposti all’esterno delle abitazioni o del condominio dalle 20 di domenica sera ed entro le 6 del mattino del giorno della raccolta. Così anche per i giorni successivi. I contenitori vanno esposti nell’arco di tempo che va dalle 20 alle 6 del mattino.
“Inizia una nuova era anche per Agrigento – ha spiegato l’amministratore delegato di Iseda Giancarlo Alongi – che siamo fiduciosi, possa essere abbracciata con entusiasmo dai cittadini della città dei templi. Siamo consapevoli che soprattutto all’inizio ci potranno essere delle difficoltà per molti utenti a cambiare radicalmente quelle che sono le abitudini fino a questo momento avute, ma siamo certi che con uno sforzo sinergico di tutti, si possano ottenere buoni risultati”.
E per guidare al meglio i cittadini in questa prima fase che accompagna il passaggio dai vecchi cassonetti ai nuovi contenitori, gli operatori ecologici, saranno, già da lunedì, dotati di adesivi che verranno apposti sui mastelli che non conterranno i rifiuti del giorno previsto. Sull’adesivo, verrà segnato se si tratta di un errore dovuto ad un giorno di esposizione non corretto, al contenuto o al sacco non conforme o se si tratta di rifiuti non correttamente differenziati.
Degli eventuali errori, saranno informati gli uffici preposti anche se per i primi tempi è prevista una certa tolleranza e non verranno elevate sanzioni.
Intanto, continua al Palacongressi del Villaggio Mosè, la consegna dei kit per il porta a porta. Il servizio viene effettuato regolarmente dalle 9

1COMMENTO
  • Avatar
    spinoza 26 Gennaio 2018

    Aggiornamento di questi minuti: slitta l’avvio adella Differenziata in Città al 19 febbraio 2018.
    Non più dunque dal 29 gennaio.
    Sindaco e (neo) assessore hanno preso coscienza che – oggettivamente – l’avvio della Differenziata (così come concepita dall’ormai (ex) assessore, e cioè centinaia di mastelli individuali in fregio alle vie e viuzze della Città (alla mercè dei randagi) da ritirare poi (sporchi) e riportare (a casa) avrebbe creato il caos.
    Con una (prevista) sensibilità del (neo) assessore, condivisa dal Sindaco si è avuto il “coraggio” di rinviare (solo gli imbecilli….non cambiano idea!!!!!!) per trovare i doverosi rimedi (Carrellat iCondominiali), l’alternativa ….sarebbe stata un prevedibile , grande, fragoroso, flop di cui avrebbero parlato i media nazionali (striscia, iene, ecc) e questo – per una città in corsa a capitale della cultura 2020 – non sarebbe stato un buon viatico.
    Gli agrigentini, per una volta sono stati trattati da cittadini e non da sudditi.
    E’ un buon inizio.
    L’Amministratore di ISEDA, a questo punto, metta in luce tutta la sua pregressa esperienza accumulata in tema di raccolta differenziata (anche al Nord Iitalia) e dia il contributo di idee relativo ai carrellati Condominiali che ben conosce per averli utilizzati nel servizio di raccolta.
    La Raccolta Differenziata viene (egregiamente) fatta anche in Sicilia (Madonie sopratutto) con punte del 95%, non è solo una prerogativa dell’Italia Settentrionale: basta organizzarla bene e tutto va al meglio (i primi tempi ci si dovrà abituare, ma i riflessi sull’ambiente urbano e sui costi alla lunga si vedranno).
    Speriamo bene.

POSTA UN COMMENTO